PRONTO, PADRINO? - MATTEO MESSINA DENARO PER COMUNICARE SENZA ESSERE INTERCETTATO UTILIZZA UN CELLULARE “VERTU” DA 4MILA EURO - IL PENTITO TUZZOLINO INGUAIA LA SEGRETARIA GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIA, PATRIZIA MONTEROSSO: “ERA NOSTRA SORELLA IN MASSONERIA” -

Giuseppe Tuzzolino da due anni collabora con le procure siciliane: ha rivelato l’esistenza di una loggia massonica chiamata “Il tronco della vedova” che incassa il 5% su ogni appalto per il fotovoltaico…

Condividi questo articolo


Giuseppe Lo Bianco per il “Fatto quotidiano

 

MATTEO MESSINA DENARO MATTEO MESSINA DENARO

Matteo Messina Denaro utilizza "un cellulare che si chiama Vertu, che costa circa 4.000 euro e non è intercettabile". Per un periodo il boss si è nascosto in Andalusia, ad Almeria dove ricevette una busta con 300.000 euro, parte di una tangente di un milione di euro di un appalto siciliano: a portargliela è stato l' architetto Giuseppe Tuzzolino, professionista "cerniera" tra mafia politica e massoneria che, dopo essere stato arrestato nel 2013, da oltre due anni sta collaborando con le procure siciliane che continuano a vagliarne l' attendibilità.

 

Seguendo le sue indicazioni, nei giorni scorsi la polizia di New York ha scoperto in un appartamento della Quinta Strada una cassaforte che avrebbe dovuto contenere foto e documenti di Matteo Messina Denaro, ma che invece era vuota. Le ultime rivelazioni di Tuzzolino sono nei verbali depositati nel processo d' appello all' ex governatore siciliano Raffaele Lombardo, condannato a sei anni e otto mesi per mafia.

 

GIUSEPPE TUZZOLINO GIUSEPPE TUZZOLINO

L' architetto sottoposto al programma di protezione svela l' esistenza di una loggia massonica segreta a Castelvetrano che incassa una tangente del 5 per cento per ogni appalto del fotovoltaico chiamata "il Tronco della vedova" e che, sostiene Tuzzolino, finisce nelle tasche di una fedelissima di Crocetta, la potente segretaria generale della Presidenza della Regione, Patrizia Monterosso, condannata dalla Corte dei conti a risarcire la regione per 1,3 milioni euro per lo scandalo degli extrabudget della formazione professionale, più volte citata da Tuzzolino anche per i suoi presunti rapporti con un esponente dei servizi segreti.

 

Ecco allora le parole di.

PATRIZIA MONTEROSSO PATRIZIA MONTEROSSO

Il cellulare. "So che il figlio di Ciccio La Rocca (capomafia di Caltagirone, ndr) era in contatto via Voip con Matteo Messina Denaro. Usano un cellulare che si chiama Vertu, che costa circa 4.000 euro e che a detta dei tecnici della Sio che ne consigliarono l' uso, non è intercettabile a seguito della installazione di un particolare programma da loro stessi progettato.

 

Quanto al figlio di Ciccio La Rocca posso dire che fui incaricato di portare in Spagna circa 300.000 euro - parte del guadagno di 1 milione di euro, proveniente dall' appalto della Libertinia - che io consegnai a Denaro, che quest' ultimo, a sua volta, diede a Salvatore Cannatella il quale è titolare di una importante società agroalimentare che funge da banca per la criminalità organizzata.

 

PATRIZIA MONTEROSSO PATRIZIA MONTEROSSO

Io ho ritirato il denaro presso la sede della consortile, nel palazzo La Barbera, proprio da La Rocca, chiuso in una busta. Dopo qualche giorno sono stato io a partire per portare la busta ad Almeria, in Spagna, da Matteo Messina Denaro.

 

La loggia segreta.

CROCETTA E MONTEROSSO 2 CROCETTA E MONTEROSSO 2

"Patrizia Monterosso era una nostra sorella in massoneria e si occupava degli interessi di tutti i componenti della Loggia La Sicilia. Si è occupata di far comunicare la massoneria di Trapani con Raffaele Lombardo, ad esempio nell' interesse della società Vento Divino, di Nicastri, poi sequestrata.

 

La Monterosso faceva parte della Loggia di Castelvetrano, poiché era la più vicina al presidente. Però era capace, era una donna in gamba, considerate che lei per l' autorizzazione di un parco fotovoltaico a Parma ci indirizzò personalmente da un uomo dei servizi segreti, Leonardo Rinaldi.

 

RICCARDO GALLO AFFLITTO CON BERLUSCONI RICCARDO GALLO AFFLITTO CON BERLUSCONI

Io ho conosciuto Morgana Rinaldi, sua figlia, a New York, e la frequentai per circa un mese; in quel periodo, mentre un giorno lei si trovava in casa mia, io ricevetti la visita di Leonardo Lo Verde, rappresentante della famiglia Gambino, lei si rese conto delle mie interessenze con Cosa Nostra e mi disse che il padre era dei servizi segreti e che anche lei aveva un passaporto di servizio; in particolare, mi spiegò che il padre e Lombardo partecipavano a una impresa che operava nel settore dei pannelli solari costituita subito dopo le elezioni regionali.

 

CICCIO LA ROCCA CICCIO LA ROCCA CELLULARE VERTU CELLULARE VERTU

La stessa Rinaldi mi chiese di partecipare con 400.000 euro all' affare. Lo chiesi a Messina Denaro che non mostrò di fidarsi di Lombardo. L' affare venne definito a Milano presso lo studio dello stesso Rinaldi e in quella occasione egli ci disse che era il solo che poteva ottenere le licenze per il fotovoltaico dall' amministrazione Lombardo.

 

La conversazione venne registrata da me, ma la micro scheda dovrebbe essere nella disponibilità di mio cognato Sciabica Giosuè - persona vicina all' onorevole Riccardo Gallo Afflitto, quest' ultimo vicino ai servizi - il quale ha cercato di convincermi a non collaborare con la Giustizia".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”