QUANDO LA COSCIA DIVENTA PESANTE… LE VIP FANNO VOTO DI CASTITÀ – L’ASTINENZA SESSUALE È DI MODA TRA SOUBRETTE E PERSONAGGI FAMOSI CHE, SUPERATI GLI ANNI D'ORO DELLA GIOVINEZZA, SI INVENTANO DI NON TROMBARE PIÙ PER SCELTA – LOREDANA BERTÈ HA RACCONTATO CHE, DOPO UNA VITA SESSUALE ESPLOSIVA, DA 10 NON HA PIÙ UN UOMO – QUELLA SVALVOLATA DI FLAVIA VENTO DA ANNI CI SBOMBALLA CON LA STORIA DELLA CASTITÀ, MENTRE SIMONA TAGLI E L’EX PORNOSTAR SELEN HANNO RIVELATO CHE..

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Novella Toloni per www.ilgiornale.it

 

loredana berte a belve phstefaniacasellato 2 loredana berte a belve phstefaniacasellato 2

[…] Praticare l'astinenza sessuale sembra essere di gran moda anche tra i personaggi famosi. Da Flavia Vento a Luce Caponegro, in passato conosciuta come Selen, sono tante le vip che hanno scelto la castità. Ma negli ultimi giorni, complici alcune interviste diventate virale sul web, altri volti noti dello spettacolo hanno svelato di non fare sesso da anni e per motivi diversi.

 

Tra loro c'è Loredana Bertè. Ospite di Francesca Fagnani nella prima puntata della nuova stagione di Belve […] "Sono sempre stata etero e adesso non me ne frega più niente del sesso. Sono casta da qualche anno, circa dieci. Ho dato molto, mi sono data parecchio, ora mi riposo".

 

simona tagli simona tagli

[…] Simona Tagli. La showgirl si è imposta la castità per evitare di perdere l'affidamento della figlia Georgia subito dopo il divorzio dall'ex compagno. […] "Non ho più avuto altri compagni dopo la fine della relazione con il padre di mia figlia", ha rivelato la Tagli, proseguendo: "Sono casta da dieci anni per un voto che avevo fatto alla Madonna di Lourdes per non perdere l'affidamento di mia figlia".

 

Luce Caponegro Luce Caponegro

La storia della Tagli non è molto diversa da quella dell'ex pornostar Selen, al secolo Luce Caponegro, che tra pochi giorni sbarcherà in Honduras come concorrente della nuova Isola dei famosi. Subito dopo avere detto addio al mondo dell'hard nel 1999, Luce ha scelto di diventare casta per crescere suo figlio lontano dalle dicerie e come rifiuto verso la sua vita precedente. Oggi è pronta a darsi un'altra possibilità con gli uomini. "Dopo anni di castità, in cui ho fatto unicamente la mamma di mio figlio Gabriele, che considero il dono più grande ricevuto nella vita, mi sento libera di tornare a fare l’amore […]”.

 

flavia vento 77 flavia vento 77

Impossibile non citare, infine, Flavia Vento. […] "Ero atea e ho abbracciato la fede e sono casta da 10 anni", raccontò anni fa a Pomeriggio 5, spiegando: "È una mia scelta, gli uomini mi hanno deluso. Non mi accontento più di fare solo sesso. Voglio fare l'amore. Per questo ora nella mia vita c'è spazio solo per i miei cani".

loredana berte a belve phstefaniacasellato 1 loredana berte a belve phstefaniacasellato 1 luce caponegro luce caponegro loredana berte loredana berte luce caponegro gia' selen 1 luce caponegro gia' selen 1 flavia vento flavia vento flavia vento 5 flavia vento 5 luce caponegro selen luce caponegro selen simona tagli 1 simona tagli 1 simona tagli simona tagli simona tagli simona tagli simona tagli simona tagli simona tagli simona tagli loredana berte francesca fagnani a belve phstefaniacasellato 3 loredana berte francesca fagnani a belve phstefaniacasellato 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”