“SE NON AVESSI FATTO PORNO OGGI SAREI PRETE O CANTONIERE” - I 55 ANNI DI ROCCO SIFFREDI: "SONO STATO UN UOMO FORTUNATO, HO AVUTO TUTTO QUELLO CHE SOGNAVO. HO PENSATO PIÙ VOLTE DI NON ANDARE OLTRE MA, SE CONTINUANO A PREMIARMI COME MIGLIOR PERFORMER, DEVO PER FORZA ALLUNGARE LA MIA PRESENZA DI FRONTE ALLA MACCHINA DA PRESA. DOVRÒ SPOSTARE L'ASTICELLA VERSO QUOTA 60…” - GALLERY PISELLONICA

-

Condividi questo articolo





rocco siffredi sandy balestra rocco siffredi sandy balestra

Chiara Ugolini per www.repubblica.it

 

"Se non avessi fatto il porno oggi sarei o il prete, che mia madre ha sempre sognato, o cantoniere come mio padre". Rocco Siffredi compie 55 anni, è nato il 4 maggio 1964 a Ortona (Chieti), una vita spesa per il cinema hard come attore, ovviamente, il più famoso, il più premiato (ancora tre Oscar del porno solo a gennaio), e poi come regista, come produttore.

 

"Sono stato molto fortunato, ho avuto tutto quello che sognavo - diceva pochi anni fa alla presentazione del film ritratto Rocco, firmato dai documentaristi francesi Thierry Demaiziere e Alban Teurlai - forse se devo pensare a un rammarico c'è quello di non aver capito sufficientemente in fretta che rimanere troppo a lungo in questo ambiente con una famiglia a fianco e con l'educazione che ho ricevuto sarebbe stato un po' complicato. Avrei dovuto forse deviare un po', ma tanto sono convinto che alla fine sarei tornato là".

rocco siffredi angela white i am angela 2 rocco siffredi angela white i am angela 2

 

La carriera dell'attore simbolo del cinema hard è nota: in oltre 30 anni di carriera ha ricevuto più di una quarantina di Avn Awards, equivalente degli Oscar per il cinema pornografico conferiti ogni anno dalla rivista Adult Video News per celebrare le eccellenze mondiali del settore, ed è annoverato nella Hall of fame delle personalità che hanno contribuito alla crescita dell'intrattenimento per adulti. Ma Rocco Siffredi ha più di una volta fatto incursioni anche nel cinema mainstream anche se sempre in titoli che hanno a che fare con il mondo dell'erotismo.

rocco siffredi (1) rocco siffredi (1)

 

Nel 1999 ha recitato in Romance, film dall'autrice francese Catherine Breillat, con scene di sesso esplicito ma non porno, censurato in molti paesi compresi Italia e Stati Uniti. È stato protagonista di Amore estremo, film ispirato al romanzo di Claudia Salvatori Schiavo e padrona, dove Siffredi interpretava Silver, un uomo che cerca di scoprire l'assassino del suo migliore amico, un poliziotto masochista trovato senza vita dopo avere passato una notte con Xenia, una bibliotecaria sadica.

 

rocco siffredi 3 rocco siffredi 3

Siffredi è apparso anche in Pornocrazia, film francese del 2004 che racconta la storia di una giovane donna salvata da uno sconosciuto dopo essersi tagliata le vene in un locale frequentato da omosessuali. Da spettatore il suo film preferito è Shame di Steve McQueen con Michael Fassbender: "Quel film mi ha turbato perché raccontava la mia vita. Sono stato male a vederlo. Se dovessero fare un film sulla mia vita, dovrebbe farlo lui".

 

rocco siffredi 2 rocco siffredi 2

Ma prima della sua carriera, prima dei film che sono frutto di "vera passione", Rocco Siffredi dice che c'è la famiglia "mia moglie e i figli stanno al top" assicura. Sposato con l'ex modella e attrice porno Rosa Caracciolo e padre di due ragazzi, Lorenzo e Leonardo che ha debuttato come modello di intimo, Siffredi è consapevole di come sia difficile per loro convivere con la schiera di fan che gli chiedono foto e autografi.

 

"Il fatto di andare in vacanza e ritrovarsi a condividere il papà con persone che mi fermano in continuazione, senza mai poter passare un momento insieme senza invasioni per loro è molto pesante". Sarà per quello che ha deciso di coinvolgerli in uno show tv Casa Siffredi, una sorta di reality in cui racconta chi è veramente, al di là delle "performance" come le chiama lui, nella quotidianità.

rocco siffredi 1 rocco siffredi 1

 

L'attore, regista e produttore nella sua carriera ha vinto oltre una decina di statuette negli Stati Uniti come miglior interprete maschile, di cui la prima all'età di 29 anni nel 1993. "Ho pensato più volte di non andare oltre i 55 anni. Ma, se continuano a premiarmi come miglior performer, devo per forza allungare la mia presenza di fronte alla macchina da presa - ha detto a gennaio ritirando tre premi - Dovrò spostare l'asticella verso quota 60" ha concluso l'attore con ironia.

rocco siffredi rocco siffredi MARICA CHANEL - ROCCO SIFFREDI - TINA MARICA CHANEL - ROCCO SIFFREDI - TINA LA STATUA DEDICATA A ROCCO SIFFREDI LA STATUA DEDICATA A ROCCO SIFFREDI malena con rocco siffredi malena con rocco siffredi rocco siffredi rocco siffredi rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 7 rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 7 rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 3 rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 3 rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 6 rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 6 rocco siffredi rocco siffredi

 

Condividi questo articolo



ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?