SOMMERSI E SALVATI: 20 MILA LOMBARDI A CASA CON SINTOMI TRATTATI COME POSSIBILI CASI DI CORONAVIRUS – SARANNO CONTROLLATI DA REMOTO DAI MEDICI DI BASE CHE POTRANNO RICHIEDERE VISITE E ASSISTENZA DOMICILIARE. LE MISURE PER SCONGIURARE EVENTUALI CRISI RESPIRATORIE- DIVENTA FONDAMENTALE IL SATURIMETRO...

-

Condividi questo articolo

Simona Ravizza per il “Corriere della Sera”

 

milano, ospedale in fiera 17 milano, ospedale in fiera 17

Ventimila lombardi trattati a casa come sospetti casi di Covid-19. Senza bisogno di nessun tampone che lo certifichi. È la stima dei malati sommersi della Lombardia elaborata dall' assessorato alla Sanità guidato da Giulio Gallera.

 

Non sono gli asintomatici (il loro numero si moltiplicherebbe), né le categorie a rischio come medici e infermieri per le quali gli scienziati chiedono a gran voce il test. Si tratta di pazienti con sintomatologia simil-influenzale, di cui non è nota l' eventuale positività, ma che vengono considerati per prudenza come possibili coronavirus.

 

milano, ospedale in fiera 16 milano, ospedale in fiera 16

A Milano, come anticipato dal Corriere , sono almeno 1.800. Di ieri il dato dell' intera Lombardia che, se proiettato a livello nazionale, può fare stimare all' incirca 200 mila casi simili di sindromi simil-influenzali. Attenzione, però: il dato italiano - come fa presenta Antonino Bella responsabile del monitoraggio Influnet dell' Istituto superiore di Sanità - va interpretato con prudenza perché il virus nel resto d' Italia è meno diffuso che in Lombardia e, dunque, la sovrapponibilità tra influenza tradizionale e Covid-19 può essere fuorviante.

La consapevolezza, però, è che si tratta di malati da tenere sotto stretta sorveglianza.

 

controlli in stazione a milano 2 controlli in stazione a milano 2

Così in Lombardia d' ora in avanti i medici di famiglia dovranno mapparli uno a uno, come già sta succedendo nel capoluogo lombardo da qualche giorno. È un modo per tenere sotto controllo le loro condizioni di salute ed evitare che possano andare in fame da ossigeno da un momento all' altro. «Per sapere quante persone hanno oggi il Covid-19 dovremmo testare tutti, il che è ovviamente impraticabile nonostante l' enorme potenziamento dell' attività laboratoristica - spiega Luigi Cajazzo, direttore generale dell' assessorato alla Sanità lombardo -.

 

Sono attivi 22 laboratori con una potenzialità di 5/6000 campioni al giorno. La strategia, in sintonia con quanto indicato dall' Istituto superiore di sanità, è quella di testare solo i casi con sintomatologia virale che accedono ai Pronto soccorso e gli operatori sanitari sintomatici. Altre strategie, per esempio i test anticorpali, sono ritenute prive di fondamento scientifico».

In Cina ricoveravano anche pazienti con 37,5 di febbre.

 

attilio fontana attilio fontana

Qui i criteri per il ricovero restano quelli clinici che fanno riferimento non solo alla temperatura corporea , ma anche alle condizioni generali del paziente. In questo senso il medico di famiglia deve essere una sentinella fondamentale. «Gli chiediamo di esercitare un ruolo attivo di sorveglianza verso i pazienti con sintomatologia respiratoria che non hanno necessità di ricovero, anche se non sono positivi al tampone - ribadisce Cajazzo -. Il medico di base deve vigilare, per così dire, da remoto con modalità assai più intense di quelle già praticate, attivando, qualora necessario, le Unità speciali di continuità assistenziale per visite a domicilio».

 

Telefono e saturimetro, i due strumenti fondamentali.

 

giulio gallera giulio gallera

«Da una stima fatta oggi, circa il 70% dei medici stanno già svolgendo le attività richieste, ma sono certo che il dato migliorerà nei prossimi giorni - assicura Cajazzo -. E questo a testimonianza che anche il mondo della medicina generale sta attivamente collaborando all' emergenza».

 

Le Unità speciali di continuità assistenziale per visite a domicilio, su indicazione dei dottori di famiglia, saranno attive da lunedì. Dalle 8 del mattino alle 8 di sera. «Attualmente sono circa 45 postazioni sul territorio regionale, nelle sedi delle attuali guardie mediche - chiarisce Cajazzo -. Con un totale di circa 100 dottori». I medici di famiglia devono monitorare da vicino anche i malati a domicilio accertati come casi di Covid-19.

 

«Dall' inizio dell' epidemia sono 15.620 - dice il direttore generale della Sanità lombarda -. Per ciascuno sono individuati almeno 5/10 contatti stretti. Nel caso in cui il medico di medicina generale ravvisi che l' isolamento non è adeguato, questi soggetti possono trasferirsi in strutture ricettive che mettiamo appositamente a disposizione».

Milano autoambulanza coronavirus Milano autoambulanza coronavirus

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute