“L'ABBANDONO PUÒ ESSERE UN ATTO D'AMORE ESTREMO” – LA SCRITTRICE MARIA GRAZIA CALANDRONE, NEL SUO LIBRO “DOVE NON MI HAI PORTATA” (CANDIDATO ALLO STREGA), RICOSTRUISCE LA STORIA DEI GENITORI, CHE DOPO AVERLA LASCIATA SI SUICIDARONO BUTTANDOSI SUL TEVERE: "ERO LA FIGLIA ILLEGITTIMA DI DUE MIGRANTI INTERNI. IL LORO È STATO UN ATTO GENEROSO. CERTO NON LI HO VISTI, MA LI HO TALMENTE IMMAGINATI CHE MI PARE DI AVERLO FATTO"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesco Rigatelli per “la Stampa”

 

MARIA GRAZIA CALANDRONE MARIA GRAZIA CALANDRONE

Una piccola di otto mesi abbandonata nel 1965 a Villa Borghese a Roma ricorda il caso attuale di Enea.

 

Quella bambina oggi è Maria Grazia Calandrone, 58 anni, candidata al Premio Strega con il libro Dove non mi hai portata (Einaudi), in cui ricostruisce la storia dei suoi genitori, che dopo averla lasciata si suicidarono buttandosi nel Tevere.

 

Si sente un po' Enea?

MARIA GRAZIA CALANDRONE - DOVE NON MI HAI PORTATA MARIA GRAZIA CALANDRONE - DOVE NON MI HAI PORTATA

«Forse sì, anche se abbiamo età diverse. Ci accomunerà probabilmente nel corso dell'esistenza il bisogno di capire, il dover rovesciare il tavolo dell'abbandono. Io ci ho messo quasi sessant'anni. Auguro il meglio a Enea, che tra l'altro ha un nome tutto un programma, carico di responsabilità».

 

Rovesciare il tavolo, cioè?

«Nel libro ci ho messo molte pagine a spiegarlo, ma in pratica significa sostituire il risentimento dell'abbandono da parte dei genitori con la compassione per chi ha compiuto un simile gesto.

 

A meno di specifici problemi non credo ci possa essere chi fa una scelta del genere a cuor leggero. Lo dico da donna realizzata con due figli, che sono la cosa più preziosa della mia esistenza.

 

UNA CULLA PER LA VITA MILANO UNA CULLA PER LA VITA MILANO

Ho letto del medico che ha chiesto alla madre di tornare da Enea e temo che le abbia girato il coltello nella piaga, mentre lei probabilmente si sta strappando un pezzo di corpo. Quella donna ha tutto il mio rispetto».

 

La storia di Enea le conferma che non prova più rabbia?

«Solo una grande tenerezza ormai. Il lavoro che ho fatto sulla storia dei miei genitori mi ha portato a comprendere cosa significhi un gesto del genere.

 

MARIA GRAZIA CALANDRONE MARIA GRAZIA CALANDRONE

Va considerato che l'abbandono può essere un atto d'amore estremo. Succede quando non si ritiene di poter offrire ai figli una vita accettabile. Per esempio per i miei genitori, Giuseppe e Lucia, io ero la figlia illegittima di due migranti interni.

 

Il loro è stato un atto generoso […] I giornali dell'epoca insistettero sull'ipotesi dell'omicidio-suicidio, ma tutto porta a un doppio suicidio.

 

Certo non li ho visti, però li ho talmente immaginato che mi pare di averlo fatto. E forse pure Enea un giorno vedrà sua madre dentro di sé».

 

[…] Insomma, conta solo l'amore che si riceve?

«Conta la prassi. Chi è presente, ti accudisce e ti dimostra affetto diventa il tuo genitore.

 

Poi resta sempre una domanda sull'origine, ma nel mio caso non è stata ossessiva». […]

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP