“ABBIAMO VISTO COS’È VERAMENTE MILANO E COM’È GESTITA LA TANTO INVIDIATA LOMBARDIA” - J-AX SMONTA L'EPICA MENEGHINA: “COME SAREMO DOPO LA PANDEMIA? CHI ERA STRONZO PRIMA, SARÀ CENTOMILA VOLTE PIÙ STRONZO - MILANO ERA UN FIORE ALL’OCCHIELLO E OGNI VOLTA CHE SENTIVO PARLARE DI QUESTA CITTÀ CHE DAVA L’ESEMPIO IO, CHE CI SONO NATO E CRESCIUTO, PENSAVO: ‘CI SAREBBERO TANTISSIME COSE DA DIRE CHE NON VANNO E DELLO STEREOTIPO CHE SI VUOLE PORTARE AVANTI’. LA MILANO COSÌ ATTIVA SI E’ BUTTATA IN APERICENE DEL TUTTO EVITABILI APPENA FINITO IL PRIMO LOCKDOWN…”

-

Condividi questo articolo

Comunicato stampa

 

JAX JAX

“Come saremo dopo la pandemia? Purtroppo ho una visione un po’ cinica adesso. Saremo solo un po’ più amplificati: chi era empatico prima sarà più empatico, chi era ansioso prima sarà molto ansioso. Ma soprattutto, chi era stronzo prima, sarà centomila volte più stronzo”.

 

JAX JAX

Lo ha annunciato oggi J-Ax nel collegamento in diretta di Sorrisi Live nel corso di Focus Live, il festival della divulgazione scientifica di Focus ospitato al Museo Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano dal 19 al 22 novembre. “Abbiamo visto e vediamo tuttora – ha detto J-Ax – gente che parla di ambulanze che viaggiano vuote, che sta sputando continuamente sui morti che ci sono stati, sulle famiglie che hanno avuto un lutto. Non rispettano neanche la vita altrui oltre che la propria, perché assumono comportamenti che danneggiano chi rispetta le regole”.

 

JAX JAX

“Questo virus – ha continuato J-Ax, intervistato da Francesco Chignola di Tv Sorrisi e Canzoni - ha reso chiare le cose: ha tirato fuori quello che veramente siamo, ha mostrato l’Italia per quella che veramente è. Milano, per esempio, era un fiore all’occhiello e ogni volta che sentivo parlare di questa Milano che dava l’esempio io, che ci sono nato e cresciuto pensavo: ‘ci sarebbero tantissime cose da dire che non vanno di Milano e dello stereotipo che si vuole portare avanti’.

 

E abbiamo visto chi ci gestisce e come la Milano così attiva in realtà si sia poi buttata in apericene del tutto evitabili appena finito il primo lockdown. Abbiamo visto cos’è veramente Milano, com’è gestita la tanto invidiata Lombardia. Ma soprattutto quanto è amata Milano da chi è stato accolto ma poi non ci impiega neanche tre secondi ad andarsene e a lasciare Milano al suo destino. Abbiamo visto veramente quello che siamo”.

FEDEZ E JAX FEDEZ E JAX FEDEZ E JAX FEDEZ E JAX

 

Condividi questo articolo

media e tv

‘’MARADONA NON È MORTO, È SOLO ANDATO A GIOCARE IN TRASFERTA” – LA MORTE DEL GENIO DEL CALCIO HA COLPITO PAOLO SORRENTINO MENTRE STA GIRANDO A NAPOLI. “E' STATA LA MANO DI DIO” - A MARADONA SONO STATI DEDICATI NUMEROSI FILM DIRETTI DA REGISTI DIVERSI TRA LORO COME EMIR KUSTURICA, MARCO RISI,  ASIF KAPADIA – NERI PARENTI HA AVUTO L'ONORE DI DIRIGERE IL PIBE DE ORO IN UN CINEPANETTONE: TIFOSI (1999), IN CUI IL CAMPIONE INTERPRETA SE STESSO E SI FA RAPINARE DA NINO D'ANGELO

politica

CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute