“MIO FIGLIO È ANCORA VIVO, DA TRE ANNI LO CERCO ANCHE ALL’ESTERO” - L’INCUBO SENZA FINE DI ROBERTA, LA MADRE DI ALESSANDRO VENTURELLI, IL 21ENNE SCOMPARSO DA SASSUOLO: “SONO CERTA CHE NON SI È TRATTATO DI UN ALLONTANAMENTO VOLONTARIO, LUI È TRATTENUTO DA QUALCHE PARTE CONTRO LA SUA VOLONTÀ. LE NOTTI PRIMA DI SPARIRE ERA TURBATO, DORMIVA CON ME, PIANGEVA. DICEVA DI SENTIRSI MANIPOLATO. SI ERA LICENZIATO DA UNA DITTA CHE, DIECI GIORNO DOPO LA SUA SCOMPARSA, HA CHIUSO E...”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Alfio Sciacca per www.corriere.it

 

alessandro venturelli 9 alessandro venturelli 9

Tutto lo strazio di Roberta è racchiuso nel suo ultimo post: «Da tre anni passo le notti sul divano e quando chiudo la porta la domanda è sempre la stessa: dove dormirai stanotte?». Da quando Alessandro Venturelli è scomparso lei dorme sul divano e non più in camera da letto, dove ha trascorso le ultime notti abbracciata al figlio 21enne, lacerato da un misterioso tormento che lo portava solo a piangere. Fino a quando non ha fatto perdere le tracce. Sono passati tre anni, ma Roberta non ha mai smesso di aspettarlo «perché, ne sono certa, lui è vivo ma trattenuto da qualche parte contro la sua volontà».

 

Una storia di speranza e di tenacia quella di Roberta Carassai e del marito Roberto che per la disperazione si sono trasformati in detective, battendo tutte le piste a Napoli, Milano e persino all’estero.

 

Dopo tre anni, cosa resta?

alessandro venturelli e la madre alessandro venturelli e la madre

«Una rabbia incredibile per quello che non è stato fatto. Ho bussato a tutte le porte. Da ultimo a quella del commissario per le persone scomparse che dice che non può fare nulla perché ci sono le indagini in corso. Ma non c’è stata alcuna indagine, tranne verificare qualche segnalazione».

 

Per mesi si è parlato di un allontanamento volontario.

«Ed è stato il primo grande errore. Da subito noi abbiamo detto del malessere di mio figlio, delle sue paure, che dormiva con me e riusciva solo a piangere. Era chiaro che c’era qualcosa che non andava. Ma loro l’hanno subito derubricato in allontanamento volontario. Non c’è stato un posto di blocco, non hanno visionato telecamere che magari possono aver ripreso Alessandro e chi ha incontrato».

alessandro venturelli 8 alessandro venturelli 8

 

Poi, però, è stato aperto il fascicolo per sequestro.

«Sì, ma dopo quattro mesi. Il telefono che Alessandro ha lasciato a casa lo hanno visionato dopo 4 mesi, quando io lo avevo usato per cercare di capire cosa c’era dentro. Per non dire che il pm che ha il fascicolo non mi ha mai ascoltata. L’unica cosa che vogliono fare è archiviare. Ci hanno provato una volta ed ora ci stanno tentando ancora».

 

Possibile che non sia stato fatto proprio nulla?

«L’unica cosa fatta in modo serio è stata la ricerca di un corpo. Hanno cercato quello di Alessandro, ma hanno trovato il corpo di una donna scomparsa dieci anni prima».

 

Voi lo avete cercato anche in Olanda. Perché proprio lì?

«Perché sul telefono abbiamo visto che lui aveva fatto ricerche su una località in Olanda e gli erano arrivate anche le coordinate. Con mio marito ci siamo stati tre volte, l’ultima in aprile. Ho chiesto aiuto alla polizia olandese e all’ambasciata, ma lì ho scoperto che non potevano fare nulla perché non c’è un ordine di indagine europeo, che sarebbe dovuto arrivare dall’Italia. E così le indagini le abbiamo dovute fare noi: negli ostelli, nei centri tipo Caritas, parlando con la gente del posto. Affrontando spese non indifferenti».

alessandro venturelli 6 alessandro venturelli 6

 

Cosa turbava Alessandro?

«Non lo abbiamo capito. Tutto è cominciato dopo quel lavoro con una ditta che vendeva, porta a porta, macchinette per il caffè. Dopo appena una settimana ci disse che si era licenziato. Da quel momento non è stato più lo stesso: era turbato, dormiva con me, piangeva. Diceva di sentirsi manipolato. Con chi aveva a che fare sul lavoro? Chi ha incontrato? Poi dopo dieci giorni la ditta ha chiuso. Perché nessuno ha indagato?».

alessandro venturelli 5 alessandro venturelli 5 alessandro venturelli 7 alessandro venturelli 7 alessandro venturelli 1 alessandro venturelli 1 alessandro venturelli 3 alessandro venturelli 3 alessandro venturelli 5 alessandro venturelli 5 alessandro venturelli 7 alessandro venturelli 7 alessandro venturelli 8 alessandro venturelli 8 alessandro venturelli 2 alessandro venturelli 2 alessandro venturelli 4 alessandro venturelli 4

[...]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP