1. ACCERCHIATO DALLE PROCURE E CON L’ECONOMIA SGONFIA, RENZI S’ATTACCA AI GREMBIULINI
2. DOPO 33 ANNI L’ITALIA OSPITA UN MEETING BLINDATO DELLA MISTERIOSA “TRILATERAL” ALL’HOTEL CAVALIERI DI MONTE MARIO, A ROMA. E MATTEUCCIO CHI MANDA A FARE GLI ONORI DI CASA? LA SUA COCCA MARIA ELENA BOSCHI, FIGLIA DI QUELLA TOSCANA GRAN VIVAIO DI LOGGE
3. CI SARA' L'ONNIPRESENTE MONICA MAGGIONI E YORAM GUTGELD. MARIO MONTI, ROSICA VISTO CHE NON LO FARANNO PARLARE: AL SUO POSTO SARA' "ASCOLTATO" ANDREA GUERRA
4. SABATO I PARTECIPANTI INCONTRERANNO PRIMA MATTARELLA E POI SARANNO RICEVUTI IN DA PAPA BERGOGLIO IN UN'UDIENZA ORGANIZZATA DAL PENSIONANDO CARDINALE GEORGE PELL 
5. ESCLUSIVO: ECCO IL PROGRAMMA DELL'INCONTRO DELLA "TRILATERAL" A ROMA 

Condividi questo articolo


renzi boschi renzi boschi

Luigi Bisignani per “Il Tempo”

 

Matteo Renzi, forse pentito di essersela presa con i poteri forti, con l’intento di riparare, spedisce al plenum della «Commissione Trilateral», che si riunisce oggi a Roma, i due fiori all’occhiello dell’esecutivo Maria Elena Boschi e Paolo Gentiloni. Assente giustificata sarà Federica Guidi, proprio lei che della Trilateral è stata per lungo tempo membro attivo. Erano ben 33 anni che l’assemblea plenaria, una sorta di leggendaria «Spectre», non si riuniva in Italia e per l’occasione è stato letteralmente blindato l’Hotel Cavalieri di Monte Mario.

TRILATERAL COMMISSION TRILATERAL COMMISSION

 

Nessuno troverà, a dispetto di alcune anacronistiche vulgate, cappucci e grembiuli; tuttavia questo club esclusivo mantiene ancora il fascino ambiguo e un po’ esoterico di quando nei primi anni Settanta venne fondato da David Rockefeller ed Henry Kissinger, ai quali si accodò per l’Italia Gianni Agnelli, quando la Fiat era la Fiat. Prima dell'avvento di internet, questa è lite economica e finanziaria si trovava a scadenze regolari in luoghi riservati per discutere i destini del mondo.

 

monica maggioni monica maggioni

Ora, adeguatasi ai tempi, ha perfino un sito internet e quest’anno, tra le consuete sessioni dedicate all’Europa e alla Cina, a Roma ce ne sarà anche una davvero inquietante sul pericolo nucleare che viene dalla Corea del Nord. Per il nostro Governo gli organizzatori hanno apparecchiato una bella vetrina.

 

mario monti john elkann mario monti john elkann

Nella prima tavola rotonda, infatti, parleranno entusiasticamente dell'Italia tre renziani che più doc di così non si può: oltre all'onnipresente Maria Elena Boschi, prenderanno la parola Andrea Guerra, anche lui fino a pochi mesi fa a Palazzo Chigi, e Yoram Gutgeld, che per conto di Renzi dovrebbe occuparsi di spending review. Il dibattito sarà moderato da Monica Maggioni, presidente della Rai e una delle poche habituée ammesse. Chissà cosa ne pensa della scelta degli ospiti Mario Monti, che nella Trilateral da sempre sta come il topo nel formaggio.

andrea guerra andrea guerra

 

Gli accreditati andranno al Quirinale da Sergio Mattarella, ma più di tutti ci tenevano a incontrare Bergoglio. Desiderio subito esaudito dal Pontefice, al quale non è sembrato vero ricevere in un colpo solo tanti uomini della finanza laica mondiale. Com’è noto, i soldi non hanno colore.

 

Mattarella Bergoglio Mattarella Bergoglio GEORGE PELL GEORGE PELL

IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 1 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 1 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 2 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 2 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 4 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 4 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 3 DI 4 IL PROGRAMMA DELLA TRILATERAL A ROMA 3 DI 4

Ad organizzare l'happening nella Sala Clementina, il cardinale australiano George Pell, che se la passa sempre peggio per non aver combattuto i numerosi casi di pedofilia avvenuti nel suo paese e che presto, pare, verrà mandato in pensione. Brutto segnale per la finanza cattolica, ora che anche la Trilateral è stata fatta entrare nella Sala Clementina dalle Guardie Svizzere.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...