AI PIEDI DI FRANCESCO - A CAPO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE, I VESCOVI USA ELEGGONO JOSEPH KURTZ, UN ‘MODERATO’ TENDENZA BERGOGLIO

Il nuovo presidente della Conferenza episcopale ha fatto per 27 anni il prete ad Allentown, nel cuore manifatturiero della Pennsylvania - Come suo vice è stato eletto Daniel DiNardo che ha prevalso su Charles Chaput, uno dei capi dei conservatori e leader delle battaglie sui “principi non negoziabili”…

Condividi questo articolo


Paolo Mastrolilli per "la Stampa"

JOSEPH KURTZ CON TIMOTHY DOLANJOSEPH KURTZ CON TIMOTHY DOLAN

Il nuovo leader della Conferenza episcopale americana è Joseph Kurtz, arcivescovo di Louisville, in Kentucky. La sua scelta non rappresenta uno strappo nella gerarchia locale, ma nello stesso tempo risponde all'appello che Papa Francesco aveva lanciato attraverso il nunzio negli Usa Viganò per puntare sui pastori piuttosto che sugli ideologi.
Kurtz, 67 anni, è stato eletto ieri durante l'assemblea della Usccb a Baltimora, con larga maggioranza e al primo turno.

Daniel DiNardoDaniel DiNardo

Era il vice presidente della Conferenza, e quindi con la sua nomina si torna alla prassi tradizionale di promuovere il numero due. Questa abitudine era stata infranta tre anni fa, quando il cardinale di New York Timothy Dolan aveva battuto il collega di Tucson Gerald Kicanas, percepito come un liberal per il lavoro svolto da ausiliario dell'arcivescovo Bernardin a Chicago. Kurtz in quella occasione era stato eletto vice, e quindi non dispiaceva alla maggioranza conservatrice ispirata allora da Benedetto XVI.

Charles ChaputCharles Chaput

Nello stesso tempo, però, il nuovo presidente della Conferenza episcopale ha un profilo più vicino alle aspettative di Francesco, perché ha fatto per 27 anni il prete ad Allentown, nel cuore manifatturiero della Pennsylvania. Durante questo periodo è stato il direttore locale di Catholic Charities, e il tema del lavoro è stato sempre al centro della sua attività. Come vescovo, però, è stato a capo del Committee for the Defense of Marriage and Family Life, e membro del National Catholic Bioethics Center, dando quindi garanzie anche sulle questioni sociali e della vita. È un moderato in ascesa, tra i favoriti per l'arcidiocesi di Chicago e quindi la porpora cardinalizia.

Sul piano politico, però, il voto più significativo di ieri è stato forse quello per il vice, dove il cardinale di Galveston-Houston Daniel DiNardo ha prevalso su quello di Philadelphia Charles Chaput. DiNardo non è un liberal, ma Chaput è uno dei capi dei «conservatori creativi», emerso a Denver durante il pontificato di Giovanni Paolo II e molto vicino a Benedetto. È stato tra i leader delle battaglie sui «principi non negoziabili», come l'aborto, e aveva detto che i conservatori americani faticano a capire Francesco. La sua sconfitta forse segnala il riallineamento, più della vittoria di Kurtz.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT - COME HA PRESO DRAGHI IL VAFFA DEL BERLUSCA? MALISSIMO! IN PRIMIS, SI È INCAZZATO CON GIANNI LETTA, POI HA CHIAMATO IL NIPOTINO DELL’EMINENZA AZZURRINA - LA TROPPA SMANIA PER IL COLLE STA TRASFORMANDO DRAGHI DA MITO A MITOMANE. IN QUESTI ULTIMI GIORNI HA FATTO E STA FACENDO LA QUALUNQUE. OGGI UN CIOCCOLATINO L’HA RICEVUTO DA BLOOMBERG, DOVE FERDINANDO GIUGLIANO, IL SUO CONSIGLIERE AI MEDIA INTERNAZIONALI, HA LAVORATO 4 ANNI. SENTITE UN PO’ CHE TITOLO: “IL RITIRO DI BERLUSCONI RAFFORZA LA PROSPETTIVA CHE IL PRIMO MINISTRO MARIO DRAGHI POSSA ESSERE ELETTO CAPO DI STATO”! -  SE ALLA QUARTA VOTAZIONE MATTARELLA NON RACIMOLA ALMENO IL 70% DEI VOTI, NON CI STA A DISIMBALLARE GLI SCATOLONI. DAL NO DELLA MUMMIA SICULA, POTREBBERO USCIRE PIERFURBY CASINI (MA NON È GRANCHE' NEL CUORE DI SALVINI) O L’ETERNO GIULIANO AMATO

business

LE NOZZE ILIAD-VODAFONE PER SFIDARE TIM - SE L'AFFARE SARÀ FATTO, CHI COMANDERÀ? INSIEME ILIAD ITALIA E VODAFONE ITALIA CONTROLLEREBBERO UNA QUOTA DEL 36% DELLA TELEFONIA MOBILE, GENERANDO UN FATTURATO DI SEI MILIARDI DI EURO. NIEL, PADRE FONDATORE DI ILIAD FA PARTE DEL CDA DI KKR COME AMMINISTRATORE INDIPENDENTE. CON BOLLORÉ, CAPO DI VIVENDI AZIONISTA DI RIFERIMENTO DELLA TIM, SONO VICINI DI CASA. MA NON SI AMANO PER NULLA. NIEL È UN MACRONISTA, ANCHE SE NON LO VUOLE AMMETTERE, E BOLLORÉ È SOSTENITORE DI ERIC ZEMMOUR, ALL'ESTREMA DESTRA…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’EMERGENZA SANITARIA DEL FUTURO - OLTRE 1,2 MILIONI DI MORTI NEL 2019, A CAUSA DI INFEZIONI ANTIBIOTICO-RESISTENTI, MENTRE ALTRE 5 MILIONI PER CAUSE LEGATE INDIRETTAMENTE - LE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE SONO QUELLE CHE FANNO PIÙ VITTIME, SEGUITE DA QUELLE DEL SANGUE E DA QUELLE ADDOMINALI – SI STIMAVA CHE ENTRO IL 2050 LE VITTIME POTREBBERO ARRIVARE A 10 MILIONI, CON I NUMERI EMERSI DI RECENTE SI RISCHIA DI ARRIVI MOLTO PRIMA A QUESTO TRISTE TRAGUARDO…