FENOMENOLOGIA DEGLI HATERS - GLI STUDIOSI DEL WEB HANNO TRACCIATO UNA SCALA DI GRAVITÀ: I MENO PERICOLOSI SONO I TROLLS, CHE PROVANO GUSTO A DISSEMINARE DISSENSO - IN CIMA ALLA LISTA CI SONO COLORO CHE NON VOGLIONO SOLO IRRITARE MA INTENDONO GENERARE ODIO, RAZZISMO, DISCRIMINAZIONE - IL DOCUMENTARIO “THE INTERNET WARRIORS” (VIDEO)

-

Condividi questo articolo

 

IL VIDEO INTEGRALE

https://www.internazionale.it/video/2017/05/17/internet-commenti

 

Anna Guaita per “il Messaggero”

 

L' odio corre nel Web. Alle volte è contagioso e si moltiplica, come una valanga.

Alle volte genera reazioni di indignazione e solidarietà per le vittime. Alle volte si arena, muore di morte naturale. Ma una cosa è certa: nonostante gli sforzi di tutti i giganti di Internet, nonostante le campagne e i tentativi di educare l'opinione pubblica, l'odio continua a dilagare in forme sempre più complesse e subdole.

 

selvaggia lucarelli e i bulli da tastiera 5 selvaggia lucarelli e i bulli da tastiera 5

IL DOCUMENTARIO THE INTERNET WARRIORS DI KYRRE LIEN IL DOCUMENTARIO THE INTERNET WARRIORS DI KYRRE LIEN

HUMUS

Negli Stati Uniti, la campagna elettorale presidenziale è stata terreno fertile per l'esplosione di rancore e aggressività in tutte le chat room e nei social network. Proprio in questi giorni, dalle udienze al Senato sul Russiagate (lo scandalo delle presunte manipolazioni russe ai danni della candidata democratica Hillary Clinton), si è scoperto che Mosca aveva finanziato almeno un migliaio di siti perché mettessero in circolazione storie false, il più possibile dannose per la signora.

 

Una bella fetta della popolazione che già odiava Hillary ha creduto senza esitazione che certi racconti fossero veri, e li ha rilanciati. Un esempio simbolo di questa ondata di malevolenza ad personam è la finta storia di una pizzeria di Washington, dove Hillary Clinton avrebbe organizzato un giro di prostituzione infantile. Solo quando un uomo armato di fucile è arrivato alla pizzeria, deciso a far giustizia, finalmente la verità è venuta a galla, e gli haters, gli odiatori di professione, hanno smesso di diffondere la crudele accusa.

IL DOCUMENTARIO THE INTERNET WARRIORS DI KYRRE LIEN IL DOCUMENTARIO THE INTERNET WARRIORS DI KYRRE LIEN

 

Ma per un caso di odio che si risolve, migliaia, se non milioni, continuano a correre nelle pieghe del Web. Alle volte a generare i messaggi di odio sono gruppi o associazioni. I servizi segreti russi sono l' esempio più eclatante.

 

GRUPPI

Ma negli Usa ci sono anche gruppi come la Westboro Baptist Church, una chiesa battista integralista che riempie il web di astio contro i gay. O organizzazioni antifemministe come Women-against-Men, il cui blog è dedicato a denigrare le donne. Ma il più delle volte gli haters sono gente comune, che magari nella vita normale è anche gentile e cordiale.

 

HATERS HATERS

Gli studiosi del Web hanno tracciato una scala di gravità: alla base, meno pericolosi, sono i trolls, coloro che provano gusto a disseminare dissenso, attaccare un' idea o una persona, e si lanciano con commenti provocatori, nella speranza che la vittima risponda e così si apra un dibattito all' insegna dell' animosità.

 

In cima alla lista ci sono i five stars haters, gli odiatori a cinque stelle, coloro che non vogliono solo irritare o offendere, ma intendono scatenare gli istinti più bassi degli interlocutori, e così minare le fondamenta della società, avvelenare le comunità, generare odio, razzismo, misoginia, discriminazione. Gli individui che usano internet per poter lanciare palate di livore e risentimento talvolta non si nascondono dietro l' anonimato.

