GLI EFFETTI DELLA PANDEMIA - NEL 2020 GLI USA HANNO SPERIMENTATO IL PIU' ALTO INCREMENTO DI OMICIDI DA QUANDO SI E' COMINCIATO A REGISTRARNE IL NUMERO A LIVELLO NAZIONALE NEL 1960: +29% - IL PRECEDENTE RECORD ERA DEL 12,7% NEL 1968, ANNO CRUCIALE DELLE LOTTE PER I DIRITTI CIVILI...

-

Condividi questo articolo


Pistola Pistola

(ANSA) - Nel 2020 gli Usa hanno sperimentato il piu' alto incremento di omicidi da quando si e' cominciato a registrarne il numero a livello nazionale nel 1960: +29%. I dati saranno diffusi lunedi' ma sono gia' disponibili sul sito dell'Fbi, come scrive il New York Times. Il precedente record era del 12,7% nel 1968, anno cruciale delle lotte per i diritti civili. Il tasso nazionale di delitti - numero di omicidi ogni 100 mila abitanti - resta ancora un terzo sotto quello dei primi anni '90. I dati per l'anno in corso indicano un aumento piu' rallentato rispetto al 2020.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”