“IL RAPITORE SEMBRAVA UN BUTTAFUORI” – A TORINO UNA DONNA VIENE CARICATA A FORZA SU UN FURGONE CON A BORDO TRE STRANIERI. LA POLIZIA POCO DOPO È RIUSCITA A FERMARLI: LA VITTIMA ERA STATA IMMOBILIZZATA CON DELLE FASCETTE DA ELETTRICISTA – I TESTIMONI: “PASSEGGIAVA CON UN UOMO CHE È SCAPPATO. LEI È STATA PRESA ALLE SPALLE E CARICATA. URLAVA E…” – VIDEO: IL MOMENTO DELL’ARRESTO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Massimo Massenzio per www.corriere.it

 

torino, donna sequestrata in piazza san carlo torino, donna sequestrata in piazza san carlo

Sequestro di persona questa mattina in zona piazza San Carlo. Una donna è stata caricata a forza su un furgone di colore nero con a bordo tre uomini di nazionalità straniera. La scena si è svolta all'angolo tra piazza Cln e via Giolitti. Alcuni passanti hanno dato l'allarme e il camioncino nero è stato bloccato dalla polizia nei pressi di corso Vinzaglio, tre fermati. La vittima era stata immobilizzata con fascette da elettricista. Gli investigatori della squadra Mobile stanno indagando sulla vicenda.

 

«Presi alle spalle»

torino, donna sequestrata in piazza san carlo 2 torino, donna sequestrata in piazza san carlo 2

Il titolare di un negozio della zona stava prendendo il caffè quando - ha raccontato - «ho visto il furgoncino muoversi in contromano, sono scesi in due, uno incappucciato. La donna, sulla cinquantina, passeggiava con un uomo che è riuscito a scappare mentre lei è stata presa alle spalle e caricata sul mezzo. Urlavano: chiamate la polizia».

 

torino, donna sequestrata in piazza san carlo 1 torino, donna sequestrata in piazza san carlo 1

Un testimone: «Il rapitore sembrava un buttafuori»

«Sono arrivati con un furgone nero in contromano — racconta ancora il dipendente di una gelateria che ha assistito alla scena — La signora era a passeggio. È stata presa e caricata su un furgone. Urlava, mentre il suo accompagnatore è scappato. L'uomo che l'ha presa sembrava un buttafuori. Aveva il volto coperto da un passamontagna».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SE CATTOLICA DIRÀ SÌ ALL'OPS DI INTESA POTREBBE SCATTARE UN EFFETTO DOMINO TRA I SOCI DEL ''CAR'', IL PATTO DI CONSULTAZIONE DEGLI AZIONISTI DI UBI - LA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA È ORIENTATA ALL'ADESIONE, METTENDO DAVANTI A UN VICOLO CIECO LA FONDAZIONE CUNEESE: HANNO LO STESSO ADVISOR PER LA DECISIONE, SOCIÉTÉ GÉNÉRALE, E NON SAREBBE AGEVOLE SPIEGARE AL MEF (CUI SPETTA LA VIGILANZA SULLE FONDAZIONI) SCELTE DIAMETRALMENTE OPPOSTE PARTENDO DA CONSIDERAZIONI TECNICHE IDENTICHE

cronache

ANNALISA CHIRICO A DAGOSPIA: “NEL SUO EDITORIALE, MARCO TRAVAGLIO HA IL GARBO DI SCRIVERE: “IL LIBRO DI ANNALISA CHIRICO: CI VORREBBE LA TRIADE SALVINI-DRAGHI-RENZI. MA POI CI VORREBBERO PURE TRE LINGUE COME LE SUE PER LECCARLI TUTTI E TRE” - "POSTO CHE OGNI DONNA HA IL DIRITTO DI FARE L’USO CHE VUOLE DELLA PROPRIA LINGUA, NEL CASO ‘TRIADE SALVINI-DRAGHI-RENZI’ È UNA TESI GIORNALISTICA E POLITICA, LA MIA: LA SI PUÒ CONTESTARE NEL MERITO MA PERCHÉ VOLGARIZZARLA CON VOLGARISSIMO INSULTO SESSISTA?'' - ''CHISSÀ COME AVREBBERO REAGITO LE AMICHE DEL KARAOKE SE IL LORO RENATOZERO PREFERITO, TRAVAGLIO APPUNTO, LE AVESSE APOSTROFATE COME HA FATTO CON ME”

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA MINCHIATA RESTA SEMPRE UNA MINCHIATA. O NO? - OTTAVIO CAPPELLANI: ''IN AEREO CI SI PUÒ SEDERE ATTACCATI MA LE CAPPELLIERE SONO VIETATE. NIENTE BAGAGLI. LA REGOLA FA VACILLARE LA MENTE.  IN PIEDI, CON LE BRACCIA ALZATE E UNO ZAINETTO IN MANO L’ESSERE UMANO E' PIÙ SENSIBILE AL CORONAVIRUS? SI TRASMETTE ATTRAVERSO LE ASCELLE? - REGOLE RIGIDE PER GLI SPETTACOLI ALL'APERTO, POI SALI SU UN AUTOBUS E ADDIO DISTANZIAMENTO. E POI PERCHÉ I MIGRANTI VENGONO TAMPONATI E QUARANTENATI MA I TURISTI NO? LA POVERTÀ AIUTA IL CONTAGIO?''