“FATECI PASSARE” - I 6 MILA MIGRANTI PARCHEGGIATI SULL’ISOLA DI LESBO, IN GRECIA, PROTESTANO CONTRO LA LENTEZZA DELLE PROCEDURE D’ASILO: A FUOCO I CENTRI DI ACCOGLIENZA - IL “RUBINETTO APERTO” DI TSIPRAS: 10 MILA DISPERATI SONO UFFICIALMENTE SCOMPARSI DAL SUOLO GRECO SENZA LASCIARE TRACCIA

Condividi questo articolo


Francesco De Palo per “il Giornale”

 

Un fuoco appiccato per protestare contro le disumane condizioni in cui si trovano negli hotspot fatti costruire da Tsipras a Moria, ma soprattutto contro le politiche migratorie targate Ue che, dopo i miliardi spesi nell' accordo placebo con Erdogan, non hanno sciolto il tragico «ingorgo» presente ancora in Grecia.

PROTESTE DEI MIGRANTI A LESBO PROTESTE DEI MIGRANTI A LESBO

 

I 6mila richiedenti asilo dell'isola di Lesbo, la cui capienza invece è di circa la metà, ieri mattina hanno protestato per il ritardo con cui si esaminano le richieste. Si sentono intrappolati nell' atollo all' estremo oriente del Mar Egeo e lo hanno fatto sapere alle autorità elleniche e agli addetti dell' Ufficio europeo per il sostegno alle procedure d' asilo (Easo) contro cui hanno gettato molotov e sassi.

 

Il responsabile di Easo nell' isola, Jean-Pierre Schembri, chiede una maggiore presenza delle forze dell' ordine in loco. Ma il problema non è questo, dato che le proteste di isolani e albergatori contro la costruzione degli hotspots erano state tenacemente sedate nei mesi scorsi dai poliziotti anche con il lancio di lacrimogeni, sferrati contro chi chiedeva solo di non danneggiare il turismo locale.

 

PROTESTE DEI MIGRANTI A LESBO PROTESTE DEI MIGRANTI A LESBO

Piuttosto la maggiore criticità si trova alla voce nuovi arrivi, che sono ricominciati dalle coste turche dove si trova la base logistica che gestisce anche gli arrivi sulle coste del Salento. Nello scorso fine settimana hanno toccato quota 330, di cui 116 a Lesbo, 64 nella vicina Chios e 156 a Samos, contribuendo a far lievitare le presenze nelle tre isole che, dinanzi ad una capienza massima di 5mila migranti, attualmente ne ospitano 11.500.

 

PROTESTE DEI MIGRANTI A LESBO PROTESTE DEI MIGRANTI A LESBO

La plastica raffigurazione del caos che sta andando in scena in Grecia si ritrova in un'azione dei Vigili del Fuoco di Lesbo, che ieri sono stati chiamati nei pressi del porto di Mitilini per spegnere un incendio scoppiato su un camion di mangimi, pronto a salpare per il Pireo: su quel camion erano decine gli immigrati pronti a nascondersi per tentare la fuga verso il continente. Solo l' incendio ha impedito l'ennesimo viaggio della speranza, come quello che sarebbe già stato effettuato dai 10mila migranti ufficialmente scomparsi da suolo greco e di cui il Governo non ha traccia.

 

migranti Grecia migranti Grecia

Altro fronte caldo è a Evros, confine settentrionale tra Grecia e Turchia dove la permeabilità della frontiera fa il paio con un' invasione di clandestini. A lanciare l' allarme è il capo della polizia di frontiera, Chrysovalantis Gialamas, che chiede a Bruxelles di intervenire. Dopo il fallito golpe turco, ha dichiarato, i flussi migratori sono aumentati notevolmente. Lo definisce un «rubinetto aperto» con i fermi di migranti irregolari e rifugiati che hanno toccato il 91% dei passaggi, numero che è stato tre volte quello dei trafficanti di stupefacenti.

migranti rispediti dalla grecia alla turchia 9 migranti rispediti dalla grecia alla turchia 9

 

Ma non si tratta di siriani in fuga dalla guerra, dice, quelli sono solo il 10%: siamo in presenza di una vera e propria flotta di pakistani tra i 20 e i 40 anni «tecnologicamente dotati». Dai trafficanti hanno ricevuto un gps a testa per arrivare in Grecia e da lì raggiungere l' Europa.

 

Intanto è allarme per i reati connessi alla presenza di minori non accompagnati. Due giorni fa a Katerini una coppia di cittadini bulgari è stata arrestata: stava per vendere a due donne un neonato di appena una settimana di vita a 8mila euro. Il tutto nel giorno di insediamento di Anastasios Salter come nuovo segretario generale per l' immigrazione. Il suo predecessore, Odysseas Voudouri, si era dimesso due mesi fa denunciando sprechi di risorse e l' assenza di deleghe da parte del ministro dell' Interno, senza le quali era impossibile agire.

migranti rispediti dalla grecia alla turchia 8 migranti rispediti dalla grecia alla turchia 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute