UN GIORNO IN PRETURA CON MORGAN – L'INTERROGATORIO-SHOW DEL CANTAUTORE, CHE DEVE RISPONDERE DI DIFFAMAZIONE AI DANNI DI BUGO PER “LE BRUTTE INTENZIONI, LA MALEDUCAZIONE”, LA CANZONE MODIFICATA CHE PORTÒ ALLA SQUALIFICA A SANREMO 2020: “COME SI PUÒ PROCESSARE UN’OPERA D’ARTE, UN GESTO POETICO? NON È STATO PREMEDITATO, HO SCRITTO QUEL TESTO CINQUE MINUTI PRIMA DI SALIRE SUL PALCO. È STATO UN DISSING MA LUI, NON ESSENDO ALL'ALTEZZA, È SCAPPATO…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Alba Romano per www.open.online

 

morgan bugo morgan bugo

«Come si può processare un’opera d’arte, un gesto poetico. È una cosa interessante, meriterebbe un approfondimento questo tema». A dirlo è Morgan, che oggi – martedì 28 maggio – è stato ascoltato davanti al giudice monocratico Marta Bossi di Imperia come imputato nel processo per diffamazione aggravata nei confronti del collega Cristian Bugatti, in arte Bugo, per i fatti avvenuti durante il Festival di Sanremo del 2020.

 

«Stanno processando un’idea artistica, un testo, che non ha volgarità, violenza e pornografia», ha continuato il cantante, riferendosi al brano dal titolo Sincero, in gara 4 anni fa alla kermesse canora. In quell’occasione Bugo lasciò il palco dell’Ariston dopo che Morgan cantò una versione «ritoccata» della loro canzone attaccandolo pubblicamente, lasciando esterrefatti il pubblico e i presentatori, Amadeus e Fiorello. Uscendo da palazzo di giustizia, Morgan ha aggiunto di essersi sentito leso nella propria dignità: «Sta nell’articolo 21 della Costituzione: diritto inviolabile, il merito e il rispetto di una persona, quando viene a mancare questo mancano i presupposti per collaborare».

 

bugo morgan amadeus bugo morgan amadeus

Ma se Bugo le proponesse di tornare sul palco del Festival per fare pace? «Andiamoci piano – ha risposto Morgan -. Sono sempre pronto a riconciliarmi con chiunque, anche con le peggiori esperienze sentimentali [...]».

 

Nell’aula del tribunale, descritto da Morgan come «un palco dove il giudice è la star», era presente anche Bugo, che ha deposto alla scorsa udienza come parte offesa. La vicenda riguarda le frasi e gli appellativi dispregiati rivolti dal cantante che risponde al nome di Marco Castoldi a Cristian Bugatti, in arte Bugo, nel contesto di interviste televisive e in occasione della conferenza successiva alla finale del Festival di Sanremo del 2020, tra cui – ricorda La voce di Imperia – “dilettante”, “figlio di p…na”, “incapace di tenere il palco”, “pronto a vendere la madre per il successo”, “uno che non ce la farà mai”, “massacratore e stupratore di canzoni”, “stupida testa di c…o”, “mentecatto”, “plagiato”, “stupida testa di c…o”).

MORGAN MORGAN

 

[...]

 

Interrogato dal pm, Morgan ha ricostruito i difficili rapporti con Bugo e con il management di quest’ultimo. L’artista, inoltre, ha affermato di essere co-autore del brano Sincero: «Amadeus mi ha detto: a me non importa se c’è Bugo o se non c’è – ha detto Morgan -, l’importante è che venga tu. Se vieni da solo scegli il tuo brano, se vieni con Bugo scegli tu che brano presentare».

 

bugo morgan bugo morgan

Per quanto riguarda, invece, il cambio versi del testo, l’artista ha detto: «Non è stato premeditato, l’ho scritto cinque minuti prima di salire sul palco. È stato un atto di poesia e il ribaltamento algebrico del testo originale, per farlo guardare allo specchio. È stato un dissing, è una cosa normalissima, ma lui non essendo all’altezza è scappato», ha concluso.

lite bugo morgan a sanremo lite bugo morgan a sanremo morgan bugo morgan bugo lite bugo morgan a sanremo 1 lite bugo morgan a sanremo 1 morgan bugo morgan bugo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA