MUSK, MA CHI TE LO HA FATTO FARE? – IL BOSS DI TESLA È FINITO SOTTO INDAGINE DELL’AGENZIA FEDERALE DI CONTROLLO DELLA BORSA DEGLI STATI UNITI PER IL “TIRO ALLA FUNE” NELL'OPERAZIONE DI ACQUISTO DI TWITTER: PRIMA LA PROPOSTA, LA MARCIA INDIETRO E INFINE LA RIAPERTURA DEI TERMINI INIZIALI – I FEDERALI HANNO MESSO NEL MIRINO L’ANDAMENTO DELLA QUOTAZIONE DEI TITOLI LEGATO ALLE SPARATE DELLO SVALVOLONE...

-

Condividi questo articolo


Da www.lastampa.it

 

ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

L’agenzia federale di controllo della Borsa degli Stati Uniti (Sec) sta indagando su Elon Musk per il suo “tiro alla fune” nell'operazione di acquisto di Twitter: prima la proposta, la marcia indietro e infine la riapertura dei termini iniziali. Gli avvocati di Twitter Inc. hanno chiesto alla corte del Delaware di poter accedere allo scambio di email tra l'imprenditore e le autorità federali che stanno indagando in connessione all'offerta di acquisto da 44 miliardi di dollari per rilevare il social.

 

Elon Musk 2 Elon Musk 2

«Elon Musk - scrivono nella richiesta gli avvocati dello studio Potter Anderson Corroon Llp - è attualmente sotto inchiesta da parte delle autorità federali per l'acquisizione di Twitter».

 

La Sec, l'agenzia federale di controllo della Borsa aveva inviato lo scorso 4 aprile a Musk, una richiesta di chiarimenti su come si era mosso con le azioni di Twitter. Il miliardario aveva spiegato, di aver acquisito più del 9 per cento, e poi era passato a lanciare un'offerta pubblica da 44 miliardi di dollari. Ma l'attenzione delle autorità è sull'andamento della quotazione dei titoli, legato anche alle dichiarazioni pubbliche e sui social dello stesso miliardario.

TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK

 

L'istanza è stata presentata il 6 ottobre ma è emersa solo oggi. Prima a dare la notizia è stata Bloomberg.

Uno dei legali di Musk, Alex Spiro, ha definito la richiesta di Twitter un «diversivo». Tra le parti è attualmente in piedi una causa presso il tribunale del Delaware. La giudice che si occupa del caso, Kathaleen McCormick, ha dato tempo fino al 28 ottobre per trovare un accordo, prima di procedere.

ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