“GUARDAVA LE NOSTRE DONNE, GLI HO TIRATO TRE PUGNI” - FABIO GIAMPALMO, 20 ANNI, SPIEGA COME HA AMMAZZATO IL 40ENNE PAOLO CAPRIO A BITONTO, IN PROVINCIA DI BARI, COLPITO CON UNA TECNICA DA ARTI MARZIALI - LA LITE È AVVENUTA FUORI DAL BAR DELLA STAZIONE DI SERVIZIO ALLE TRE DI DOMENICA MATTINA: L’AGGRESSORE, CHE SI È COSTITUITO, È ACCUSATO DI OMICIDIO VOLONTARIO AGGRAVATO DAI “FUTILI MOTIVI” - L’AUTOPSIA DEVE ACCERTARE SE LA VITTIMA È MORTA PER I COLPI O DOPO AVER BATTUTO LA TESTA CADENDO...

-

Condividi questo articolo


Francesco Strippoli per www.corriere.it

 

STAZIONE DI SERVIZIO A BITONTO STAZIONE DI SERVIZIO A BITONTO

Tre pugni sferrati uno dopo l’altro con quella che il pubblico ministero definirà «tecnica da combattimento». La vittima che cade e muore sul colpo, forse per aver urtato violentemente il capo sull’asfalto.

 

Sono le tre di domenica mattina, a Bitonto, 56 mila abitanti alle porte di Bari, in una frequentata stazione di servizio sulla provinciale che porta a Modugno dove il bar è sempre aperto. A terra rimane Paolo Caprio, 41 anni da compiere a novembre, piccolo artigiano che si occupa di cartongessi e pitturazione edile, un matrimonio che fa le bizze e una figlia di cinque anni.

 

LA VITTIMA PAOLO CAPRIO LA VITTIMA PAOLO CAPRIO

A sferrare i pugni è un 20enne, si chiama Fabio Giampalmo, bitontino come la vittima, precedenti per droga e forse una certa confidenza con le arti marziali. La stazione di servizio, di notte, è l’alternativa all’affollata movida cittadina: alle tre di domenica è piena di gente. Ci sono vari gruppi.

 

Giampalmo è lì con la compagna e altri amici, tutti in coppia: gli uomini nel bar a giocare con le slot, le ragazze sotto il gazebo a prendere il fresco. Dentro notano Caprio staccarsi dal suo accompagnatore e avvicinarsi alle donne, forse scambiare qualche parola con loro. Giampalmo e gli altri escono, allora Caprio prima si allontana ma poi torna sui suoi passi, sembra accostarsi di nuovo al gazebo.

 

CARABINIERI CARABINIERI

Il ventenne a quel punto gli si avventa contro e lo colpisce al volto, l’artigiano cade, l’ambulanza arriva poco dopo ma non c’è più nulla da fare. I carabinieri del Reparto operativo, diretti dal colonnello Vincenzo Di Stefano, grazie a telecamere e testimoni, ci mettono poco a individuare l’aggressore.

 

Non ci sarà bisogno di andarlo a prendere: alle 8 e un quarto il ragazzo si fa accompagnare dall’avvocato alla stazione dell’Arma. Il magistrato che indaga, Ignazio Abbadessa, ha emesso a suo carico un decreto di fermo contestandogli l’omicidio volontario aggravato dai «futili motivi» e «attraverso l’utilizzo di tecniche di combattimento tali da ostacolare la privata difesa».

 

IL sindaco DI BITONTO Michele Abbaticchio IL sindaco DI BITONTO Michele Abbaticchio

Il colonnello Di Stefano chiarisce: «In questa storia non c’entra la criminalità, è una lite che si è conclusa con il più tragico degli epiloghi». Nel decreto di fermo l’indagato ricostruisce l’episodio. Caprio, dice Giampalmo al pm, «si è avvicinato per origliare cosa stessimo dicendo e ha guardato in maniera provocatoria le nostre compagne. Io mi sono alzato e gli ho detto testualmente: “Sempre avanti e indietro devi andare? Qual è il problema?”. Gli ho tirato tre pugni colpendolo al viso, l’ho visto cadere in terra e sbattere la testa sul marciapiede. Non pensando che sarebbe morto sono andato via».

 

Si allontanano tutti. A soccorrere l’artigiano provano gli uomini del 118, ma senza successo. Forse domani sarà eseguita l’autopsia per capire la causa della morte, se i pugni o l’urto dopo la caduta. Il 20enne, che si trova nel carcere di Bari, è ora a disposizione del gip per l’interrogatorio di garanzia. La vicenda ha scosso la comunità di Bitonto.

 

