LE REGIONI CORRONO AI RIPARI - DE LUCA FERMA LE SCUOLE FINO AL 30 OTTOBRE - CHIUSI ANCHE I CIRCOLI E FESTE LIMITATE AI FAMILIARI CONVIVENTI - ANNUNCIATE NUOVE RESTRIZIONI NEL LAZIO, IN PUGLIA, IN TOSCANA E VAL D’AOSTA - IL BOOM DEI CONTAGI, IN EFFETTI, COMINCIA AD IMPENSIERIRE ANCHE LA BORSA: IERI, ASSIEME AGLI ALTRI LISTINI EUROPEI, PIAZZA AFFARI HA CHIUSO IN FORTE CALO (-2,77%)

-

Condividi questo articolo

Fabrizio Caccia per il “Corriere della Sera”

 

ZINGARETTI E DE LUCA ZINGARETTI E DE LUCA

«Dobbiamo essere pronti a misure restrittive mirate, a lockdown molto parziali, nel caso aumenti la curva dei contagi». Aveva detto così, ieri mattina, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, in tv a L'Aria che Tira su La7. Poi è arrivato il bollettino della Protezione civile, con il record dei nuovi contagi (8804) e il raddoppio dei morti (83). E subito quelle parole si sono fatte realtà. Da Nord a Sud, le Regioni adesso corrono ai ripari: il governatore Vincenzo De Luca ha deciso che da oggi fino al 30 ottobre rimarranno chiuse le scuole in Campania, chiusi anche i circoli e feste limitate ai familiari conviventi.

bonaccini bonaccini

 

Pure nel Lazio si annunciano nuove restrizioni: «Se non si piega la curva» dei contagi «inevitabili ulteriori misure», ha detto l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato: 307 nuovi positivi, ieri, solo a Roma. E ancora: sospese le gite parrocchiali a Molfetta; a Bergamo e Palermo niente alcol in piazza dalle 21 alle 6; il governatore della Toscana, Eugenio Giani, ha indetto lo stop alle visite nelle Rsa. In Valle d'Aosta, il presidente Renzo Testolin ha dichiarato «zone rosse» i comuni di Saint-Denis, Verrayes e Chambave con tamponi per tutta la popolazione.

 

MICHELE EMILIANO MICHELE EMILIANO

Giro di vite pure in Alto Adige: Sesto e Monguelfo «zone rosse» per 14 giorni. E a Bolzano da oggi chiuso il liceo classico Carducci con didattica a distanza per 760 alunni. Così, davanti allo spettro della seconda ondata, sono risuonate di conforto le parole del capo dello Stato, Sergio Mattarella: «Stiamo resistendo e ne stiamo uscendo, malgrado tutto, ma ora bisognerà essere estremamente prudenti».

 

Poi, dal Colle un forte monito: «Il virus dell'individualismo, la riemersione dell'ego dei singoli e degli Stati, è altamente pericoloso a somiglianza di quello che ci attanaglia in questi mesi». Il Covid, appunto. Di certo, però, la scuola è il punto critico: governo e Regioni riflettono sulla possibilità di prevedere orari flessibili (anche il pomeriggio) allo scopo di diminuire i picchi di utenza sui mezzi di trasporto.

lucia azzolina 10 lucia azzolina 10

 

«Se non vogliamo sacrificare gli studenti - la chiosa del ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina - si può lavorare ancora di più per lo smart working dei dipendenti pubblici». Insomma, tutto pur di evitare il peggio e il presidente dell'Emilia-Romagna, Bonaccini, ieri l'ha detto chiaramente: «Un lockdown generalizzato? Da pandemia sanitaria si passerebbe ad una pandemia economica e sociale...». Il boom dei contagi, in effetti, comincia ad impensierire anche la Borsa: ieri, assieme agli altri listini europei, Piazza Affari ha chiuso in forte calo (-2,77%). Il Ftse Mib ha fermato le contrattazioni a 19.065 punti, con 39 titoli su 40 in rosso.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute