IL SISTEMA PISICCHIO: VOTI IN CAMBIO DI FAVORI E POSTI DI LAVORO. NELLE INTERCETTAZIONI SI PARLA DI “GELATI DA DARE A TITOLO DI RICOMPENSA” OVVERO ASSUMERE PERSONALE NELLE IMPRESE CHE BENEFICIAVANO DI AGEVOLAZIONI O COMMESSE PUBBLICHE MILIONARIE DA PARTE DELLA REGIONE PUGLIA - E' QUANTO EMERGE DAGLI ATTI DELL'INDAGINE CHE HA PORTATO AGLI ARRESTI DOMICILIARI I FRATELLI ALFONSO E ENZO PISICCHIO…

-

Condividi questo articolo


alfonso pisicchio alfonso pisicchio

 (ANSA) - Il prezzo da pagare era un "gelato" e si "doveva dare" a titolo di ricompensa. Offrire un "gelato" significava assumere personale nelle imprese che beneficiavano di agevolazioni o commesse pubbliche milionarie da parte della Regione Puglia. E' quanto emerge dagli atti dell'indagine che ieri ha portato agli arresti domiciliari i fratelli Alfonsino e Enzo Pisicchio, il primo ex assessore all'Urbanistica della Regione Puglia e a capo, assieme al fratello, del movimento 'Iniziativa democratica' e 'Bari al centro'. Con loro sono state arrestate altre tre persone, mentre altre due sono state sospese per un anno dalla professione.

 

alfonso pisicchio emiliano alfonso pisicchio emiliano

La richiesta illecita, registrata dalle microspie posizionate d'urgenza in un ristorante di Monopoli (Bari), viene avanzata la sera del 4 settembre 2019. Alla cena partecipano il broker assicurativo Cosimo Napoletano, finito in carcere, e l'avvocato Paolo Scarpa, referente dell'imprenditore veneto Diego De Fecondo, di 60 anni (indagato a piede libero), titolare della Nir.

 

La società, che opera nel campo dell'innovazione tecnologica, attraverso una polizza fidejussoria falsa preparata da Napoletano e alla mediazione di Enzo Pisicchio, ha ricevuto nel 2019 dalla Regione Puglia il 50% di un contributo complessivo di 6,2 milioni per erogare aiuti alle imprese per servizi per la gestione digitalizzata degli impianti. Cosimo Napoletano - "ottemperando alle indicazioni impartite il giorno prima da Enzo Pisicchio", - è scritto negli atti - evidenzia l'interessamento di Pisicchio nella vicenda ("una gentilezza per quel signore che ha fatto tutto se è possibile" "è il cristiano che ha fatto davvero ... non si è ... non ha chiesto un centesimo ... e io so tutto ... e io so quello che si può fare"), chiedendo pertanto "la giusta ricompensa - annota il giudice - per lui, ovvero l'assunzione di persone dallo stesso segnalate ("un favore che dovremmo fare ... dare qualche assunzione al ... [inc.le] sono trentasei unità".

alfonso pisicchio emiliano alfonso pisicchio emiliano

 

 Il riscontro alle richieste di Napoletano (per conto di Pisicchio) emerge - secondo l'accusa - ulteriormente dalla conversazione successiva all'incontro tra Scarpa e Diego De Fecondo, nel corso della quale il primo sintetizzava all'imprenditore veneto l'incontro con Napoletano: "ho un messaggio ... fra tutti, fra tutti, te lo posso dire così ti puoi già preoccupare, fra tutti quelli che hai conosciuto a Bari. .. qual è quello a cui devi offrire un gelato? ... un gelato, virgola, e ha detto 'glielo devi dare!'. Ecco, questo è il messaggio, chiuso virgolette. Vedi te!".

alfonso pisicchio alfonso pisicchio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”