GO GO DOLLS! – IL CONCESSIONARIO ROMANO DELLE SEX DOLLS IN SILICONE A “LA ZANZARA” LANCIA LA PROVOCAZIONE: “DIAMO AI CARCERATI LE BAMBOLE PER FARE SESSO, MA SOLO A QUELLI A FINE PENA E CHE NON HANNO COMMESSO REATI CONTRO LA PERSONA” – IL PROGETTO È STATO INOLTRATI AI RADICALI: LA SPERIMENTAZIONE SAREBBE A TITOLO GRATUITO E…

-

Condividi questo articolo





Mario Fabbroni per www.leggo.it

 

dorothy sexy doll dorothy sexy doll

Sesso dietro le sbarre. Impossibile, almeno finora. Perché invece il Parlamento presto si troverà a discutere una proposta dei Radicali che punta a offrire momenti di intimità a coloro che, in carcere, proprio non possono più permettersela. Poco importa se, invece di una donna oppure di un maschietto in carme e ossa, in cella potrebbero entrare avvenenti “sexy doll”, le bambole hot in silicone, che l’industria a luci rosse ha reso oramai così simili agli umani da sembrare quasi reali.

lumidolls lumidolls

 

A Radio 24, durante la trasmissione “La Zanzara”, non ci hanno pensato più di un attimo prima di sponsorizzare l’idea del sesso “non virtuale” in carcere da consumare con modelli artificiali di femmine e maschi virtuali. L’intervento del concessionario romano delle bambole e dei sex toys in silicone ha infatti lanciato la provocazione: «Sesso in carcere con le doll ma solo per i carcerati che non hanno commesso reati contro la persona e che sono a fine pena. Vorrei fare una sperimentazione con l’aiuto dei Radicali Italiani».

Detto, fatto. I Radicali che hanno raccolto l’invito e stanno studiando il progetto mettendo a punto uno speciale pacchetto legislativo da far votare a Camera e Senato. D’altronde questa pratica è già in uso nelle carceri americane dell’Arizona.

 

Basta navigare su internet per rendersi conto che il fenomeno delle bambole hard è in forte ascesa. La fabbrica più importante in Europa si trova a Duppigheim, in Alsazia: produce le cosiddette “dream doll”, in grado di muovere perfino gli occhi per essere quasi come le donne vere.

 

 

trans in carcere 1 trans in carcere 1 carcere duro 41 bis 3 carcere duro 41 bis 3 carcere duro 41 bis 4 carcere duro 41 bis 4 DIGISESSUALI DIGISESSUALI carcere duro 41 bis 2 carcere duro 41 bis 2 lumidolls sex doll lumidolls sex doll sex dolls 6 sex dolls 6 DIGISESSUALI DIGISESSUALI il pene del sex doll maschio indistinguibile da uno vero il pene del sex doll maschio indistinguibile da uno vero sex doll in costruzione sex doll in costruzione samantha samantha fanny sex doll del bordello austriaco fanny sex doll del bordello austriaco IL BORDELLO DELLE SEXDOLL IN GERMANIA IL BORDELLO DELLE SEXDOLL IN GERMANIA bambola gonfiabile 5 bambola gonfiabile 5

 

Condividi questo articolo



ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...