“SE SILVIO BERLUSCONI ACCETTATO DI ESSERE ESAMINATO DAL PUNTO DI VISTA MENTALE CI SAREBBERO STATI ESITI ESALTANTI” - VITTORIO FELTRI: "NESSUN MEDICO CHE NON SIA PAZZO POTREBBE DARGLI DEL RIMBAMBITO. NON ESISTE CONNAZIONALE NORMODOTATO CHE NON AMMIRI IL CAVALIERE, DEL QUALE PERFINO GLI AVVERSARI POLITICI RICONOSCONO I MERITI. IN PAROLE POVERE, DI QUESTO INDIVIDUO SI PUÒ DIRE DI TUTTO MENO CHE SIA SCEMO…”

-

Condividi questo articolo


Vittorio Feltri per “Libero quotidiano”

 

VITTORIO FELTRI SILVIO BERLUSCONI VITTORIO FELTRI SILVIO BERLUSCONI

Comprendiamo l'irritazione di Silvio Berlusconi nell'apprendere che i magistrati, quelli che lo vogliono a processo (l'ennesimo), hanno chiesto di sottoporlo a perizia psichiatrica. La qualcosa, interpretata in senso malevolo, insinua che il più grande imprenditore italiano non abbia tutte le rotelle funzionanti. È normale che il Cavaliere si sia offeso a sangue e pretenda di rifiutare l'esame. Sul piano emotivo è difficile dargli torto. Tuttavia io al posto suo avrei accettato il confronto con gli strizzacervelli per una ragione semplice.

 

Berlusconi in tribunale Berlusconi in tribunale

Egli da mezzo secolo ed oltre è unanimemente considerato tra gli uomini più intelligenti e capaci d'Italia. Giudizio confortato dai risultati concreti ottenuti in vari campi: da giovanissimo Silvio ha costruito una città satellite modello, Milano 2, un capolavoro, poi si è inventato l'emittenza privata, mettendo in piedi un impero tuttora grandioso, con Mediolanum è diventato un banchiere formidabile, nel mondo del calcio ha spopolato come nessun altro.

 

Un personaggio tanto abile non può che essere un genio, è impossibile che un cretino rincoglionito sia in grado di dominare su mercati tanto diversi. Se Silvio avesse accettato di essere esaminato dal punto di vista mentale avrebbe avuto esiti esaltanti. Nessun medico che non sia pazzo potrebbe dargli del rimbambito. Non esiste connazionale normodotato che non ammiri il Cavaliere, del quale perfino gli avversari politici riconoscono i meriti. In parole povere, di questo individuo si può dire di tutto meno che sia scemo.

Berlusconi in tribunale Berlusconi in tribunale

 

L'esito della eventuale perizia, qualora si fosse svolta, non sarebbe stato negativo, anzi, avrebbe decretato la superiorità intellettuale del soggetto in questione. Perfino in politica, dove di solito emergono i mediocri, Berlusconi ha ottenuto un successo mai visto: è riuscito a vincere alcune elezioni nazionali con un partito messo in piedi in poche settimane.

 

berlusconi al tribunale di napoli per il processo lavitola berlusconi al tribunale di napoli per il processo lavitola

La superiorità di Silvio è di una evidenza sfacciata e questo lo sanno benissimo anche i giudici benché fingano di ignorarlo, dimostrando di capire poco, anzi nulla, degli imputati che essi si ostinano a perseguire senza un motivo molto diverso dall'odio. O dall'invidia che è il motore di questa società marcia, la quale considera la ricchezza un peccato mortale anziché una benedizione di Dio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”