IN GRAN BRETAGNA DIRE "SEI CALVO COME UN CAZZO" A UN UOMO E' CONSIDERATA MOLESTIA SESSUALE! - LO HA STABILITO UN GIUDICE DAVANTI AL CASO DI UN UOMO INSULTATO DAL SUO CAPO REPARTO E POI LICENZIATO DOPO 24 ANNI DI LAVORO - LA CADUTA DEI CAPELLI È MOLTO PIÙ DIFFUSA TRA GLI UOMINI RISPETTO ALLE DONNE, QUINDI USARLA PER DESCRIVERE QUALCUNO È UNA FORMA DI DISCRIMINAZIONE, HA SOSTENUTO IL GIUDICE...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

calvizie calvizie

 

Nel Regno Unito definire un uomo «calvo» è adesso considerata una molestia sessuale. È quanto ha stabilito un tribunale del lavoro dopo che un dipendente si è lamentato di essere stato chiamato «cazzo calvo».

 

Tony Finn aveva lavorato per la British Bung Company con sede nel West Yorkshire per quasi 24 anni prima di essere licenziato a maggio dello scorso anno. Ha citato l’azienda in tribunale sostenendo, tra le altre cose, di essere stato vittima di molestie sessuali a seguito di un incidente con il supervisore della fabbrica Jamie King.

 

calvizie 9 calvizie 9

Il signor Finn ha affermato che nel luglio 2019 durante una lite in officina il signor King lo aveva definito un "cazzo calvo". La caduta dei capelli è molto più diffusa tra gli uomini rispetto alle donne, quindi usarla per descrivere qualcuno è una forma di discriminazione, ha sostenuto il giudice.

 

calvizie 6 calvizie 6

L'accusa ha portato la giuria - guidata dal giudice Jonathan Brain - a decidere se commentare la sua calvizie fosse un insulto o una molestia. La giuria ha affermato: «A nostro giudizio, c'è una connessione tra la parola "calvo" da un lato e la caratteristica protetta del sesso dall'altro. (L'avvocato della società) aveva ragione a sostenere che le donne così come gli uomini possono essere calvi. Tuttavia, come tutti e tre i membri del Tribunale garantiranno, la calvizie è molto più diffusa negli uomini rispetto alle donne. Troviamo che sia intrinsecamente correlato al sesso».

calvizie 3 calvizie 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute