I PULCIARI DEL SUPERALCOLICO – È STATO IL “NO” DEL GESTORE ALLO SCONTO SULLA VODKA A SCATENARE LA RISSA A MARZO AL 'SUPER G', SULLE PISTE DA SCI DI COURMAYEUR - I CLIENTI, VISTO CHE NON SONO RIUSCITI A RISPARMIARE 60 EURO SU UNA BOTTIGLIA DA 180, HANNO TENTATO DI FARNE ENTRARE UNA ACQUISTATA ALL’ESTERNO, INFILANDOSELA SOTTO UNA MAGLIETTA – QUANDO IL PROPRIETARIO DEL LOCALE SE N’È ACCORTO...

-

Condividi questo articolo

Da "www.ansa.it"

 

rissa al super g a courmayeur 2 rissa al super g a courmayeur 2

Il 'no' del gestore a uno sconto sulla bottiglia di vodka (da 180 a 120 euro) e poi il tentativo di bere con gli amici quella acquistata nel locale vicino, celandola sotto la maglia.

 

E' nata così la rissa del 30 marzo al 'Super G', sulle piste da sci di Courmayeur: ne è convinta la procura di Aosta, che ha chiesto il giudizio immediato di sette persone per rissa aggravata.

 

super g a courmayeur 5 super g a courmayeur 5

Da un lato i clienti Stefano D'Anello, di 31 anni, di Courmayeur (3 giorni di prognosi), e Federico Luckenbach (41) di Milano, dall'altro il responsabile del Super G, Alessandro Sinisi (36) di Cardano al Campo, Varese (5 giorni) con gli addetti alla vigilanza Arturo De Santis (27) di Cardano Al Campo, Daka Fofana (22) di Busto Arsizio (Varese), Achraf Laabid El Bagari (33) di Aosta, Matteo Marcella (30) di Legnano (Milano).

super g a courmayeur 4 super g a courmayeur 4

 

Per il gip i video delle telecamere documentano condotte "caratterizzate da un elevato grado di violenza e" che "la ragione scatenante" è "del tutto banale (il consumo di bevande acquistate in un altro locale)".

 

Un mese fa il giudice Giuseppe Colazingari, su richiesta del pm Francesco Pizzato, aveva disposto cinque misure cautelari, nel frattempo revocate: l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per D'Anello, De Santis, Fofana e Sinisi, e gli arresti domiciliari per El Bagari (che il 30 marzo era già ai domiciliari con permesso di lavorare e che durante la rissa, dicendo "adesso lo ammazzo", avrebbe sferrato un calcio a D'Anello riverso a terra). Hanno indagato i carabinieri di Courmayeur. 

super g a courmayeur 3 super g a courmayeur 3 super g a courmayeur 1 super g a courmayeur 1 rissa al super g a courmayeur 1 rissa al super g a courmayeur 1 super g a courmayeur 2 super g a courmayeur 2

   

rissa al super g a courmayeur 3 rissa al super g a courmayeur 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."