GLI SFORZI NON DEVONO ANDARE IN FUMO – ALCUNE REGIONI DELLA SPAGNA HANNO INTRODOTTO IL DIVIETO DI FUMARE ALL’APERTO PER CONTRASTARE LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS: LO STOP ALLA SIGARETTA RIGUARDA LE ZONE PUBBLICHE IN CUI NON È POSSIBILE GARANTIRE LA DISTANZA DI ALMENO DUE METRI - SECONDO LE AUTORITÀ SANITARIE DELLA GALIZIA, FUMANDO SI RILASCIANO LE GOCCIOLINE CHE SONO FATTORE IMPORTANTE DEL CONTAGIO…

-

Condividi questo articolo

Mauro Evangelisti per "www.ilmessaggero.it"

 

sigaretta sigaretta

Divieto di fumare all'aperto per contrastare la diffusione del coronavirus. La decisione è già stata presa da due regioni della Spagna, Galicia e Canarie, ma è allo studio anche in altre aree, come Madrid, Andalusia, Castilla-La Mancha, Castilla y León, Valencia, Asturias, Cantabria y Navarra.

 

Stop alle sigarette

Lo stop alla sigaretta riguarda le zone pubbliche in cui non è possibile garantire la distanza di almeno due metri tra una persona e l'altra. Secondo le autorità sanitarie della Galizia, apripista per questo provvedimento,  fumare in aree pubbliche e affollate, ad esempio nei dehors o seduti all'aperto in un tavolino di un bar, ma anche per strada, comporta un alto rischio di trasmissione del virus.

coronavirus spagna coronavirus spagna

 

Fumando una persona rilancia le droplets, le goccioline, che sono fattore importante del contagio.

Più in generale, i medici che in Italia in prima linea stanno curando le persone malate di Covid-19, hanno spiegato che normalmente le conseguenze per un fumatore sono più serie. Simili le conclusioni degli esperti spagnoli.

coronavirus spagna coronavirus spagna sigaretta elettronica sigaretta elettronica juul sigarette elettroniche 1 juul sigarette elettroniche 1 coronavirus spagna 1 coronavirus spagna 1 sigarette in spiaggia 4 sigarette in spiaggia 4 persone in spiaggia a malaga persone in spiaggia a malaga sigaretta sigaretta

 

donna in strada a valencia donna in strada a valencia

 

coronavirus spagna 2 coronavirus spagna 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL VIRUS STA MUTANDO, È DIVENTATO PIÙ CONTAGIOSO MA MENO MORTALE” - È CIÒ CHE SOSTENGONO STUDI INGLESI E STATUNITENSI - CIÒ SPIEGHEREBBE L'IMPENNATA DI CASI NEL MONDO CON UN NUMERO DI DECESSI PIÙ CONTENUTO RISPETTO ALLA PRIMAVERA - “UN VIRUS MUTA ALTRIMENTI NON SOPRAVVIVE: DEVE ADATTARSI ALL'UOMO SENZA UCCIDERLO. PER QUESTO SELEZIONA LA SPECIE CHE LO REPLICA IL PIÙ POSSIBILE. IL CORONAVIRUS È INTELLIGENTE, NON È SUICIDA COME L'EBOLA CHE UCCIDE GLI INDIVIDUI UCCIDENDO ANCHE SE STESSA”