LA MORTE È DIVENTATA UNO SHOW PER I FOLLOWER - A VITTORIA, IN PROVINCIA DI RAGUSA, UN 60ENNE DISABILE CADE DALLA CARROZZINA, VIENE RIPRESO MENTRE MUORE A CAUSA DI UN MALORE IMPROVVISO E IL VIDEO VIENE POSTATO SUI SOCIAL - SONO STATI I VIGILI URBANI A CHIEDERE L’INTERVENTO DEL 118 MA QUANDO I SOCCORSI SONO ARRIVATI L’UOMO ERA GIÀ MORTO. I VIDEO CIRCOLAVANO PRIMA CHE I FAMILIARI DELLA VITTIMA FOSSERO AVVERTITI…

-

Condividi questo articolo

Da https://www.blitzquotidiano.it

 

VITTORIA - DISABILE IN CARROZZINA VIENE RIPRESO MENTRE MUORE VITTORIA - DISABILE IN CARROZZINA VIENE RIPRESO MENTRE MUORE

Qualcuno a Vittoria ha filmato un disabile mentre muore dopo essere caduto dalla sua carrozzina. Non solo. Questo qualcuno ha poi postato il video sui social. Ormai la fame di notorietà a basso costo (ma quale notorietà: il like? Le condivisioni? I commenti degli amici?) fa venire meno il rispetto persino per il dolore e la morte. Quello di Vittoria è un esempio, ma ormai avviene ovunque. In situazioni di difficoltà tutti pronti col telefonino anziché provare a dare una mano e rendersi utili.

 

L’episodio ha suscitato dure reazioni tra cui quelle dei familiari dell’uomo, che hanno presentato una denuncia. L’incidente è avvenuto in via Cavour, nel centro del paese in provincia di Ragusa. Forse a causa di un malore il disabile è caduto dalla carrozzina ma alcune persone, hanno ripreso la sua agonia.

VITTORIA - DISABILE IN CARROZZINA VIENE RIPRESO MENTRE MUORE VITTORIA - DISABILE IN CARROZZINA VIENE RIPRESO MENTRE MUORE

 

In breve si è formato un piccolo assembramento di curiosi che ha richiamato l’attenzione di una squadra di polizia municipale. Sono stati i vigili urbani a chiedere l’intervento del 118 ma quando i soccorsi sono arrivati l’uomo era già morto. Subito dopo i video e le immagini del disabile per terra sono state postate sui social prima che i familiari della vittima, che aveva 60 anni, fossero avvertiti. (Fonte Ansa)

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute