AI PIEDI DI FRANCESCO - A CAPO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE, I VESCOVI USA ELEGGONO JOSEPH KURTZ, UN ‘MODERATO’ TENDENZA BERGOGLIO

Il nuovo presidente della Conferenza episcopale ha fatto per 27 anni il prete ad Allentown, nel cuore manifatturiero della Pennsylvania - Come suo vice è stato eletto Daniel DiNardo che ha prevalso su Charles Chaput, uno dei capi dei conservatori e leader delle battaglie sui “principi non negoziabili”…

Condividi questo articolo


Paolo Mastrolilli per "la Stampa"

JOSEPH KURTZ CON TIMOTHY DOLANJOSEPH KURTZ CON TIMOTHY DOLAN

Il nuovo leader della Conferenza episcopale americana è Joseph Kurtz, arcivescovo di Louisville, in Kentucky. La sua scelta non rappresenta uno strappo nella gerarchia locale, ma nello stesso tempo risponde all'appello che Papa Francesco aveva lanciato attraverso il nunzio negli Usa Viganò per puntare sui pastori piuttosto che sugli ideologi.
Kurtz, 67 anni, è stato eletto ieri durante l'assemblea della Usccb a Baltimora, con larga maggioranza e al primo turno.

Daniel DiNardoDaniel DiNardo

Era il vice presidente della Conferenza, e quindi con la sua nomina si torna alla prassi tradizionale di promuovere il numero due. Questa abitudine era stata infranta tre anni fa, quando il cardinale di New York Timothy Dolan aveva battuto il collega di Tucson Gerald Kicanas, percepito come un liberal per il lavoro svolto da ausiliario dell'arcivescovo Bernardin a Chicago. Kurtz in quella occasione era stato eletto vice, e quindi non dispiaceva alla maggioranza conservatrice ispirata allora da Benedetto XVI.

Charles ChaputCharles Chaput

Nello stesso tempo, però, il nuovo presidente della Conferenza episcopale ha un profilo più vicino alle aspettative di Francesco, perché ha fatto per 27 anni il prete ad Allentown, nel cuore manifatturiero della Pennsylvania. Durante questo periodo è stato il direttore locale di Catholic Charities, e il tema del lavoro è stato sempre al centro della sua attività. Come vescovo, però, è stato a capo del Committee for the Defense of Marriage and Family Life, e membro del National Catholic Bioethics Center, dando quindi garanzie anche sulle questioni sociali e della vita. È un moderato in ascesa, tra i favoriti per l'arcidiocesi di Chicago e quindi la porpora cardinalizia.

Sul piano politico, però, il voto più significativo di ieri è stato forse quello per il vice, dove il cardinale di Galveston-Houston Daniel DiNardo ha prevalso su quello di Philadelphia Charles Chaput. DiNardo non è un liberal, ma Chaput è uno dei capi dei «conservatori creativi», emerso a Denver durante il pontificato di Giovanni Paolo II e molto vicino a Benedetto. È stato tra i leader delle battaglie sui «principi non negoziabili», come l'aborto, e aveva detto che i conservatori americani faticano a capire Francesco. La sua sconfitta forse segnala il riallineamento, più della vittoria di Kurtz.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

DIGERITO IL CASO DELLA PACCA SUL CULO A GRETA BECCAGLIA, E' IL MOMENTO DI FARSI UNA DOMANDA: MA PERCHE' LE GIORNALISTE SPORTIVE SO' TUTTE PIN UP? COSA C'ENTRANO L'AVVENENZA, LA SENSUALITA', LE TETTE RIGONFIE CON L'INFORMAZIONE? - LE BONONE VENGONO "USATE" PER ALZARE L'AUDIENCE E IL LORO CORPO E' UN'ESCA PER TELE-PIPPAROLI - VOLETE FARE UNA BATTAGLIA CONTRO IL MASCHILISMO E IL SESSISMO? IMPEDITE ALLE TV DI SFRUTTARE LA GNOCCA PER FARE ASCOLTI E VEDIAMO QUANTE DI QUESTE ACUTISSIME "GIORNALISTE" RIUSCIRANNO A FARE CARRIERA ALTROVE...

politica

business

LA TIM E’ TUTTA UN QUIZ NEL PENTOLONE BOLLE LA SCELTA DA PARTE DI TIM DEGLI ADVISOR CHE DOVRANNO ESAMINARE L’OFFERTA DI KKR. IL RUOLO DELLA CONSIGLIERA ILARIA ROMAGNOLI, EX ROTHSCHILD. MA DIRANNO LA LORO ANCHE ASSOGESTIONI E SALVATORE ROSSI, EX BANKITALIA, CHE CI TIENE ALLA SUA POLTRONA DI PRESIDENTE (CHE SARÀ SEMPRE DI NOMINA GOVERNATIVA) E SA BENE CHE IL TRIO GIORGETTI, COLAO E FRANCO È FILO AMERICANO. DOPODICHÉ I DUE PIANI INDUSTRIALI DI VIVENDI E KKR, AMBEDUE CON LO SCORPORO TIM SERVIZI E TIM RETE, ANDRANNO ALL’ATTENZIONE DEL GOVERNO – IL DUELLO BOLLORÈ-MACRON – BUM! PARE CHE ILIAD STIA TRATTANDO CON VODAFONE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute