C’E’ QUALCUNO ANCORA DISPOSTO AD AMARE GLI ESSERI UMANI? - AUMENTANO LE PERSONE CHE AMANO (E TRATTANO) UN ANIMALE COME SE FOSSE UN FIGLIO - DIBATTITI TELEVISIVI, LETTERATURA, CINEMA NON SONO RIUSCITI A SPIEGARE CHE COSA SCATTI NELL'ESSERE UMANO PER PROVARE UN AMORE COSÌ IMMENSO PER GLI ANIMALI - MA UNA SPIEGAZIONE SI PUO’ AZZARDARE: A DIFFERENZA DI UNA PERSONA, TI AMANO INCONDIZIONATAMENTE E NON TI DELUDONO MAI…

-

Condividi questo articolo

Alessandra Menzani per “Libero quotidiano”

 

ana laura ribas ana laura ribas

Matteo Salvini li ha chiamati «bambini felini». E lui due bambini veri li ha. Nella commedia "The Maddler" la protagonista, senza figli, dice alla madre Susan Sarandon: «Saluta i tuoi canipoti». Due anni fa Ana Laura Ribas, piangendo la morte del suo amato cane Gregorio, morto a 20 anni, diceva: «Non trovo ci sia differenza tra la madre di un bambino e quella di un cagnolino».

 

Elisabetta Canalis anni fa aveva creato una torta di compleanno con il muso del suoi due pinscher e la scritta: "Auguri mamma". È facile ridere di chi tratta i propri animaletti domestici come figli, con tanto di cibo vegano, cappottini e a volte pure passeggini; è facile pensare a costoro come a soggetti che non hanno avuto prole e "usano" cani e gatti come una specie di compensazione per la loro mancanza.

 

isoardi isoardi

Ma va registrato anche il fatto che a volte, avendo entrambi, sia figli che animali, tanti scelgano di passare più tempo con i secondi. Perché sono sempre affettuosi, non tengono il muso e non ti deludono mai. C'è addirittura chi crea per i propri amici pelosi profili Facebook e Instagram personali, con tanto di discorsi in prima persona: qui però è spesso un gioco, non considerando coloro che invece vivono una sorta di sdopppiamento d'identità, ma qui è roba da psicologi. Per il resto, tante manifestazioni d'affetto non stupiscono. L'altro giorno Elisa Isoardi ha perso l'amato micione nero Otello.

 

«Ciao gatto delle nevi, lassù salterai sui tetti» ha scritto la conduttrice, ricevendo tanti attestati di solidarietà e frasi come: «Mi dispiace, ma è sempre con te». Questo pochi minuti dopo che l' ex fidanzato nonché ministro e vicepremier Matteo Salvini aveva postato su Facebook una moltitudine di foto di gatti di tutti i suoi fan, ricevendo 30mila like in cambio, visto che ci sono forse più "gattolici" che "cattolici" in Italia.

otello isoardi otello isoardi

 

COCKER REALE

Che quello dell' amore per gli animali sia un potente strumento elettorale lo sa bene anche Silvio Berlusconi, ormai tutt' uno con Dudù, il barboncino bianco di Francesca Pascale, visto che alcuni mesi fa aveva promesso «sgravi fiscali per chi adotta cani e gatti» e «diritti degli animali sanciti dalla Costituzione».

 

Anche l' iconografia ormai pareggia cani e bebè. Nelle foto ufficiali della Corona inglese, il primo scatto ufficiale del piccolo George lo ritraeva certo insieme con mamma Kate, papà William e però anche con l' onnipresente cocker Lupo. Così pure Chiara Ferragni e Fedez si fanno i selfie con il piccolo Leone e anche la cagnolina Matilda, adorabile bulldog francese della blogger.

