“ECCO COME DOVETE DIFENDERVI DAI BULLI” - AL FESTIVAL “DOMOSOFIA”, LA WEB STAR ELISA MAINO, 14 ANNI, SPIEGA AI COETANEI, MEGLIO DI QUALUNQUE SOLONE, I PERICOLI DI INTERNET: “POSSONO DIRMI QUELLO CHE VOGLIONO MA TUTTI GLI INSULTI CHE HO RICEVUTO SONO SERVITI A COSTRUIRMI UN CARATTERE FORTE E ORA...”

-

Condividi questo articolo

Ivan Fossati per “la Stampa”

 

ELISA MAINO A DOMOSOFIA ELISA MAINO A DOMOSOFIA

Un milione e mezzo di follower e la voce rotta dall' emozione parlando davanti a duecento coetanei. Elisa Maino è una cosiddetta web talent, neanche una blogger. Pubblica sui social pensieri e decine di migliaia di ragazzi leggono, ascoltano, vedono. Tutto positivo, bello ci mancherebbe. Ma tutto dietro uno schermo. Elisa ha 14 anni e viene da Riva del Garda. Nonostante la marea di seguaci sul web, le mancava il debutto sul palco, il contatto umano. E' successo a Domodossola, nella giornata di apertura del festival dedicato alle conoscenze «Domosofia».

 

EMOZIONI

ELISA MAINO ELISA MAINO

Nel borgo della cultura, che è il pentagono del centro storico con una piazza magica dal nome semplice come la tradizione che la anima da secoli: Mercato. Una piazza ottagonale d'origine antica è stata dunque la scena del lancio di Elisa in una dimensione per lei nuova.

 

Quella del rapporto fisico con la gente, non mediato da un computer. Su un palco e una platea in carne ed ossa a osannarla. E non è vero che il web crea falsi talenti, o comunque circoscritti alla rete. Elisa non canta, non danza, non dipinge. Ma sa trasmettere emozioni, parla al cuore dei teenager e ha le idee chiare sul suo futuro: «Da grande farò il medico», promette.

 

ELISA MAINO A DOMOSOFIA ELISA MAINO A DOMOSOFIA

Per ora si diverte, con tutti quei follower un contratto pubblicitario forse l' ha già portato a casa attraverso la famiglia, ma dice cose sagge. Ad esempio come resistere al bullismo e al cyberbullismo, sperimentati come vittima. «Possono dirmi quello che vogliono, tutti gli insulti che ho ricevuto sono serviti a costruirmi un carattere forte. Da piccola sono stata vittima di bullismo perché ero sempre la più alta; ora sono immune, non mi fanno nessun effetto».

 

Dice di usare Internet, ma di non fidarsi degli sconosciuti. E lo dice in un modo che i coetanei capiscono al volo, e stanno ore ad ascoltarla. Spiega come fosse un poliziotto esperto, ma con il linguaggio che solo i giovani sanno trasmettersi a vicenda.

ELISA MAINO ELISA MAINO

E' stata una grande lezione quella di Elisa, anche per gli adulti presenti. Questa voce giovane è stata la miglior partenza per un nuovo festival che si è affacciato sulla scena con l'intenzione di trasmettere emozioni senza entrare in concorrenza con iniziative simili, di cui l' Italia che ha voglia di cultura è piena.

 

SUCCESSO

E sulla stessa scia è stato il primo incontro per adulti, dedicato alla «leggerezza della mente», con uno psichiatra di fama mondiale come Eugenio Borgna che ha incantato il pubblico parlando con semplicità di una delle cose più studiate e incomprese della storia, le fragilità più nascoste dell' uomo.

 

ELISA MAINO ELISA MAINO

Poi una carrellata di argomenti per quattro giornate che hanno portato circa cinquemila persone ad ascoltare 36 esperti, in 24 appuntamenti. Il giovane vice sindaco di Domodossola Angelo Tandurella, aveva definito questa partenza un' edizione zero. Ma i protagonisti dal pubblico hanno ottenuto un dieci unanime. In attesa della prossima lezione di Elisa.

ELISA MAINO ELISA MAINO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."