"SE NON E' NEGRO, E' LEI LA TROIA" - “QUANDO SI È SAPUTO CHE LO STUPRATORE DELLA RAGAZZINA A ROMA ERA ITALIANO, L’ESECRAZIONE DELLA RETE HA DIMENTICATO IL CARNEFICE E HA STERZATO SUL VESTITINO CORTO DELLA VITTIMA”

Gramellini: “Cambiano gli strumenti per diffonderlo, ma il pensiero di queste minoranze rumorose non è molto dissimile da quello che doveva animare i loro progenitori nelle caverne: se l’aggressore non appartiene a un’altra tribù, allora è lei che dev’essere una poco di buono”…

Condividi questo articolo

COMMENTI FACEBOOK ALLO STUPRO DELLA 15ENNE A ROMA COMMENTI FACEBOOK ALLO STUPRO DELLA 15ENNE A ROMA

Massimo Gramellini per “la Stampa”

 

A Prati, quartiere del centro di Roma, una ragazzina viene trascinata in un parco e stuprata da un uomo di trent’anni. Immediata sul web si scatena la caccia al nero, all’immigrato, al rom, al sindaco Marino che li lascia andare in giro tutti e tre indisturbati a violentare le nostre donne.

 

COMMENTI FACEBOOK ALLO STUPRO DELLA 15ENNE A ROMA COMMENTI FACEBOOK ALLO STUPRO DELLA 15ENNE A ROMA

Ma appena irrompe la notizia che lo stupratore presunto è un italiano purosangue, per di più militare al servizio della sacra Patria, l’esecrazione della Rete dimentica immediatamente il carnefice e sterza sul vestito corto della vittima (a luglio di solito si indossano gonnelloni di lana) e sui genitori depravati che le permettono di rimanere in strada oltre la mezzanotte a differenza di Cenerentola. Gli stessi fini pensatori che sarebbero stati disposti a incendiare un campo rom per vendicare la ragazza offesa da uno di «quelli», indirizzano adesso i loro miasmi contro la scostumata.

 

COMMENTI FACEBOOK ALLO STUPRO DELLA 15ENNE A ROMA COMMENTI FACEBOOK ALLO STUPRO DELLA 15ENNE A ROMA

Cambiano gli strumenti per diffonderlo, ma il pensiero di queste minoranze rumorose non è molto dissimile da quello che doveva animare i loro progenitori nelle caverne: se l’aggressore non appartiene a un’altra tribù, allora è lei che dev’essere una poco di buono. Il problema è che le caverne erano spazi ristretti, mentre questi trogloditi da tastiera rivolgono i loro rutti potenzialmente al mondo intero. Rimedi? Parlarne e scriverne fino alla noia. Le parole sono lente, ma contagiose. Attecchiscono un po’ alla volta e però dappertutto, persino nelle caverne della modernità.

 

STUPRO ROMA GIUSEPPE FRANCO 1 STUPRO ROMA GIUSEPPE FRANCO 1

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SALTATO L’APPORTO DEI “COSTRUTTORI”, È IN CORSO UNA TRATTATIVA SEGRETA CON FORZA ITALIA PER SOSTITUIRE ITALIA VIVA. MA QUELLO CHE RESTA DI BERLUSCONI STA TENENDO DURO: CON LA NOSTRA POSIZIONE POLITICA STIAMO AUMENTANDO NEI SONDAGGI (AL 10%) - AI VARI EMISSARI DI CONTE, L’EX BANANA DI ARCORE HA FATTO PRESENTE CHE SAREBBE COSA DIVERSA IN PRESENZA DI UN APPELLO DI MATTARELLA CHE COINVOLGA ANCHE LA DESTRA DELLA LEGA E DI FRATELLI D’ITALIA PER UN ESECUTIVO DI UNITÀ NAZIONALE. MA LA MUMMIA DEL QUIRINALE NON CI PENSA PROPRIO A FARE UN APPELLO. E ZINGARETTI VUOLE SOLO FORZA ITALIA

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

È NATO PRIMA L’UOMO O LA PAROLACCIA? LA PIÙ VECCHIA SCRITTA IN VOLGARE SI TROVA NELLA BASILICA DI SAN CLEMENTE A ROMA – PROPRIO L’URBE, È LA CAPITALE ITALIANA DEL TORPILOQUIO, "SOLLECITATO DA FORTI ISTINTI MISOGINI E OMOFOBI" – QUANDO BENIGNI NEL 1991 SULLA RAI SI ESIBÌ IN UN LUNGO ELENCO DI PARTI INTIME – L’ANNO DOPO COSSIGA SDOGANÒ LE MALE PAROLE IN UN DISCORSO UFFICIALE – L’USO DELLA BESTEMMIA È PERÒ IN CALO: “NON È SIMBOLO DI IRRELIGIOSITÀ, CHI LE DICE CREDE IN DIO”...

sport

LA VERSIONE DI MUGHINI – L'INTER DOMINA LA JUVE E AGGANCIA IL MILAN IN VETTA. PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI C’ERA IN CAMPO UNA SQUADRA SUPERIORE AI BIANCONERI. LO STREPITOSO BARELLA DA SOLO VALEVA PIÙ DI TUTTO IL CENTROCAMPO JUVENTINO. IL SECONDO GOL DELL'INTER E' UNA LEZIONE DI GIOCO E UN'IMMAGINE DA FILM DELL'ORRORE. È STATA UNA PARTITA DECISIVA NELL’ACCLARARE CHE LA JUVE NON È LA FAVORITA NELLA CORSA ALLO SCUDETTO PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI. SUCCEDE - E SULLA SFIDA LUKAKU-CR7... - BUFERA SOCIAL SU VIDAL PER IL BACIO ALLO STEMMA DELLA JUVE- BONUCCI CONTRO L’ARBITRO – VIDEO

cafonal

viaggi

salute