PENISOLA/2 - CI VUOLE UN BEL CORAGGIO E UNA NOTEVOLE FACCIA TOSTA PER SPIEGARE LE RAGIONI CHE HANNO INDOTTO LA MARINA MILITARE A ORGANIZZARE LA FIERA GALLEGGIANTE SULLA NAVE CAVOUR

I 147 giorni della missione costeranno la bellezza di circa 30 milioni dentro i quali bisogna considerare i 13 milioni garantiti dagli sponsor per un’esposizione di stand di qualche decina di metri quadri. Gran sponsor il ministro Mario Mauro e l’ex-ministro della Difesa Di Paola….

Condividi questo articolo



DAGOREPORT

Mons Leuzzi e Ministro Mario MauroMons Leuzzi e Ministro Mario Mauro

Ci vuole un bel coraggio e una notevole faccia tosta per spiegare le ragioni che hanno indotto la Marina Militare a organizzare la Fiera galleggiante sulla nave Cavour che inizia mercoledì prossimo.

Sulla bontà dell'iniziativa sono in pochi a spendere parole perché la vetrina delle aziende italiane che per sei mesi batterà l'Africa e il Golfo arabico per promuovere il made in Italy è un'iniziativa stravagante e costosa.

Mario Mauro e Maurizio LupiMario Mauro e Maurizio Lupi

È stravagante se si guarda al modo con cui altri Paesi come la Francia, la Germania e l'Inghilterra vanno in giro per il mondo con plotoni di ministri e portano a casa affari colossali. Ed è un'iniziativa costosa perché i 147 giorni della missione costeranno la bellezza di circa 30 milioni dentro i quali bisogna considerare i 13 milioni garantiti dagli sponsor per un'esposizione di stand di qualche decina di metri quadri.

NAVE CAVOUR MARINA MILITARE ITALIANANAVE CAVOUR MARINA MILITARE ITALIANA

A difendere l'iniziativa è sceso in campo anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa Binelli Mantelli, ma a quanto si dice i più attivi sono stati il ministro Mario Mauro (quello che a Lampedusa è arrivato con un indecente ritardo) e l'ex-ministro della Difesa Di Paola, che fino a qualche mese fa sognava la poltrona di Finmeccanica.

NAVE CAVOUR MARINA MILITARE ITALIANANAVE CAVOUR MARINA MILITARE ITALIANA

La Fiera galleggiante ,esaltata soltanto da qualche sito internet caro agli ambienti della sicurezza ,è un esempio di spreco di un Paese che galleggia sulla crisi e rischia di affondare.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

LICIA RONZULLI E MARTA FASCINA SONO I BERSAGLI GROSSI NELLA FAIDA DI FORZA ITALIA: “HANNO L'ARROGANZA DELL'ASSO PIGLIA TUTTO” – BERLUSCONI, ORMAI ANNEBBIATO, E’ INFLUENZABILE E I SUOI L’HANNO CAPITO: “GLI FILTRANO LE TELEFONATE, NEANCHE PARLAMENTARI DI VECCHIA DATA RIESCONO A PARLARGLI. PUNTANO A LIQUIDARE CHIUNQUE NON STIA CON LORO, METTONO NEL MIRINO PERFINO GIANNI LETTA E ANTONIO TAJANI” – “SILVIO È ORMAI TAGLIATO FUORI DAL MONDO, CONTROLLATO DAL FILTRO A MAGLIE STRETTE DI UN TANDEM MAGICO CHE GLI DETTA L'AGENDA E AGISCE IN SUO NOME”, “BERLUSCONI PRENDE DECISIONI CHE TENDE A CREDERE SIANO FARINA DEL SUO SACCO MA CHE GLI VENGONO INVECE SUBDOLAMENTE SUGGERITE”

business

IL SECONDO ADDIO IN QUATTRO MESI DI FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE DAL CDA GENERALI NON È NÉ ESTEMPORANEA NÉ IMPROVVISATA. ARRIVA DOPO UNA LUNGA SERIE DI SCAZZOTTATE, ESPLOSE NELLA PARTITA CHE HA PORTATO ALLA CONFERMA DELL'AD PHILIPPE DONNET - ENTRO UN MESE UN PAIO DI SCADENZE DIRANNO SE “CALTARICCONE” POTRÀ TORNARE A COLLABORARE CON IL SOCIO MEDIOBANCA, IL CDA E IL MANAGEMENT OPPURE RESTERÀ MINORANZA IN COMPAGNIA DI LEONARDO DEL VECCHIO (CHE HA COME LUI QUASI IL 10% DELLE QUOTE)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute