EINSTEIN AVEVA RAGIONE! - PER LA PRIMA VOLTA SIAMO IN GRADO DI AMMIRARE L'IMMAGINE DI "SAGITTARIUS A", IL BUCO NERO CHE SI TROVA AL CENTRO DELLA VIA LATTEA - LA SUA ESISTENZA ERA STATA TEORIZZATA DA TEMPO, E LA SUA OSSERVAZIONE DIRETTA È UN'ULTERIORE CONFERMA DELLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ - IL CORPO CELESTE SI TROVA A A CIRCA 27 MILA ANNI LUCE DALLA TERRA E...

-

Condividi questo articolo


Da www.rainews.it

 

il buco nero Sagittarius A il buco nero Sagittarius A

Nel cuore della Via Lattea c'è un vorace buco nero. La sua presenza era stata teorizzata da tempo, ma ora ne abbiamo la certezza: la collaborazione internazionale EHT ha diffuso la sua immagine. Si tratta di un risultato straordinario, ottenuto dopo anni di lavoro e presentato in una serie di conferenze stampa organizzate in contemporanea in tutto il mondo, dalla Germania agli Stati Uniti, dal Giappone alla sede centrale dell'Istituto Italiano di Astrofisica a Roma.

 

il buco nero Sagittarius A il buco nero Sagittarius A

Una regione scura circondata da un anello luminoso, cioè la radiazione sprigionata dalla materia che si surriscalda prima di precipitare al suo interno: Sagittarius A*, questo il suo nome, ha un aspetto simile a quello del primo buco nero mai osservato, quello nella galassia M87 a 55 milioni di anni luce di distanza da noi. Anche in quel caso, era il 2019, l'impresa riuscì alla collaborazione EHT. Le osservazioni hanno confermato che la sua massa è circa 1500 volte meno di quella del buco nero di M87 ma comunque circa 4 milioni di volte superiore a quella del Sole. Il suo diametro è paragonabile all'orbita di Mercurio.

 

il buco nero Sagittarius A il buco nero Sagittarius A

Sagittarius A* si trova a circa 27 mila anni luce dalla Terra. Non rappresenta dunque un pericolo. La prima straordinaria osservazione diretta è invece un'eccezionale fonte di dati per gli astrofisici, che ora dispongono di molte più informazioni sulla struttura e il comportamento dei buchi neri e sulle leggi che governano il Cosmo. Le similitudini fra questo oggetto e quello della galassia M87 sono anche un'ulteriore conferma della Teoria della Relatività Generale di Einstein, che mostra di funzionare anche in luoghi dell'Universo dove le condizioni sono estreme come l'orizzonte degli eventi di un buco nero.

il buco nero Sagittarius A il buco nero Sagittarius A

 

EHT, sigla che sta per Event Horizon Telescope, è una collaborazione internazionale nata proprio per raggiungere uno degli obiettivi più ambiziosi dell'astrofisica moderna: osservare direttamente l'ambiente circostante di un buco nero. Il progetto utilizza la tecnica dell'interferometria radio a lunga distanza, che utilizza dati raccolti contemporaneamente da otto grandi radiotelescopi sparsi in tutto il mondo, creando così un interferometro virtuale potentissimo, delle dimensioni pari a quelle della Terra stessa. All'attività partecipano numerosi ricercatori italiani di vari istituti, come INAF, INFN e numerose università italiane. In prima fila anche ESO, lo European Southern Observatory. 

il buco nero Sagittarius A il buco nero Sagittarius A

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute