DOPO DUE SETTIMANE DI RICOVERO, UNA 87ENNE MENTRE VIENE DIMESSA DALL'OSPEDALE CADE DALLA BARELLA E MUORE – IL FATTO È ACCADUTO A TERMINI IMERESE (PALERMO): LA DONNA È RIMASTA TRE GIORNI IN UNO STATO DI SEMI-INCOSCIENZA PRIMA DI MORIRE – I PARENTI DELLA POVERETTA HANNO SPORTO DENUNCIA ED È STATA APERTA UN’INCHIESTA PER OMICIDIO COLPOSO – PER EVITARE DI PORTARLA A CASA IN AUTO I FAMILIARI DELLA VITTIMA SI ERANO AFFIDATI A UN’ASSOCIAZIONE PRIVATA…

-

Condividi questo articolo


PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORSO

(Adnkronos) - Dopo un ricovero in ospedale di due settimane per una insufficienza renale viene dimessa e i figli decidono di portarla a casa su un'ambulanza privata. Ma mentre l'anziana signora è sulla barella nel tragitto dal Pronto soccorso all'ambulanza, la barella si ribalta e V.G., che a settembre avrebbe compiuto 88 anni, cade e batte la testa. Dopo una ricovero di tre giorni in semi incoscienza è morta. E' accaduto a Termini Imerese (Palermo) dove la Procura, dopo la denuncia presentata dai parenti, ha aperto una inchiesta per omicidio colposo. E' stato anche disposto il sequestro della salma, in attesa dell'autopsia. La signora V.G. era stata ricoverata lo scorso 29 febbraio al Pronto soccorso di Termini Imerese e il 3 marzo era stato trasferita nel reparto di Medicina, per una insufficienza renale.

PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORSO

 

"Le condizioni erano migliorate - racconta all'Adnkronos il legale della famiglia Paolo Sanfilippo - e l'11 marzo i medici hanno disposto le dimissioni della signora. I familiari hanno ritenuto opportuno affidarsi a una associazione privata che trasporta i degenti in ambulanza, per evitare di portarla a casa in auto. Così è arrivata l'ambulanza, la signora è stata caricata dal quarto piano, ma poco prima che salisse in ambulanza nella zona antistante al pronto soccorso, la signora è caduta e ha battuta la testa". Dopo la caduta l'anziana è stata ricoverata ma dopo 3 giorni è morta.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?