“BOCHICCHIO E’ ANCORA VIVO?” ALCUNI TRUFFATI SOSPETTANO CHE IL BROKER NON SIA REALMENTE MORTO - A UN MESE DALLO SCHIANTO MANCA ANCORA IL CERTIFICATO DI MORTE E NON SI TROVA IL DNA PER IDENTIFICARE IL CORPO -  LA GENETISTA SI ACCORGE CHE NON C'È TRACCIA DEL CAMPIONE DI BOCHICCHIO NELLA BANCA DATI DELLA POLIZIA. PRELIEVI SUL FRATELLO - L'IPOTESI CHE BOCHICCHIO SI SIA TOLTO LA VITA, MAGARI PERCHÉ ERA PRESSATO DALLE MINACCE DEI SUOI CREDITORI E SAPEVA DI NON POTER RESTITUIRE LORO I SOLDI. PERCHE’ SCHIANTARSI CONTRO UN MURO? FORSE PER…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Valeria Di Corrado per “il Messaggero”

 

bochicchio bochicchio

Un mistero nel mistero. Dopo un mese dall'incidente sulla Salaria, non si ha ancora certezza sull'identità dell'uomo in sella a una Bmw che il 19 giugno si è schiantato contro il muro di cinta dell'aeroporto dell'Urbe, andando a fuoco.

 

Il corpo carbonizzato era infatti irriconoscibile, ma la targa della motocicletta corrispondeva a quella di Massimo Bochicchio, il broker accusato di aver truffato decine di vip raccogliendo investimenti milionari, senza poi restituire loro né gli interessi, né il capitale.

 

La Procura di Roma, che indaga per istigazione al suicidio, ha incaricato la genetista dell'Università della Sapienza Paola Grammatico di eseguire una comparazione del dna prelevato dagli organi della vittima al momento dell'autopsia, con il campione che avrebbe dovuto essere conservato nella Banca dati nazionale del dna, presso la direzione centrale della Polizia Criminale del dipartimento della Pubblica Sicurezza, quando Bochicchio venne arrestato l'8 luglio 2021 all'aeroporto di Giacarta con l'accusa di riciclaggio internazionale, sulla base di un'inchiesta della Procura di Milano, ed estradato in Italia.

MASSIMO BOCHICCHIO MASSIMO BOCHICCHIO

 

Ora, a distanza di un mese, si scopre che quel campione non è stato conservato nella Banca dati nazionale o comunque non è utilizzabile per la comparazione. Tant' è vero che la genetista, solo martedì scorso, ha dovuto prelevare il dna da Tommaso Bochicchio, fratello del broker.

 

(...) Tra i truffati, infatti, in molti pensano che Bochicchio non sia realmente morto. La famiglia, dal canto suo, è adirata perché non può ancora celebrare il funerale e dare sepoltura al proprio caro. Il dolore, ogni giorno, si rinnova.

 

Il medico legale dovrà stabilire se la causa del decesso è stata un malore, magari dovuto a un calo glicemico (considerato che il 56enne era malato di diabete).

Al momento però sembra esclusa una morte per ictus o infarto.

 

massimo bochicchio e la moglie massimo bochicchio e la moglie

Così come hanno dato esito negativo i primi esami tossicologici: la vittima dell'incidente non aveva assunto sostanze stupefacenti o alcolici. L'alternativa è che Bochicchio si sia tolto la vita, magari perché era pressato dalle minacce dei suoi creditori e sapeva di non poter restituire loro i soldi. Perché scegliere, però, di schiantarsi con la moto contro un muro? Forse per far incassare alla sua famiglia una polizza assicurativa sulla vita e metterli al riparo dalla «gente brutta brutta» di cui parlava la moglie.(...)

MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE ARIANNA MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE ARIANNA IL LUOGO DELL INCIDENTE IN CUI E' MORTO MASSIMO BOCHICCHIO IL LUOGO DELL INCIDENTE IN CUI E' MORTO MASSIMO BOCHICCHIO BOCHICCHIO 2 BOCHICCHIO 2 massimo bochicchio 4 massimo bochicchio 4 bochicchio bochicchio MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE massimo bochicchio 5 massimo bochicchio 5 QUEL CHE RESTA DELLA MOTO DI MASSIMO BOCHICCHIO QUEL CHE RESTA DELLA MOTO DI MASSIMO BOCHICCHIO massimo bochicchio 2 massimo bochicchio 2 MASSIMO BOCHICCHIO MASSIMO BOCHICCHIO

 

Condividi questo articolo

media e tv

PIÙ REALITY DI COSÌ – SCOPPIA LA PROTESTA SUI SOCIAL IN SOSTEGNO DI MARCO BELLAVIA, EX CONDUTTORE DI “BIM BUM BAM”, RITIRATO DAL “GRANDE FRATELLO VIP”. NEL RPOGRAMMA AVEVA PARLATO DELLA SUA DEPRESSIONE MA, AL POSTO DI RICEVERE IL SOSTEGNO DEI COINQUILINI, È STATO BULLIZZATO E ISOLATO. PATRIZIA ROSSETTI: “SE HAI DEI PROBLEMI STAI A CASA TUA, FIGLIO MIO”. ELENOIRE FERRUZZI RINTUZZA: “QUESTO È FUORI, È PROPRIO SCEMO. VAI ALLA NEURODELIRI”. GIOVANNI CIACCI NE AVEVA CHIESTO L’ELIMINAZIONE DOPO AVER FRAINTESO UNA SUA FRASE E GEGIA… - VIDEO

politica

business

cronache

TI METTI IN TASCA IL REDDITO DI CITTADINANZA? E ALLORA NIENTE GRATTA E VINCI – LA DENUNCIA DI UN TABACCAIO DI LADISPOLI CHE SI È RIFIUTATO DI VENDERE UN GRATTA E VINCI A UN UOMO CHE SI ERA PRESENTATO NEL SUO LOCALE PRETENDENDO DI PAGARE CON LA CARTA DEL REDDITO DI CITTADINANZA. NON SOLO: IL PROPRIETARIO DEL NEGOZIO RACCONTA CHE C’È CHI VORREBBE COMPRARE SIGARETTE E CHI TENTA DI INVESTIRE I SOLDI ALLE SLOT MACHINE O AL LOTTO. “UNA SIGNORA MI HA DETTO CHE IL FUMO È UN VIZIO CHE DEVE ESSERE ESAUDITO COSÌ COME IL GIOCO…”

sport

cafonal

viaggi

salute