QUANDO SI DICE “LAVORARE COL CULO” - STORIA DEL PETOMANE JOSEPH PUJOL: NATO A MARSIGLIA NEL 1857, DIVENNE FAMOSO PER LA SUA CAPACITÀ DI RIPRODURRE CON LE SUE FLATULENZE CANZONI COME “'O SOLE MIO” O ANCHE L'INNO FRANCESE  - QUANDO ERA BAMBINO SCOPRÌ DI ESSERE IN GRADO DI ASPIRARE L'ACQUA CON L'ANO, PER POI SPRUZZARLA - CAPÌ CHE POTEVA FARE LA STESSA COSA CON L'ARIA E NEL 1892 SI ESIBÌ AL MOULIN ROUGE, A PARIGI...

-

Condividi questo articolo


Da “Focus”

 

Joseph Pujol - 1 Joseph Pujol - 1

Chi era' "il petomane”? Joseph Pujol un eclettico artista francese che trovò la sua strada nel mondo dello spettacolo a suon di... flatulenze. Nato a Marsiglia nel 1857, aveva una particolare capacità scoperta durante l'infanzia, quella cioè di poter aspirare l'acqua con l'ano per poi spruzzarla.

 

Sostituita l'acqua con l'aria il gioco era fatto: in breve Pujol divenne “il petomane", l'artista che dal 1892 fu in grado di conquistare il pubblico del Moulin Rouge a suon di rumori intestinali. Tuoni di temporale.

 

Nei suoi spettacoli, Joseph Pujol non solo era in grado di spegnere candele a varie distanze, ma anche di riprodurre con il suo inconfondibile stile i suoni più disparati, dai tuoni di un temporale ai colpi di cannone, passando per il frastuono di un terremoto fino all'esecuzione di alcuni brani musicali famosi come 'O sole mio o l'inno nazionale francese, eseguiti "soffiando" in un'ocarina. Allo scoppio della Prima guerra mondiale (1914) si ritirò dalle scene. Lavorò come panettiere e aprì una fabbrica di biscotti, prima di morire a Tolone nel 1945.

Joseph Pujol Joseph Pujol

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE