RESTIAMO VIGILI - IL COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, STEFANO NAPOLI, APPENA NOMINATO, SI DIMETTE CON UNA LETTERA DI TRE PAGINE INVIATA A VIRGINIA RAGGI: “HO CONSTATATO LA MORTIFICANTE ASSENZA DEL MINIMO CENNO DA PARTE SUA DI VICINANZA ALLA MIA PERSONA” - NAPOLI SCONTA L'INCHIESTA DI “REPORT” CHE HA INCHIODATO GLI AGENTI ACCUSANDOLI DI CONFLITTI DI INTERESSI, CONTROLLI TARDIVI E SELETTIVI E DI RAPPORTI CON LA CRIMINALITÀ - E POI C'È STATO L'AUDIO (SI CAPISCE CHI L'ABBIA REGISTRATO) DI DUE VIGILI CHE SCOPANO MENTRE SONO IN SERVIZIO…

-

Condividi questo articolo

1 - VIGILI, NUOVA SCOSSA: LASCIA IL COMANDANTE «MA IL COMUNE SAPEVA»

F.Pac. per “il Messaggero”

 

STEFANO NAPOLI STEFANO NAPOLI

Conferme o smentite ufficiali non ce ne sono state fino a tarda sera. Poi la doccia fredda. Il comandante della polizia municipale Stefano Napoli si è dimesso. Un nuovo scossone per il corpo di piazza della Consolazione, dopo l' addio (per sopraggiunti limiti di età) di Antonio Di Maggio. Napoli ha consegnato il suo addio alla sindaca, con una lettera di tre pagine. «Ho constatato con rammarico la mortificante assenza del benché minimo cenno da parte sua di vicinanza alla mia persona e al mio ruolo». Parole che si abbattono come una scure sulla sindaca.

 

Da ieri pomeriggio Radio Campidoglio aveva rotto la routine d' inizio settimana rilanciando la notizia che aveva messo in subbuglio il palazzo: Antonio Napoli, comandante della polizia locale, ha comunicato a Virginia Raggi la volontà di fare un passo indietro. Una lettera di dimissioni consegnata alla sindaca e subito congelata. Come detto, da Palazzo Senatorio non è arrivato nessun commento ufficiale.

 

STEFANO NAPOLI E VIRGINIA RAGGI STEFANO NAPOLI E VIRGINIA RAGGI

I RAPPORTI

Anche se la stessa prima cittadina e l' assessore al Personale (e competente sulla partita) Antonio De Santis - a chi li ha chiamati, sulla vicenda hanno provato a gettare acqua sul fuoco. Quel che è certo è che i rapporti tra Napoli - alla testa dei vigili dal luglio scorso - e la stessa Raggi da giorni sono ai minimi storici. E che, anche all' interno del corpo, già da settimane serpeggiassero veleni. Ne è prova proprio l'audio circolato nei giorni sulla coppia di amanti beccati nell' auto di servizio. Un audio della centrale, si è detto all' inizio. Poi una microspia. Di sicuro, fin da subito, l' idea era che quell' audio fosse stato diffuso per mettere in difficoltà più Napoli che i due focosi pizzardoni.

 

L'INCHIESTA

STEFANO NAPOLI - INCHIESTA DI REPORT SULLA POLIZIA LOCALE DI ROMA STEFANO NAPOLI - INCHIESTA DI REPORT SULLA POLIZIA LOCALE DI ROMA

Non c' è solo questo, però, dietro la lettera di dimissioni di Napoli. Da un lato, il comandante sconta soprattutto l' inchiesta della trasmissione Report (e gli effetti da essa provocati), che ha messo alla berlina gli agenti capitolini, accusandoli - tra l' altro - di conflitti di interessi sui permessi per le riprese cinematografiche, di controlli tardivi e selettivi nei locali in centro e di rapporti con la criminalità da parte di tre caschi bianchi; dall' altro, poi, c' è stato proprio l' audio (non si capisce ancora chi l' ha registrato) di due vigili che hanno un rapporto sessuale mentre sono in servizio.

 

I SINDACATI

Di sicuro che, nei pochi mesi in cui è stato comandante, Napoli non è mai stato amato da una parte dei sindacati. L' ormai ex caspo è stato convocato una settimana fa dalla sindaca: insieme hanno concordato sia di fare una rotazione degli uomini in strada in Centro sia, soprattutto, che il corpo avrà un nuovo comandante dall' anno prossimo. Radio Campidoglio fa già girare il nome del successore: il generale Paolo Gerometta, ora assegnato alle Risorse umane di Palazzo Senatorio.

 

2 - IL LATO OSCURO DELLA POLIZIA LOCALE DI ROMA - A DIECI ANNI DALLE PRIME DENUNCE CHE PORTARONO ALL’ARRESTO DEL COMANDANTE GENERALE, ANGELO GIULIANI, IL SISTEMA DI POTERE È ANCORA IN PIEDI - CONTROLLO SU COMMERCIANTI, IMPRENDITORI, POLITICI E PRIVATI CITTADINI - E C'È UN PROCESSO APERTO CHE IMBARAZZA L’ATTUALE COMANDANTE GENERALE, STEFANO NAPOLI: LA VICENDA RIGUARDA UNA PRESUNTA ESTORSIONE DA PARTE DI QUATTRO VIGILI - IL SERVIZIO DI DANIELE AUTIERI PER “REPORT”. PS: E’ VERO CHE LA RAGGI HA AVVIATO LA SOSTITUZIONE DI STEFANO NAPOLI? AH, SAPERLO - VIDEO!

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/lato-oscuro-polizia-locale-roma-dieci-anni-prime-253690.htm

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

UNICREDIT, UNICAOS - TOH, VUOI VEDERE CHE PIERCARLETTO PADOAN, NON ANCORA PRESIDENTE IN CARICA DI UNICREDIT, RISCHIA UNA BRUTTA SCONFITTA? LA CANDIDATURA CHE STA PRENDENDO VELOCITÀ IN QUESTE ORE, PER OCCUPARE IL POSTO DEL DIMISSIONARIO MUSTIER, È QUELLA DI ANDREA ORCEL CHE È SUPPORTATA PRINCIPALMENTE DA DEL VECCHIO, CARIVERONA E CASSA RISPARMIO TORINO. SÌ, PROPRIO I TRE AZIONISTI DI UNICREDIT CHE SI SONO MESSI DI TRAVERSO ALLA FUSIONE CON MONTE DEI PASCHI DI SIENA, CHE E' IL MOTIVO PER CUI IL PD AVEVA SPEDITO A PIAZZA GAE AULENTI PADOAN…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’ITALIA ALLA GUERRA DEL VACCINO – LA TAKIS È SALITA ALL’ATTENZIONE DEI MEDIA PERCHÉ STA LAVORANDO ALLA REALIZZAZIONE DI UN VACCINO ANTICOVID DI TIPO GENETICO E CIOÈ QUELLO CHE È PIÙ PROIETTATO AL FUTURO E PIÙ PROMETTENTE DAL PUNTO DI VISTA DELL’OBIETTIVO DELLA MEDICINA PERSONALIZZATA. MA MENTRE PER LA ITALO-SVIZZERA REITHERA SI ORGANIZZA UNA CAMPAGNA MEDIATICA PAZZESCA E SI REGALANO TANTI MILIONI, PERCHÉ L’ITALIANISSIMA TAKIS NON VEDE IL BECCO DI UN QUATTRINO E RESTA NELL’ANONIMATO?