“IL MIO PIÙ GRANDE RIMORSO” – QUENTIN TARANTINO ROMPE IL SILENZIO SUL TERRIBILE INCIDENTE AVVENUTO SUL SET DI KILL BILL 15 ANNI FA, IN CUI RIMASE COINVOLTA LA SUA MUSA UMA THURMAN. CHE SU INSTAGRAM SMORZA L'ACCUSA CONTRO QUENTIN

-

Condividi questo articolo


 

Uma Thurman - l'incidente sul set di Kill Bill

 
 

DAGONEWS 

 

uma thurman nella scena dell incidente uma thurman nella scena dell incidente

Quentin Tarantino ha detto che l’incidente avvenuto sul set di Kill Bill nel 2002 in cui è rimasta ferita Uma Thurman ad oggi è rimasto "uno dei più grandi rimorsi" della sua vita.

 

Tarantino è stato al centro delle critiche da quando la Thurman ha condiviso i dettagli dell’avvenimento e delle concussioni riportate nell’articolo del New York Times uscito durante il weekend scorso.

 

La musa ha anche condiviso il filmato dell’incidente sul suo profilo Instagram lunedì 5 febbraio in cui si vede il momento in cui va a sbattere contro un albero mentre girava le riprese per il film d’azione di Tarantino.

 

La Thurman ha chiarito che Tarantino le ha dato il girato dopo averle detto di essere “profondamente dispiaciuto e ancora rammaricato per quanto accaduto in quell’occasione.”

 

uma thurman in kill bill uma thurman in kill bill

 

Il regista ha dichiarato di averglielo consegnato per aiutarla con l’articolo del Times, in cui l’attrice ha parlato per la prima volta delle molestie sessuali subite da Weinstein.

 

Durante l'intervista completa a Deadline, Tarantino ha spiegato nel dettaglio lo svolgersi degli eventi: 

 

“Sono colpevole di averla fatta salire su quella macchina, ma non nel modo in cui le persone mi accusano di esserlo. È il più grande rimorso della mia vita averle fatto girare quella scena.

 

quentin tarantino e la thurman quentin tarantino e la thurman

Quando ho trovato il girato non riuscivo a crederci, mostrava chiaramente la dinamica dell’incidente, e sono stato molto felice di poterlo consegnare a Uma.

 

Leggendo l’articolo le altre persone coinvolte a quanto pare si sono parate con gli avvocati, in modo da non essere menzionate, e nella maggior parte della prosa della giornalista sembra che sia finito a raccogliere io la merda per tutti.

 

Ma vorrei arrivare al punto, a cosa è successo esattamente quel giorno. Non ero arrabbiato, avrò al massimo alzato gli occhi al cielo quando ho saputo che Uma aveva dei dubbi sulla scena - avevamo speso un sacco di soldi per cfar modificare il cambio alla macchina - ma non sono entrato urlando nella roulotte di Uma, intimandole urlando di salire su quella macchina.

 

Chiunque la conosca sa che quello non è il modo giusto per approcciarla e convincerla. Sapevo che aveva delle preoccupazioni e le dissi che la strada era tutta dritta sottlineando che non ci fosse alcun rischio. Ma non era così, mi sbagliavo. Non è salita in macchina perché l’ho forzata ma perché mi ha dato fiducia.

 

il post della thurman il post della thurman

Poi all’ultimo decidemmo di invertire la direzione del tragitto per una questione di luce, ed è lì che sono iniziati i guai. Percorrendo la strada nella prima direzione mi era sembrata tutta dritta, ma facendola al contrario, per qualche strana e incomprensibile ragione, non lo era affatto.

 

Lo ripeto, è uno dei miei più grandi rimorsi. Come regista si impara dagli errori e a volte questi accadono in maniere orribili, e quello fu uno dei miei peggiori. Non mi presi il tempo per ripercorrere la strada al contrario pensando non ce ne fosse bisogno e le avevo ripetuto, enfatizzando, come il tragitto fosse dritto e lei mi ha creduto. Poi è spuntata questa curva a 'S' che le ha fatto perdere il controllo, anche la telecamera montata sul retro deve aver influenzato sulla tenuta delle ruote.

 

Quell’episodio ha minato la nostra amicizia, dopo l’incidente qualcosa tra noi si è rotto.

 

uma-thurman-kill-bill uma-thurman-kill-bill

Un’altra cosa su cui credo Uma si sia fatta un'idea sbagliata è che pensa che le siano state occultate le prove e che io fossi in combutta con la produzione per non farle vedere quel filmato.

 

Poi quest’anno mi ha richiamato dicendomi che aveva davvero bisogno di quel girato: “dobbiamo aggiustare questa storia.” Mi sono trovato subito d’accordo e mi sono lanciato in un’impresa erculea per recuperarlo, e quando lo abbiamo ritrovato non riuscivo quasi a crederci, credo sia stata la giornata più felice dell’anno per me." 

 

 

uma thurman tarantino e weinstein 2 uma thurman tarantino e weinstein 2 uma thurman e weinstein uma thurman e weinstein quentin tarantino thurman e weinstein quentin tarantino thurman e weinstein uma thurman e weinstein a cena uma thurman e weinstein a cena uma thurman tarantino e weinstein uma thurman tarantino e weinstein

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?