L'ASSURDA STORIA DEL 56ENNE MARCO QUERINI INVESTITO SULLA ROMA-FIUMICINO MENTRE RACCOGLIEVA I MILLE EURO CHE GLI ERANO VOLATI DAL FINESTRINO - L’ATTAVERSAMENTO DELLA CARREGGIATA INSEGUENDO LE BANCONOTE, LA SIGNORA 84ENNE CHE LO HA TRAVOLTO, GLI AUTOMOBILISTI CHE SI SONO FERMATI PER INTASCARSI I BIGLIETTONI E LE DOMANDE DEGLI INQUIRENTI: QUANTI SOLDI AVEVA? PERCHÉ NON LI AVEVA SISTEMATI IN UN POSTO AL SICURO?

Condividi questo articolo


Mirko Polisano per “il Messaggero”

 

Investito sulla Roma-Fiumicino mentre raccoglieva i soldi che gli erano volati dal finestrino. È morto così Marco Querini, 56 anni, travolto da un' auto sull' A91 ieri all' ora di pranzo dopo che dal finestrino erano volate alcune banconote con cui viaggiava e intorno a cui ruota un vero e proprio giallo.

 

LA MORTE DI MARCO QUERINI LA MORTE DI MARCO QUERINI

I FATTI

Sono da poco passate le 13, quando sulla strada che collega l' aeroporto Leonardo da Vinci alla Capitale, all' altezza dello svincolo di Magliana per il Raccordo, è accaduta la tragedia. Querini era alla guida di una Opel Corsa, quando improvvisamente ha accostato ed è sceso dall' auto per recuperare il denaro che gli era volato. Un vortice che gli avrebbe portato via un' ingente somma. L'uomo ha invaso anche la carreggiata dove erano in transito le auto, in direzione Roma: un ostacolo improvviso per chi sopraggiungeva, tanto da non essere visto.

 

Un' altra utilitaria, alla cui guida c' era una donna, A.M. 84 anni compiuti lo scorso 3 marzo, che non ha potuto evitare l' automobilista, colpendolo in pieno. Sbalzato, l' uomo ha riportato gravi lesioni: disperati i tentativi di rianimarlo con l' arrivo vano di un elicottero, atterrato sull' A91 bloccata. Sul posto gli uomini della polizia Stradale, i carabinieri a supporto e gli operai dell' Anas. Chiusa la carreggiata in direzione Roma e lunghe code. I rilievi sono stati effettuati dagli agenti della Stradale di via Magnasco.

 

I PRESENTI

LA MORTE DI MARCO QUERINI LA MORTE DI MARCO QUERINI

«Abbiamo visto quest' uomo sbucare all' improvviso dal nulla - ha detto un automobilista - sia io che mia moglie accanto a me, non c' eravamo accorti di nulla. Ma sono riuscito a frenare in tempo. L' auto che era davanti a noi invece lo ha centrato in pieno, purtroppo». «Qualcuno ha anche cercato di rianimarlo - ha ribadito un altro testimone - ma si è capito subito che non c' era nulla da fare. Forse è stato poco prudente, non lo possiamo dire spetterà agli investigatori ricostruire la dinamica dei fatti». Traffico e lunghe code per ore si sono registrate sulla Roma-Fiumicino.

 

Chiusa la carreggiata in direzione Roma per permettere all' eliambulanza di atterrare e, subito dopo, di decollare. Giusto il tempo di un touch e go viste le condizioni disperate dell' uomo che è spirato pochi minuti dopo. Sull' asfalto, disseminate banconote da 50 euro, quelle volate dall' abitacolo della vittima.

 

LE INDAGINI

«Molti automobilisti si sono fermati subito dopo l' impatto e hanno raccolto i soldi, intascandoseli», è il prezioso racconto di un testimone che nel primo pomeriggio di ieri si è presentato in una caserma dei carabinieri del Trullo per restituire 450 euro in contati raccolti proprio sul luogo dell' incidente e per mettere a verbale le sue dichiarazioni. L'inchiesta ora punta dritta ai soldi.

LA MORTE DI MARCO QUERINI LA MORTE DI MARCO QUERINI

 

Dai primi accertamenti eseguiti dagli investigatori, l' uomo stava viaggiando almeno con mille euro, ma si ipotizza qualcosa in più. Alla somma recuperata dal testimone che li ha consegnati ai militari, si è aggiunta infatti anche quella raccolta dai poliziotti intervenuti sul posto poco dopo l' investimento. Resta da accertare cosa sia accaduto all' interno dell' abitacolo della macchina della vittima.

 

IL GIALLO

Con quanti soldi di preciso viaggiava la vittima? E perché non li aveva sistemati in un posto al sicuro? Forse ne era entrato in possesso da poco e per questo erano stati appoggiati sul cruscotto o sul sedile anteriore in fretta e furia? Tutti interrogativi a cui dovranno rispondere gli inquirenti per venire a capo di un caso che ora non è più solo un incidente stradale.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…