 

berlusconi agnello berlusconi agnello

Dibattiti televisivi, letteratura, cinema non sono riusciti a spiegare che cosa scatti nell'essere umano per provare un amore così immenso per i gatti e i cani, ma anche per i cavalli. Di recente Carlotta Mantovan, vedova di Fabrizio Frizzi, ha spiegato quanto andare a cavallo sia una cosa che la «mette a posto con il mondo», soprattutto dopo la morte del marito, e ovviamente senza nulla togliere a Stella, sua figlia. Perché uno non esclude l'altro. Perché bisogna anche smetterla di classificare l'amore, confrontarlo, pesarlo.

 

IL CONFRONTO

Tutta l'Italia, giusto qualche giorno fa, si è commossa per la storia del micio di Paolo Brosio che sanguinava in diretta tv durante un collegamento del giornalista con il programma "Storie Italiane" di Eleonora Daniele. «Va ricoverato d' urgenza» urlava Brosio, che il giorno dopo ha addirittura scritto un post su Facebook per informare sulle condizioni di Sushi - questo il nome del gatto - e sul fatto che il cane di casa, Bobo Brosio, fosse molto provato per l' accaduto tanto da «rifiutare il cibo».

gattini su salvini 3 gattini su salvini 3

 

Cose che potrebbero far sorridere, ma per chi vive anche per l' affetto degli amici pelosi è un dramma. «Ora Sushi è adagiato su un lettino asettico in una stanzetta isolata e termica. Viene alimentato con flebo e nessuno tranne i medici può vederlo» ha scritto Brosio, che è scapolo e senza figli.

 

Bobo Brosio e Sushi sono la sua famiglia. Sono baci, carezze, calore. Danno senza chiedere niente in cambio, cosa che gli umani non fanno perché è nella natura. Forse l' unica dimostrazione d' amore più intensa di quella mostrata da Brosio era stata quella del cantante Valerio Scanu, che nel 2015 minacciava di abbandonare "L' isola dei famosi" perché i suoi chihuahua gli mancavano troppo.

 

«Ho detto "ti amo" solo ai miei cani», ammise. Ne ha dieci, tutti uguali. Si chiamano Miranda, Cassandra, Bisonte, Bimbo Piccolo, Bimbo Ciccione, Patty, Gemello, Nicola, Valeria, Antonella. «Sono dei figli, c' è qualcuno più viziato, qualcuno che ha delle attenzioni in più, ma per me sono tutti uguali. Li ho visti anche nascere».

gattini su salvini 7 gattini su salvini 7

 

Un film straziante sull' argomento è stato "Io e Marley", tratto dal libro autobiografico del giornalista John Grogan. Aveva tre figli, Grogan, ma il libro l' ha scritto sul suo amato Labrador. "Un cane - rifletteva - non se ne fa niente di macchine costose, case grandi o vestiti firmati.

 

Un bastone marcio per lui è sufficiente. A un cane non importa se sei ricco o povero, brillante o imbranato, intelligente o stupido... Se gli dai il tuo cuore, lui ti darà il suo. Di quante persone si può dire lo stesso? Quante persone possono farti sentire unico, puro, speciale? Quante persone possono farti sentire... straordinario?». In effetti, è una ricerca faticosa.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

IL CORONAVIRUS PUO’ VIAGGIARE NELL’ARIA? RISCHIAMO DI ESSERE CONTAGIATI SEMPLICEMENTE RESPIRANDO? L’OMS SOSTIENE CHE NON CI SONO PROVE A RIGUARDO - MA L’ACCADEMIA NAZIONALE DELLE SCIENZE DEGLI STATI UNITI AVVERTE CHE IL VIRUS E’ STATO TROVATO IN CAMPIONI D’ARIA RACCOLTI A OLTRE 1,8 METRI DAI PAZIENTI - PER LA VIROLOGA ILARIA CAPUA “NON POSSIAMO ESCLUDERE IL PROPAGARSI DEL VIRUS DAI CONDIZIONATORI” - GLI STUDI AMERICANI E CINESI, IL RISCHIO LEGATO AGLI AMBIENTI CHIUSI E L’INUTILITÀ DI ALCUNE MASCHERINE…