GIALLO MARADONA – ACCELERATA NELL’INCHIESTA SULLA MORTE: LEOPOLDO LUQUE, MEDICO PERSONALE DEL CAMPIONE, È INDAGATO PER OMICIDIO COLPOSO – LA CASA E LA CLINICA DEL DOTTORE SONO STATE PERQUISITE MENTRE SI CERCA DI CAPIRE SE, DURANTE IL RICOVERO DOMICILIARE, CI SONO STATE IRREGOLARITÀ - LE FIGLIE DI DIEGO LO HANNO INDICATO SENZA INCERTEZZE COME IL PRINCIPALE RESPONSABILE DEL

-

Condividi questo articolo

Carlos Passerini per "www.corriere.it"

 

leopoldo luque e maradona 2 leopoldo luque e maradona 2

L’inchiesta sulla morte di Diego Maradona sta avendo in queste ore un’accelerata decisiva. La casa e la clinica del dottor Leopoldo Luque, medico personale del campione, sono stare perquisite dagli inquirenti. C’è da capire se ci sono state irregolarità o errori. Secondo il quotidiano argentino La Nacion, il medico «è diventato il primo indagato dell’inchiesta, che per il momento è di omicidio colposo». A darne notizia sono fonti giudiziarie.

 

«Dobbiamo determinare se durante il ricovero domiciliare ci sono state irregolarità», hanno spiegato i giudici. Quello che è certo è che Luque — neurochirurgo e personaggio controverso che lavorava per Diego dal 2016 ma con il quale il campione aveva litigato — non era presente nella casa di Tigre al momento della morte di Diego, avvenuta alle 12 argentine (le 16 italiane) di mercoledì 25 novembre.

leopoldo luque 3 leopoldo luque 3

 

Personaggio chiave

Le perquisizioni sono state compiute da 60 agenti, 30 nella casa e 30 nella clinica del dottore Luque, che ormai è sempre più la chiave del mistero che sta avvolgendo la morte del campione.

 

Pure le figlie di Diego — Dalma, Gianinna e Jana — lo hanno indicato senza incertezze come il principale responsabile del crollo fisico del padre negli ultimi giorni prima della scomparsa. E insieme a Luque, sostengono alcun fonti, potrebbero rientrare nell’indagine anche il medico-psichiatra che prescriveva i farmaci a Maradona e una persona, non meglio precisata, che si trovava in casa al momento del decesso.

 

Quanti misteri

leopoldo luque e maradona 1 leopoldo luque e maradona 1

Le questioni irrisolte restano dunque molte. Intanto, non si comprende perché Maradona sia stato dimesso così in fretta dopo l’operazione alla testa. Una tesi che anche quella del suo ex medico, Alfredo Cahe, il quale ha detto senza mezzi termini che «sono state sbagliate le cure». E poi ancora: perché in casa non c’era un medico specialista 24 ore su 24? Perché non c’era un’ambulanza stabilmente davanti a casa?

 

A Maradona sono stati prescritti i farmaci giusti? Sono stati rispettati i protocolli di intervento? Perché non c’era un defibrillatore in casa? E, soprattutto, perché Luque non era in casa ma ha chiamato lui il 911, senza peraltro fare il nome di Maradona? Domande che esigono risposta. La morte del Diez non può restare un giallo.

leopoldo luque 1 leopoldo luque 1 MARADONA LUQUE MARADONA LUQUE maradona - chiesa maradoniana maradona - chiesa maradoniana maradona - chiesa maradoniana maradona - chiesa maradoniana leopoldo luque 2 leopoldo luque 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

PIPPITEL – I FRIGNONI E GLI SCAZZI FAMILIARI DI “C’È POSTA PER TE” SU CANALE 5 NON HANNO RIVALI: MARIA LA SANGUINARIA CONQUISTA IL SABATO SERA CON IL 29.6% - SU RAI1 “AFFARI TUOI” SI FERMA AL 16.8% - SU RAI3 “LA DANNAZIONE DELLA SINISTRA – CRONACHE DI UNA SCISSIONE” (4.4%), SU ITALIA 1 “KUNG FU PANDA 3” (4.6%) – “STRISCIA” (17.2%), GRAMELLINI SU RAI 3 (6.9%), GENTILI (5%), GRUBER (4.8%) – NEL POMERIGGIO “AMICI”  20.6% ANNIENTA LA PEREGO CHE CALA ANCORA AL 2.4%

politica

“DOBBIAMO DIRE MESSA CON I FRATI CHE CI SONO” – IL VOLTO DEL DECADIMENTO DELLA CLASSE POLITICA ITALIANA E' BEN RAPPRESENTATO DA BRUNO TABACCI. UN POLITICO PER TUTTE LE MEZZESTAGIONI CHE CONTE HA ARRUOLATO COME “PASTORE” PER CERCARE PECORELLE “RESPONSABILI”: “CREDO CHE PUNTELLARE LA MAGGIORANZA SIA POSSIBILE, ANCHE SE SERVE UN VENTAGLIO DI FORZE PIÙ AMPIO. IL RIMPASTINO NON BASTA. PERÒ NON C'È ALTERNATIVA A CONTE” – “IPOTESI GOVERNISSIMO? UNA SCIOCCHEZZA TOTALE. DRAGHI? IL SUO NOME NON È SUL TAVOLO: È UNA BUFALA DI RENZI…”

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute