SOS GEOGRAFIA: DAL “BUCO DELL’AZOTO” AL “LAGO VIAKAL” FINO ALLA PERLA DI GRILLO SU LAGOS CAPITALE DELLA NIGERIA: TUTTE LE FIGURACCE E GLI SVARIONI SULLA CENERENTOLA DELLE MATERIE – IL DOCENTE: "NESSUNO SA DOV'È L'ARMENIA" - IL TAR: "IN CATTEDRA SOLO PROF ABILITATI"

-

Condividi questo articolo


Veronica Passeri per Il Giorno-La Nazione-il Resto del Carlino

geografia armenia-map geografia armenia-map

 

Riccardo Canesi, insegnante di geografia, è animatore del coordinamento nazionale Sos Geografia che ha promosso il ricorso al Tar.

 

Professore nessuno studia più geografia «La geografia è la Cenerentola delle materie. I geografi italiani non si sono battuti per darle un posto centrale, siamo pochi e non siamo una lobby potente. La politica ha fatto il resto: l' insegnamento di questa disciplina è stato eroso a tutti i livelli, dalle elementari alle superiori. E finora è stato permesso di insegnarla anche a docenti senza l' abilitazione».

 

Passa per materia nozionistica? «Magari ci fosse un sano nozionismo, non c' è nemmeno quello. Ma non si tratta di imparare a memoria le capitali, la geografia è il perché del dove e non solo il dove. Incredibile come un Paese come il nostro, toccato dalle migrazioni e quinta potenza turistica, possa dimenticarla. La geografia è un antidoto al razzismo».

 

I primi a saperne poco sono i politici, no? «Siamo un paese con una scarsa cultura geografica. La geografia non è il bla bla bla sulle lunghezze dei fiumi e le altezze delle montagne ma avere cognizione della complessità dei fenomeni e delle loro relazioni. Penso al dramma delle alluvioni, dei cambiamenti climatici, manca una cultura della prevenzione e poi, certo, se uno non sa che ogni 200 anni c' è una piena nell' alveo di quel fiume».

 

geografia geografia

Ne sente di svarioni, eh? «Raccolgo tutti gli scivoloni riportandoli anche sul sito Sosgeografia.it fino a alla perla di trenta anni fa, «mucche allo stato ebraico» invece che allo stato brado (da cui prende il titolo anche un libro di Canesi, ndr), più recente la citazione del «buco dell' azoto» o del «lago Viakal». Poi ci sono quelli dei politici, come Beppe Grillo che ha parlato di Lagos come capitale della Nigeria».

 

Insomma l' ignoranza della geografia cresce «Negli anni ci si sono messi anche i social media con le fake news e la tv. In Rai 50 anni fa ma se un giornalista diceva svarioni veniva redarguito, oggi passa di tutto. Io ne sento almeno uno al giorno».

 

Per esempio? «Vedo cartine sbagliate, in una trasmissione l' Armenia era messa da tutt' altra parte. Fazio ha detto che Sant' Anna di Stazzema è sull' Appennino».

 

Le nuove tecnologie giocano un ruolo? «Non sono luddista, penso che vadano usate, con criterio e con dei limiti, anche a scuola. Ma, attenti, non basta un Gps a salvarti la vita perché alle volte si scaricano».

 

Facile perdersi senza un Gps. «Siamo al punto che bambini che vivono in piccole realtà perdono l' orientamento. Le cartine ti fanno ragionare, attivano procedure mentali, sviluppano facoltà».

 

Che speranza abbiamo di essere meno ignoranti? «Intanto a Carrara il 17 marzo per la scuola media e il 24 marzo per le superiori facciamo i campionati nazionali di geografia per i ragazzi mentre il 27 gennaio si terranno i giochi interregionali».

geografia geografia

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…