“ABBIAMO VISTO COS’È VERAMENTE MILANO E COM’È GESTITA LA TANTO INVIDIATA LOMBARDIA” - J-AX SMONTA L'EPICA MENEGHINA: “COME SAREMO DOPO LA PANDEMIA? CHI ERA STRONZO PRIMA, SARÀ CENTOMILA VOLTE PIÙ STRONZO - MILANO ERA UN FIORE ALL’OCCHIELLO E OGNI VOLTA CHE SENTIVO PARLARE DI QUESTA CITTÀ CHE DAVA L’ESEMPIO IO, CHE CI SONO NATO E CRESCIUTO, PENSAVO: ‘CI SAREBBERO TANTISSIME COSE DA DIRE CHE NON VANNO E DELLO STEREOTIPO CHE SI VUOLE PORTARE AVANTI’. LA MILANO COSÌ ATTIVA SI E’ BUTTATA IN APERICENE DEL TUTTO EVITABILI APPENA FINITO IL PRIMO LOCKDOWN…”

-

Condividi questo articolo

Comunicato stampa

 

JAX JAX

“Come saremo dopo la pandemia? Purtroppo ho una visione un po’ cinica adesso. Saremo solo un po’ più amplificati: chi era empatico prima sarà più empatico, chi era ansioso prima sarà molto ansioso. Ma soprattutto, chi era stronzo prima, sarà centomila volte più stronzo”.

 

JAX JAX

Lo ha annunciato oggi J-Ax nel collegamento in diretta di Sorrisi Live nel corso di Focus Live, il festival della divulgazione scientifica di Focus ospitato al Museo Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano dal 19 al 22 novembre. “Abbiamo visto e vediamo tuttora – ha detto J-Ax – gente che parla di ambulanze che viaggiano vuote, che sta sputando continuamente sui morti che ci sono stati, sulle famiglie che hanno avuto un lutto. Non rispettano neanche la vita altrui oltre che la propria, perché assumono comportamenti che danneggiano chi rispetta le regole”.

 

JAX JAX

“Questo virus – ha continuato J-Ax, intervistato da Francesco Chignola di Tv Sorrisi e Canzoni - ha reso chiare le cose: ha tirato fuori quello che veramente siamo, ha mostrato l’Italia per quella che veramente è. Milano, per esempio, era un fiore all’occhiello e ogni volta che sentivo parlare di questa Milano che dava l’esempio io, che ci sono nato e cresciuto pensavo: ‘ci sarebbero tantissime cose da dire che non vanno di Milano e dello stereotipo che si vuole portare avanti’.

 

E abbiamo visto chi ci gestisce e come la Milano così attiva in realtà si sia poi buttata in apericene del tutto evitabili appena finito il primo lockdown. Abbiamo visto cos’è veramente Milano, com’è gestita la tanto invidiata Lombardia. Ma soprattutto quanto è amata Milano da chi è stato accolto ma poi non ci impiega neanche tre secondi ad andarsene e a lasciare Milano al suo destino. Abbiamo visto veramente quello che siamo”.

FEDEZ E JAX FEDEZ E JAX FEDEZ E JAX FEDEZ E JAX

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L’INFORMAZIONE È SFATTA - URBANO CAIRO SI PORTA AVANTI COL LAVORO E PRENDE LA TESSERA NUMERO UNO DEL FUTURO PARTITO DI CONTE: “LA CRISI NON CI VOLEVA E CONTE FA BENE A CERCARE I RESPONSABILI. IO ANDREI AVANTI FINO A FINE LEGISLATURA” – VI SEMBRA NORMALE CHE L’EDITORE DEL PRIMO QUOTIDIANO ITALIANO E DELL’EMITTENTE LA7 SI SCHIERI IN MANIERA COSÌ SFACCIATA VERSO IL CAZZARO CON LA POCHETTE? IMMAGINATE ORA I NOTISTI DI POLITICA DI VIA SOLFERINO E I CONDUTTORE DE LA7 QUANDO DOVRANNO SPARARE CRITICHE A CONTE…

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute