“LA NATO SI PREPARI A CONFRONTO DECENNALE CON MOSCA” – IL SEGRETARIO GENERALE DEL PATTO ATLANTICO, JENS STOLTENBERG: “BISOGNA ESPANDERE PIÙ RAPIDAMENTE L'INDUSTRIA DELLA DIFESA DEI SUOI PAESI MEMBRI, PASSANDO DA RITMI LENTI DA TEMPO DI PACE A RITMI DI PRODUZIONE VELOCI DA CONFLITTO. SE PUTIN VINCE IN UCRAINA, NON C'È GARANZIA CHE L'AGGRESSIONE RUSSA NON SI ESTENDA AD ALTRI PAESI…”

-

Condividi questo articolo


Volodymyr Zelensky e jens Stoltenberg a Davos Volodymyr Zelensky e jens Stoltenberg a Davos

(ANSA) - BERLINO, 10 FEB - Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha affermato che l'Alleanza atlantica deve prepararsi alla possibilità di un confronto decennale con la Russia e quindi espandere più rapidamente l'industria della difesa dei suoi Paesi membri, passando da ritmi lenti da tempo di pace a ritmi di produzione veloci da conflitto.

 

"La Nato non vuole una guerra con la Russia", ha premesso Stoltenberg in un'intervista alla Welt am Sonntag. "Ma dobbiamo prepararci a un confronto che potrebbe durare decenni", ha avvertito in dichiarazioni all'edizione domenicale del quotidiano tedesco Die Welt. "Se il presidente russo Vladimir Putin vince in Ucraina, non c'è garanzia che l'aggressione russa non si estenda ad altri Paesi", ha sostenuto l'economista e politico norvegese come riporta il sito del quotidiano tedesco.

GIORGIA MELONI JENS STOLTENBERG GIORGIA MELONI JENS STOLTENBERG

 

La migliore difesa ora è sostenere l'Ucraina e investire nelle capacità militari della Nato perché "la deterrenza funziona solo se è credibile", ha detto. "Dobbiamo ricostruire ed espandere la nostra base industriale più velocemente, in modo da poter aumentare le forniture all'Ucraina e rifornire le nostre scorte", ha esortato Stoltenberg. "Questo significa passare da una produzione lenta in tempi di pace a una produzione veloce, come è necessario in tempi di conflitto". Il segretario generale dell'Alleanza ha quindi chiesto alle aziende europee del settore della difesa ordini più numerosi e più rapidi.

jens stoltenberg recep tayyip erdogan jens stoltenberg recep tayyip erdogan

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…