«Questo episodio — dice il sindaco Michele Abbaticchio — non è legato alla criminalità. Tuttavia continuo a far osservare, e l’ho già fatto molte altre volte, che le forze dell’ordine qui sono fissate in proporzione alla popolazione e non al territorio che è molto vasto. Per di più il numero di poliziotti e carabinieri è inferiore alla dotazione prevista. La tragedia di domenica fa riemergere il problema della sicurezza e dei controlli. L’ho già detto alla prefettura e al ministero dell’Interno in tutte le lingue. Ora l’unica cosa che mi rimane è incatenarmi per cercare di farmi ascoltare».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - IL SISTEMA, PIÙ SECCO DI UN COLPO DI MANGANELLO, CON IL QUALE LA DUCETTA STA OCCUPANDO TUTTE LE CASELLE DEL POTERE NON S’ERA MAI VISTO, SOTTO NESSUN GOVERNO - UN'ABBUFFATA COMPULSIVA DI INCARICHI PER AMICI E FEDELISSIMI, SPESSO SENZA ALCUNA COMPETENZA, RIVINCITA DI UN'ESTREMA DESTRA SVEZZATA A PANE, LIVORE E IRRILEVANZA - LA PRESIDENZA DI FINCANTIERI, SEMPRE IN MANO A MILITARI O AMBASCIATORI, È STATA OFFERTA A BIAGIO MAZZOTTA SOLO PER RIMUOVERLO DALLA RAGIONERIA DELLO STATO - FABRIZIO CURCIO E' STATO SOSTITUITO ALLA PROTEZIONE CIVILE PER FAR POSTO A FABIO CICILIANO, DIRIGENTE MEDICO DELLA POLIZIA DI STATO, CHE GIORGIA MELONI HA MOLTO APPREZZATO NEL SUO RUOLO DI COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA DI CAIVANO - A SETTEMBRE GIUSEPPE DE MITA, CARO AD ARIANNA E A MEZZAROMA, SARÀ PRONTO AD APPRODARE COME DG A SPORT E SALUTE, LA SOCIETÀ PUBBLICA CASSAFORTE DELLO SPORT 

DAGOREPORT - EIA EIA ALALA’, VENEZIA ECCOLA QUA: "IL POTERE ORACOLARE DEL CINEMA… SETTIMA ARTE O... DECIMA MUSA?" - CON L’AMPOLLOSISSIMA PRESENTAZIONE (CON PAUSE RITARDANTI E ACCELERAZIONI IMPROVVISE, PIÙ DA TURI PANDOLFINI CHE DA TURI FERRO), ABBIAMO FINALMENTE CAPITO PERCHÉ LA MELONA HA SPEDITO PIETRANGELO BUTTAFUOCO ALLA PRESIDENZA DELLA BIENNALE DARTE: SODDISFARE IL SUO ERUDITO TROMBONISMO DA MEGALOMANE D’ANNUNZIO SICULO-MUSULMANO - SEMMAI, CI CHIEDIAMO: PERCHÉ L’OTTIMO BARBERA, UNO DEI POCHI DIRETTORI DI SINISTRA CAPACE DI ORGANIZZARE UNA MOSTRA D’ARTE CINEMATOGRAFICA PIENA DI STAR E OTTIMI FILM, SI PIEGA AD ACCETTARE DI REGGERE PER DUE ANNI LA RASSEGNA VENEZIANA PRESIEDUTA DAL FILODRAMMATICO AEDO DELLA FUFFA CULTURALE DI DESTRA? – VIDEO STRACULT!

FLASH! – QUANTI VITTORIO FELTRI CI SONO IN CIRCOLAZIONE? DUE GIORNI FA, SU “IL TEMPO”, FELTRI1 HA ELOGIATO ROBERTO D’AGOSTINO PER IL SUO DOCU-FILM “ROMA SANTA E DANNATA”. PASSANO 48 ORE E SU “IL GIORNALE” SPUNTA IL FELTRI2 CHE, RISPONDENDO A UN LETTORE, ATTACCA DAGO PER LA POSIZIONE CRITICA DI DAGOSPIA VERSO IL GOVERNO MELONI: “SEDICENTE ESPERTI DI ARIA FRITTA”, “CORBELLERIE”, “RICOSTRUZIONI COMICHE”, “SULLA PAGINA SI RIVERSA BILE” – QUALE SARA’ IL FELTRI APOCRIFO: IL PRIMO O IL SECONDO? (MAGARI E’ SOLO UN CASO DI BIPOLARISMO SENILE)…

FLASH! – IL GOVERNO DUCIONI NON SA DOVE ARRAMPICARSI PER RACCATTARE SOLDI PER LICENZIARE LA LEGGE DI BILANCIO SECONDO LE DURISSIME REGOLE DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ (TAGLI DI 10/12 MILIARDI NEL BILANCIO PUBBLICO) - E LA FIAMMA TRAGICA DI PALAZZO CHIGI, NONOSTANTE IL FALLIMENTO DELLA TASSA SUGLI EXTRA-PROFITTI BANCARI, STAREBBE STUDIANDO UNA NUOVA IMPOSTA PER SPILLARE MILIARDI DI EURO A BANCHE E ASSICURAZIONI (PARE CHE NE AVREBBERO GIÀ PARLATO CON IL PRESIDENTE DELL’ABI, PATUELLI)….

FLASH! - L’IRRITAZIONE DI SERGIO MATTARELLA, PRESIDENTE DEL CSM, NON ACCENNA A DIMINUIRE PER IL RIFIUTO DI DIMETTERSI DALLA CARICA DI CONSIGLIERA DEL CSM DI ROSANNA NATOLI, AVVOCATA DI PATERNÒ (CATANIA) E VICE PRESIDENTE DIMISSIONARIA DELLA SEZIONE DISCIPLINARE (MOLTO AMICA DEL PRESIDENTE DEL SENATO IGNAZIO LA RUSSA, CHE A PATERNÒ HA IL SUO FEUDO ELETTORALE). E NULLA È SERVITO IL PRESSING DEL COLLE SUL VICEPRESIDENTE DEL CSM: FABIO PINELLI SI È LIMITATO A FARE IL PESCE IN BARILE CON NATOLI - LA PROSSIMA SETTIMANA È PREVISTA LA RESA DEI CONTI TRA SERGIONE E LO SFUGGENTE PINELLI…