“SI STA SGRETOLANDO LA FIDUCIA NEL SISTEMA” – IL SINOLOGO FRANCESCO SISCI: “LE PROTESTE IN CINA SONO UN FENOMENO SENZA PRECEDENTI, DAI TEMPI DELLA TIANANMEN. PERCHÉ PROPRIO ORA? LA GENTE STA GUARDANO I MONDIALI IN QATAR E VEDE GLI STADI PIENI" – “IL GOVERNO È BLOCCATO. E' SEMPRE PIÙ DIFFICILE PROSEGUIRE COSÌ, MA CAMBIARE PONE DEI RISCHI SANITARI ENORMI, CON IL CONTAGIO CHE SI STA DIFFONDENDO, SENZA UNA CAMPAGNA VACCINALE EFFICACE, SENZA IMMUNITÀ DI GREGGE, E SENZA STRUTTURE CAPILLARI. TRA TRE SETTIMANE CI SAREBBERO MILIONI DI MORTI” – VIDEO: IL FIUME DI PERSONE A SHANGHAI MEZZ’ORA FA…

-

Condividi questo articolo


 

 

 

 

Da www.adnkronos.com

 

PROTESTE IN CINA - SHANGHAI PROTESTE IN CINA - SHANGHAI

Le proteste a Pechino, Nanchino, e Shanghai, sono il segnale che "si sta sgretolando la fiducia" non tanto nei confronti del Presidente del Paese Xi Jinping ma più in generale nelle istituzioni di governo in Cina, nel sistema, spiega all'Adnkronos il sinologo Francesco Sisci precisando che per quanto limitate, le manifestazioni sono un fenomeno "senza precedenti dai tempi della Tiananmen".

 

"Le proteste, per quanto estese, non sono enormi con migliaia di persone coinvolte, sono sporadiche, nervose, prive di coordinamento e assolutamente spontanee. Segnali di una pentola che bolle. L'acqua non ha ancora iniziato a uscire dalla pentola, ma siamo arrivati alla temperatura giusta. Siamo in una situazione ancora di passaggio, su un terreno nuovo perché da 33 anni a questa parte non c'erano state proteste così ampie e diffuse", aggiunge Sisci.

 

xi jinping con la mascherina 5 xi jinping con la mascherina 5

Il motore della protesta è WeChat, il social che i cinesi usano oramai per fare tutto, parlarsi e comperare il latte e che per questo il governo non può bloccare "a meno di rischiare di paralizzare il Paese". La piattaforma in cui chi partecipa alle manifestazioni pubblica i video delle proteste. "Sembra essere la natura stessa di questa piattaforma a creare una nuova forma di organizzazione in cui la gente si coordina l'uno con l'altro e si crea effetto valanga".

 

incendio a urumqi cina 1 incendio a urumqi cina 1

I cinesi, che nei primi mesi del 2020 si erano prestati "con disciplina e grande fiducia" alle misure di lockdown, ora si rendono conto "che nel resto del mondo la situazione è normalizzata e in Cina ancora no, che c'è qualcosa che non funziona a livello di governo".

 

E perché proprio ora? "Prima di tutto perché i contagi di covid aumentano d'inverno e poi la gente sta guardano i Mondiali di calcio in Qatar e vede gli stadi pieni, senza misure restrittive, senza mascherine", indica il sinologo.

 

Il governo cinese si trova in una impasse, "tra l'incudine e il martello". "E' sempre più difficile proseguire con queste misure di quarantena che la gente non sopporta più, ma d'altro canto, cambiare radicalmente pone dei rischi di tipo sanitario enormi, con il contagio che si sta diffondendo, senza una campagna vaccinale efficace, senza immunità di gregge, e in assenza di strutture sanitarie capillari in grado di reggere una esplosione di casi e terapie intensive Forse se eliminassimo oggi le misure di lockdown, tra tre settimane ci sarebbero milioni di morti".

 

zero covid cina zero covid cina

Non esiste quindi una via di uscita facile. "Anche il governo è bloccato. E' una situazione drammatica". La strada per superare la crisi "sarebbe quella di capire che il fallimento delle politiche anti covid è la punta di un iceberg molto più grande che riguarda tanta parte del sistema cinese che non funziona. Sarebbe necessario un salto intellettuale perché le proteste non sono dirette a Xi (gli slogan contro di lui a Shanghai sono isolati), ma sono più profonde e investono il sistema", conclude Sisci.

Proteste per il covid Shanghai 5 Proteste per il covid Shanghai 5 xi jinping con la mascherina 4 xi jinping con la mascherina 4 incendio a urumqi cina incendio a urumqi cina proteste in cina contro la strategia zero covid 9 proteste in cina contro la strategia zero covid 9 proteste fabbrica apple in cina 7 proteste fabbrica apple in cina 7 proteste in cina contro la strategia zero covid 17 proteste in cina contro la strategia zero covid 17 manifestazione dopo l incendio a urumqi, in cina 3 manifestazione dopo l incendio a urumqi, in cina 3 Proteste per il covid Shanghai 4 Proteste per il covid Shanghai 4 proteste in cina contro la strategia zero covid 1 proteste in cina contro la strategia zero covid 1 manifestazione dopo l incendio a urumqi, in cina 2 manifestazione dopo l incendio a urumqi, in cina 2 proteste in cina contro la strategia zero covid 15 proteste in cina contro la strategia zero covid 15 proteste in cina contro la strategia zero covid 16 proteste in cina contro la strategia zero covid 16 proteste contro la strategia zero covid a urumqi, cina proteste contro la strategia zero covid a urumqi, cina proteste in cina contro la strategia zero covid 18 proteste in cina contro la strategia zero covid 18 proteste in cina contro la strategia zero covid 19 proteste in cina contro la strategia zero covid 19 proteste lavoratori foxconn in cina proteste lavoratori foxconn in cina proteste in cina contro la strategia zero covid 20 proteste in cina contro la strategia zero covid 20 proteste in cina contro la strategia zero covid 8 proteste in cina contro la strategia zero covid 8 incendio a urumqi cina 2 incendio a urumqi cina 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)