 

KYRRE LIEN KYRRE LIEN

TESTIMONIANZE

Anzi, sono pronti a parlare di sé e spiegare perché lo fanno. Il regista norvegese Kyrre Lien li ha studiati per anni, ed ha girato il mondo per andarne a incontrare almeno duecento. Ne ha tratto un documentario, The Internet Warriors, dal quale risulta che tutti costoro sono uniti da una stessa caratteristica: la solitudine. C' è la giovane che si diverte ad attaccare brutalmente attrici belle e celebri, il patriota che non vuole musulmani nel proprio Paese, l' antisemita convinto che Israele e Stati Uniti controllino il mondo, l' anti Hillary che vede nella ex segretario di Stato una minaccia alla sopravvivenza stessa degli Usa.

 

HATERS HATERS

Visti uno a uno sembrano innocui, magari un po' strampalati ma non antipatici. Sono le loro parole che fanno impallidire, l' odio distillato che scaricano nelle loro pagine di FaceBook, di Twitter, o nei messaggi che mandano alle loro vittime. Questo torrente di malevolenza diventa un fiume in piena, genera contagio, si allarga. Ma è anche vero che alle volte l' umanità si ribella.

 

Come nel caso di La' Shaunae Steward, attaccata dal web per le sue dimensioni extralarge. Al torrente di odio, ha risposto uno tsunami di solidarietà e amicizia per la giovane. Niente funziona meglio per tacitare gli haters che un' ondata di segno opposto. Ma laddove non sia possibile, bisogna ricordarsi che si può rivolgersi alle autorità, almeno a quelle internet: Microsoft offre un modulo sul proprio sito, per chi sia diventato vittima di un odiatore, e voglia chiedere aiuto.

IL DOCUMENTARIO THE INTERNET WARRIORS DI KYRRE LIEN IL DOCUMENTARIO THE INTERNET WARRIORS DI KYRRE LIEN

 

Condividi questo articolo

media e tv

BYE BYE RAITRE, ARRIVA “LA CASALESE” - IL NUOVO ASTRO NASCENTE DELLA RAITRE CHE FU DI ANGELO GUGLIELMI E OGGI GUIDATA DAL PARAGRILLINO FRANCO DI MARE È TALE NOEMI GHERRERO, NAPOLETANA COME IL DIRETTORE, UFFICIALMENTE ATTRICE. L’UNICO FILM DA PROTAGONISTA AGLI ATTI SI CHIAMA  ‘OPERAZIONE SPARTACUS, LA CASALESE’ - DOVRÀ AIUTARE I TELESPETTATORI AD ARRICCHIRE IL LORO ITALIANO IN UN PROGRAMMA ISPIRATO AL VECCHIO MAESTRO MANZI. MA BASTA DARE UN'OCCHIATA AL SUO PROFILO FACEBOOK PER CAPIRE CHE FORSE ANCHE LEI AVREBBE BISOGNO DI UN RIPASSO...

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA MINCHIATA RESTA SEMPRE UNA MINCHIATA. O NO? - OTTAVIO CAPPELLANI: ''IN AEREO CI SI PUÒ SEDERE ATTACCATI MA LE CAPPELLIERE SONO VIETATE. NIENTE BAGAGLI. LA REGOLA FA VACILLARE LA MENTE.  IN PIEDI, CON LE BRACCIA ALZATE E UNO ZAINETTO IN MANO L’ESSERE UMANO E' PIÙ SENSIBILE AL CORONAVIRUS? SI TRASMETTE ATTRAVERSO LE ASCELLE? - REGOLE RIGIDE PER GLI SPETTACOLI ALL'APERTO, POI SALI SU UN AUTOBUS E ADDIO DISTANZIAMENTO. E POI PERCHÉ I MIGRANTI VENGONO TAMPONATI E QUARANTENATI MA I TURISTI NO? LA POVERTÀ AIUTA IL CONTAGIO?''