''PER I MIEI FIGLI, IL PADRE È UNA VOCE SENZA CORPO'' - PARLA LA COMPAGNA DI ASSANGE. MENTRE LUI ERA RIFUGIATO NELL'AMBASCIATA ECUADORIANA, HANNO AVUTO DUE BAMBINI, CHE ORA HANNO TRE ANNI E 18 MESI. ''SE FOSSE ESTRADATO NEGLI USA, SAREBBE UNA SENTENZA DI MORTE PER LUI E ANCHE PER NOI. I PICCOLI RESTEREBBERO SENZA PADRE E IO SENZA L'UOMO CHE AMO, PER SEMPRE''. GLI STATI UNITI POTREBBERO CONDANNARLO A 175 ANNI DI GALERA…

-

Condividi questo articolo


Monica Ricci Sargentini per il ''Corriere della Sera''

 

 

stella morris stella morris

Non vorrebbe parlare della sua storia d' amore con Julian Assange e dei due figli nati mentre lui era rifugiato nell' ambasciata ecuadoriana a Londra ma Stella Moris, avvocata 37enne di origine sudafricana con in tasca una cittadinanza svedese e una spagnola, è costretta a rompere il riserbo nella speranza che l' esistenza di questa famiglia sui generis possa evitare al compagno l' estradizione negli Stati Uniti. «Per lui sarebbe una sentenza di morte e per noi qualcosa di simile. I miei figli rimarrebbero senza padre e io perderei l' uomo che amo per sempre» dice in una lunga intervista di Kirsty Lang pubblicata ieri sul magazine del Sunday Times .

stella morris con i due figli di julian assange stella morris con i due figli di julian assange

 

Le udienze per l' estradizione riprenderanno oggi dopo la sospensione dovuta al coronavirus e andranno avanti per quattro settimane ma bisognerà aspettare più a lungo per avere la sentenza.

Se sarà processato negli Stati Uniti il fondatore di Wikileaks rischia una condanna a 175 anni di carcere sulla base di 18 capi di imputazione dopo la pubblicazione sul suo sito, fra il 2010 e il 2011, di documenti riservati, ottenuti illegalmente, riguardanti le guerre in Iraq e in Afghanistan.

 

Gabriel, 3 anni, è la copia di Julian. Biondo, occhi azzurri spalancati sul mondo, prende in mano il telefono per parlare con il padre che è rinchiuso dall' 11 aprile 2019 nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh nel sud-est di Londra.

julian assange stella morris julian assange stella morris

 

Si dicono poche parole, poi il bimbo corre via. L' altro figlio, Max, 19 mesi, ha potuto vedere il papà per la prima volta ad aprile 2019 in carcere dove, però, è vietato il contatto fisico: «Per lui è solo una voce senza corpo. È stato crudele non poterlo abbracciare».

Julian e Stella si sono conosciuti nel 2011 quando lei è entrata a far parte della squadra legale che doveva difendere l' attivista da due accuse di stupro in Svezia. Quando si sono messi insieme, sei anni dopo, sapevano che la loro non sarebbe stata una relazione facile. Avere dei figli poi!

 

julian assange stella morris julian assange stella morris

«La nostra era una relazione stabile - spiega Moris al Times - e volevamo una famiglia. Abbiamo preso il controllo delle nostre vite perché su questo nessuno avrebbe potuto interferire». Certo la privacy all' interno dell' ambasciata era ridotta all' osso: telecamere ovunque tranne che nella stanza da letto. Ma alla fine, sostiene Stella, le avversità «ti permettono di conoscere il vero carattere di una persona» e lei descrive Assange come «un uomo rinascimentale del XXI secolo», un ritratto molto lontano dal narcisista, paranoico cui siamo abituati.

 

I due avrebbero voluto sposarsi tempo fa. Lui glielo chiese durante un incontro nella realtà virtuale quando lei era incinta di Gabriel. Se ci riusciranno si vedrà.

julian assange con la compagna stella moris julian assange con la compagna stella moris proteste a londra contro l'estradizione di julian assange 11 proteste a londra contro l'estradizione di julian assange 11 julian assange stella morris julian assange stella morris proteste a londra contro l'estradizione di julian assange 15 proteste a londra contro l'estradizione di julian assange 15 julian assange con il figlio gabriel nell'ambasciata dell'ecuador julian assange con il figlio gabriel nell'ambasciata dell'ecuador

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - SOLO CON UN ACCORDO SUL DOPO-DRAGHI A PALAZZO CHIGI, POTRÀ SCATTARE IL SEMAFORO VERDE PER DRAGHI SUL COLLE. ED È L’UNICO MODO PER CONVINCERE SALVINI -  DOPODICHÉ BISOGNA ACCORDARSI CON BERLUSCONI PERCHÉ IL PD NON PUÒ TROVARE UN’INTESA SUL QUIRINALE SOLO CON LA DESTRA DELLA LEGA SENZA IL CENTRO DI FORZA ITALIA - IL PREMIER DEL DOPO-DRAGHI DEVE ESSERE UN POLITICO AL DI SOPRA DELLE PARTI MA UN DRAGHI 2 NON C’È. I COLAO STANNO ALLA POLITICA COME ROCCO SIFFREDI ALLA FILOSOFIA - IL BANANA VUOLE CONTRATTARE CON SALVINI E MELONI LA PERSONA DA PROPORRE. AL MOMENTO, LA PRIMA SCELTA È IL LEGGENDARIO MATTARELLA BIS, A SEGUIRE CASINI CHE È PERÒ MALVISTO DA GIORGIA E MATTEO POICHÉ PIERFURBY È IN PARLAMENTO CON I VOTI DEL PD...

IL VOTO PER IL QUIRINALE È L’ENNESIMA OCCASIONE PERDUTA PER I PARTITI – GALLI DELLA LOGGIA E LE TRAME SOTTOBANCO PER ELEGGERE IL CAPO DELLO STATO: “PUÒ UNA DEMOCRAZIA FUNZIONARE IN QUESTO MODO? PUÒ IN UNO DEI MOMENTI PIÙ CRUCIALI DELLA VITA PUBBLICA SCEGLIERE IL SILENZIO ELUSIVO, LE ALLUSIONI, LE STRIZZATE D'OCCHIO, I MESSAGGI INDIRETTI?” – M. FELTRI: “ALLO STATO ABBIAMO UN PIANO A, ALMENO CINQUE PIANI B, FORSE QUATTRO PIANI C, IN ARRIVO È IL PIANO D E DITEMI VOI SE QUESTO NON È UN FIOR DI RETROSCENA”