SE SO’ BEVUTI IL BENGALESE IN CHIEF – È FINITO IN MANETTE NURE ALAM SIDDIQUE, LEADER DI UN’ASSOCIAZIONE (LA “DHUUMCATU”) CHE RIUNISCE OLTRE 8 MILA BENGALESI A ROMA: E' ACCUSATO DI ESSERE IL MANDANTE DI UN SEQUESTRO PER UN DEBITO DI 100 MILA EURO, MATURATO PER OTTENERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO IN ITALIA – INDAGATI ANCHE TRE SGHERRI DI SIDDIQUE - L'UOMO CHE HA DENUNCIATO IL RAPIMENTO HA RACCONTATO DI ESSERE STATO TRASCINATO FUORI DA UN RISTORANTE, COSTRETTO A SALIRE SU UN AUTO, DOVE FU BENDATO E PESTATO...

-

Condividi questo articolo


 

SEQUESTRO A ROMA, ARRESTATO LEADER ASSOCIAZIONE BENGALESE

nure alam siddique detto bachcu 2 nure alam siddique detto bachcu 2

(ANSA) - E' Nure Alam Siddique detto 'Bachcu', storico leader dell'associazione bengalese Dhuumcatu l'uomo arrestato stamattina da polizia e carabinieri per il sequestro di un connazionale avvenuto a Torpignattara nel 2022. Per gli investigatori sarebbe il mandante del sequestro scattato per un debito di 100mila euro.

 

SEQUESTRATO E PICCHIATO PER UN DEBITO, ARRESTATO IL MANDANTE

(ANSA) - Fu sequestrato e picchiato per un debito. È quanto accaduto a un cittadino bengalese nel quartiere di Torpignattara a Roma. Nella prime ore di questa mattina i poliziotti del commissariato Viminale e i carabinieri della stazione Torpignattara, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Roma, hanno eseguito un'ordinanza, emessa dal gip, nei confronti di tre cittadini bengalesi.

 

nure alam siddique detto bachcu 3 nure alam siddique detto bachcu 3

Uno di loro, ritenuto il mandante, è finito in carcere mentre gli altri sono stati sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. I tre uomini sono gravemente indiziati, insieme ad altri indagati, del sequestro di persona ai danni di un connazionale, avvenuto nel il 30 ottobre del 2022 e denunciato il giorno stesso dalla compagna della vittima presso il commissariato Viminale. In seguito alla denuncia la Squadra Mobile dell'Aquila arrestò altri tre connazionali della vittima, rintracciati con la persona sequestrata in un hotel nel comune di Carsoli.

 

Nel mese di novembre 2022, la vittima del sequestro si presentò spontaneamente alla stazione dei carabinieri Torpignattara fornendo altri dettagli del rapimento. In particolare, aveva ascoltato le conversazioni telefoniche tra i sequestratori e un altro connazionale, ritenuto elemento di spicco della comunità bengalese romana.

 

nure alam siddique detto bachcu 4 nure alam siddique detto bachcu 4

Quest'ultimo avrebbe fornito le indicazioni sulle modalità logistiche e operative di conduzione del sequestro. L'uomo spiegò anche che il movente era un debito di circa 100mila euro da lui maturato sia per l'ottenimento del rilascio del permesso di soggiorno in favore di due suoi conoscenti, attraverso la mediazione di uno degli indagati, sia per un prestito di denaro.

 

Le indagini hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dell'uomo arrestato. A quanto accertato, la vittima era già stata sequestrata in due diverse occasioni e trattenuta contro la sua volontà, per ottenere il pagamento del debito. Dalle indagini congiunte di polizia e carabinieri sono emerse, inoltre, le modalità attraverso le quali sono stati commessi i reati.

 

È stata ricostruita la particolare violenza dei sequestratori che, ad esempio, dopo aver trascinato l'uomo fuori da un ristorante in pieno giorno e averlo costretto a salire su un'auto, l'hanno colpito con pugni sul volto e sul corpo, coprendogli poi gli occhi con una benda e la bocca con un pezzo di stoffa per non far sentire le sue urla.

nure alam siddique detto bachcu 5 nure alam siddique detto bachcu 5 nure alam siddique detto bachcu 1 nure alam siddique detto bachcu 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”