LASCIATE CHE LA SELEZIONE NATURALE FACCIA IL SUO CORSO - LA CONOSCETE LA MODA DEL ‘TIDE POD CHALLENGE’? SONO GLI ADOLESCENTI CHE SI SFIDANO A MANGIARE LE CAPSULE DI DETERSIVO LIQUIDO (VIDEO). DALL’INIZIO DELL’ANNO IN AMERICA CI SONO STATI 86 RICOVERI PER INTOSSICAZIONE, MA CENTINAIA DI ALTRI DEMENTI HANNO ASSAGGIATO LA DELIZIA

-

Condividi questo articolo


 

 

TIDE POD CHALLENGE TIDE POD CHALLENGE

ANSA - Non si ferma la mania negli Usa di masticare capsule di detersivo, o Tide Pods. Dati della American Association of Poison Control Centers (AAPCC), il Centro Antiveleni Statunitense, aggiornati al 21 gennaio parlano di 86 casi solo nelle prime tre settimane del 2018.

 

Più di tutti quelli registrati nel 2017, quando erano stati 57, e nel 2016, quando se ne erano contati 36. Iniziata come una sfida sui social media, con adolescenti che postavano video in cui masticavano le capsule di detersivo e sfidavano gli altri a seguire l'esempio, l'assurda sfida nota come 'Tide Pod Challenge', continua a diffondersi tra i teenager. E questo nonostante i tentativi di Amazon, YouTube e del colosso della grande distribuzione Procter&Gamble di fermare la mania.

TIDE POD CHALLENGE TIDE POD CHALLENGE

 

 

    "Non possiamo sottolineare abbastanza quanto questo sia pericoloso per la salute degli individui: può portare a convulsioni, edema polmonare, arresto respiratorio, coma e persino morte", ha detto Stephen Kaminski, CEO dell'AAPCC in una nota sottolineando di contattare immediatamente la hotline nazionale di Poison Help, in caso di dubbi o emergenze in merito.

TIDE POD CHALLENGE TIDE POD CHALLENGE

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

DAGO RETROSCENA - DA TEMPO JOHN ELKANN AVEVA PROVATO A FAR CAPIRE AL CUGINO ANDREA (E ALLA MADRE ALLEGRA) CHE IL CAPOLINEA ERA ARRIVATO CON L’INDAGINE DELLA PROCURA DI TORINO: DIMETTITI, CORRI IL RISCHIO DI ESSERE ARRESTATO. IL NIPOTE DELL’AVVOCATO NON POTEVA CREDERCI: IO SONO UN AGNELLI… - POI, VIA PROCURA, TUTTO È PRECIPITATO. NON ERA INFATTI IERI LA GIORNATA GIUSTA, LE DIMISSIONI DOVEVANO AVVENIRE DOPO I MONDIALI. LA SCELTA DI SCANAVINO NE È LA PROVA: UNA SOLUZIONE TEMPORANEA VISTO CHE L’ALTER EGO DI ELKANN È STRAIMPEGNATO CON LA GEDI

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute