IL FUTURO CHE ATTENDE IL CRISTIANESIMO IN EUROPA - POCHI FEDELI ALLE FUNZIONI E LA CATTEDRALE DI UTRECHT, IN OLANDA, FINISCE IN VENDITA - L'ARCIDIOCESI PIU’ GRANDE DEL PAESE, A CAUSA DEL CROLLO DELLE OFFERTE, NON PUÒ PIÙ PERMETTERSI DI GESTIRE L'EDIFICIO, CHE HA MEZZO MILLENNIO DI STORIA ED È CATTEDRALE DAL 1853 -

-

Condividi questo articolo


Giuliano Guzzo per “la Verità”

 

Che per il cattolicesimo, in Olanda, non fossero tempi felici si sapeva. Che in casi simili dei beni ecclesiastici possano essere ceduti, pure. Nessuno però si sarebbe mai aspettato che l' arcidiocesi di Utrecht, la più grande del Paese, sarebbe arrivata a mettere in vendita la propria cattedrale. Eppure è esattamente quanto sta accadendo, con il cardinal Willem Eijk alla ricerca di una nuova canonica.

 

CATTEDRALE SANTA CATERINA UTRECHT CATTEDRALE SANTA CATERINA UTRECHT

Sì, perché a fronte del calo dei fedeli e quindi delle offerte l' arcidiocesi, la chiesa di Santa Caterina, non può più permettersela. Nonostante, lo si ripete, l' edificio, che ha mezzo millennio di storia ed è cattedrale dal 1853, sia a tutti gli effetti sede e casa dell' arcivescovo. Un evento che non ha precedenti.

 

«È il primo caso nella storia in cui un vescovo si ritrova senza un tetto per motivi di tagli», conferma il professor Peter Nissen, storico della Chiesa il quale sottolinea come in terra olandese si siano verificati solo due episodi in qualche modo simili: nel XVII secolo, quando il vescovo di Roermond fu costretto a spostarsi perché la sua congregazione era cresciuta troppo di numero, e nel 1968, quando il vescovo di Breda lasciò la sua cattedrale, che risultava pericolante.

 

In nessun caso, però, la cattedrale era stata abbandonata per l' impossibilità di mantenerla. E mai, soprattutto, era stata messa in vendita come adesso, con l' arcidiocesi che spera di cederla al vicino Museum Catharijne Convent, un ex convento, tanto per restare in tema, trasformato in galleria d' arte. All' origine di questa situazione, una secolarizzazione che si sta rivelando letale. Basti dire che, se nel 1980 i cattolici di Utrecht erano 942.000, oggi sono poco più di 750.000.

 

CATTEDRALE SANTA CATERINA UTRECHT CATTEDRALE SANTA CATERINA UTRECHT

Quelli che però frequentano la chiesa sono ancora meno dato che, secondo dati diffusi dalla Radboud university di Nijmegen, ammonterebbero a 158.000. Il che spiega come mai, delle 377 parrocchie che si contavano negli anni '50, oggi ne restino poco più di 200, e se la musica non cambierà tra meno di dieci anni, su 280 chiese, ne rimarranno aperte al culto forse una quindicina.

 

Per la cattedrale Utrecht però è diverso, dato che non è solo la casa del cardinal Eijk. È un simbolo. Di qui una crescente mobilitazione dei cattolici olandesi che, al grido di «salviamo la cattedrale di santa Caterina», hanno lanciato una petizione per opporsi alla sconsacrazione e alla vendita della chiesa, annunciata in seno al consiglio parrocchiale lo scorso 18 febbraio.

 

Nel frattempo, come si diceva, Eijk, arcivescovo di Utrecht dal 2007, sta cercando un tetto. Al momento la sue destinazioni più probabili potrebbero essere la parrocchia di Sant' Agostino, sempre in città, oppure ad Apeldoorn, che però dista oltre 60 chilometri dalla città.

CATTEDRALE SANTA CATERINA UTRECHT CATTEDRALE SANTA CATERINA UTRECHT

 

Più che una trasferta, quello dell' arcivescovo rischia dunque di essere in un vero proprio esilio. Che a questo punto può essere scongiurato solo dall' attivismo dei parrocchiani, animati dalla convinzione che «chiudere la cattedrale e così rimuovere la visibilità del cattolicesimo dal centro città non farà che prevenire la crescita della comunità in futuro». Al momento la loro petizione, lanciata su Internet, ha avuto quasi 1.800 adesioni. Il destino della più grande cattedrale cattolica d' Olanda resta più incerto che mai.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…