IL GRAN "BALLOT" PER LA CASA BIANCA – L’AMERICA SI METTE IN CODA PER VOTARE: HANNO PARTECIPATO ALL’EARLY VOTING GIÀ 17,1 MILIONI DI CITTADINI, DODICI VOLTE IN PIÙ RISPETTO AL 2016. MA L’AFFLUENZA È ESTREMAMENTE POLARIZZATA: DUE SU TRE SONO DEMOCRATICI. IL 61% DEI CONSERVATORI SI PRESENTERÀ ALLE URNE IL GIORNO CANONICO, IL 3 NOVEMBRE, ANCHE PER VIA DELLA CAMPAGNA DI TRUMP CONTRO IL VOTO PER POSTA. CHE HA COSTRETTO PURE BIDEN A CAMBIARE STRATEGIA…

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Sarcina per il “Corriere della Sera”

VOTO PER POSTA NEGLI STATI UNITI 1 VOTO PER POSTA NEGLI STATI UNITI 1

 

Milioni di americani si sono messi in coda per votare in anticipo, nei 28 Stati dove è permesso dalle regole elettorali. Stando alle stime di fonti diverse, due su tre sono elettori democratici. Il Washington Post , per esempio, arriva a questa conclusione esaminando circa 3,5 milioni di preferenze espresse in Florida, Iowa, Maine, Kentucky, North Carolina e Pennsylvania: sei stati che comunicano l'affiliazione politica così come è dichiarata nei registri ufficiali.

 

È un fenomeno che non si era mai visto in queste proporzioni e in maniera così trasversale nel Paese: dall'Ohio al Texas; dalla Georgia al Michigan. Secondo il professor Michael McDonald, dell'Università della Florida, finora hanno già votato 17,1 milioni di cittadini, «per corrispondenza» oppure «in persona».

DONALD TRUMP JOE BIDEN BY EDOARDOBARALDI DONALD TRUMP JOE BIDEN BY EDOARDOBARALDI

 

Dodici volte di più rispetto ai 1,4 milioni del 2016. L'onda continuerà a crescere e, probabilmente, contribuirà a battere il record di partecipazione finale. Secondo le previsioni più accreditate quest' anno voteranno circa 150-160 milioni di persone, contro i 137,5 milioni di quattro anni fa. Una percentuale quindi intorno al 62-66%, considerando che l'intero corpo elettorale è formato da 239,2 milioni di elettori. Ma questa nuova tendenza non è casuale. Anzi, ha una solida spiegazione politica.

 

VOTO PER POSTA NEGLI STATI UNITI VOTO PER POSTA NEGLI STATI UNITI

Secondo quanto abbiamo potuto ricostruire, all'inizio di settembre il comitato di Joe Biden e i vertici del Comitato nazionale democratico hanno cominciato a prendere sul serio le minacce di Donald Trump. Il presidente si era già rifiutato di garantire una «pacifica transizione dei poteri» in caso di sconfitta. Motivo? I democratici stavano truccando le elezioni con il ricorso massiccio al voto per corrispondenza. Biden e i suoi consiglieri decisero allora che il modo migliore per spuntare i proclami di Trump era cambiare strategia.

donald trump controlla il voto di melania donald trump controlla il voto di melania

 

C'era, però, un problema: convincere Barack e Michelle Obama ad abbandonare la campagna per sostenere il «mail-in ballot», il voto per posta. L'ex First Lady, in particolare, ne aveva fatto il suo tratto distintivo, alluvionando i fan con inviti a spedire le schede usando gli uffici postali. Ma davanti alla prospettiva di una lunga impasse post-elettorale, con il rischio di infinite contestazioni giudiziarie e forse anche di disordini nelle piazze, i democratici, compresi gli Obama, hanno corretto la posizione.

DONALD TRUMP JOE BIDEN DONALD TRUMP JOE BIDEN

 

Il 4 agosto Michelle scriveva agli attivisti: «Gli americani non dovrebbero mai scegliere tra il diritto di fare sentire la loro voce e la sicurezza per la loro salute. Aiutatemi a espandere il voto via posta». Il 25 settembre, però, ecco la nuova versione, con Michelle che esalta solo «l'importanza di ogni "ballot"», senza altri riferimenti.

 

barack e michelle obama con jill e joe biden barack e michelle obama con jill e joe biden

E da lì in poi Barack Obama posta una serie di video a favore dell'«early voting»: prendete l'autobus, la macchina, organizzatevi, mettetevi in coda se necessario, ma fate sentire la vostra voce. In un primo momento la mossa democratica ha spiazzato il campo repubblicano. Ora anche i trumpiani stanno incoraggiando i loro fan a votare in anticipo, anche se gli studi mostrano che il 61% dei conservatori ha deciso che si presenterà alle urne nel giorno canonico, il 3 novembre. Solo a quel punto, forse, si potranno fare i conti.

joe biden joe biden VOTO PER POSTA NEGLI STATI UNITI 2 VOTO PER POSTA NEGLI STATI UNITI 2

 

donald trump in louisiana donald trump in louisiana donald trump vs joe biden primo dibattito tv donald trump vs joe biden primo dibattito tv michelle e barack obama michelle e barack obama

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute