ALTA TENSIONE TRA STARACE E GOVERNO – DRAGHI AVEVA INVITATO LE AZIENDE PARTECIPATE DI NON INTERVENIRE ALL'INCONTRO-ZOOM CON PUTIN, IN QUANTO "INOPPORTUNO" VISTO LA STATO DI ALTA TENSIONE RUSSIA-UCRAINA - IL CEO DELL'ENI, CLAUDIO DESCALZI, HA ACCOLTO L'INVITO. VICEVERSA IL CEO DELL'ENEL, FRANCESCO STARACE HA FATTO SPALLUCCE: ''DECIDO IO" E POI "HO DATO LA MIA PAROLA E DEVO PENSARE AGLI INTERESSI DELLA MIA AZIENDA" - QUESTO ENNESIMO SCREZIO TRA STARACE E IL GOVERNO VA AD AGGIUNGERSI A QUELLO CON IL MINISTRO CINGOLANI SUL FUTURO ENERGETICO DEL PAESE...

-

Condividi questo articolo


FRANCESCO STARACE A CERNOBBIO FRANCESCO STARACE A CERNOBBIO

DAGONEWS

Draghi, attraverso il suo capo di gabinetto Funiciello, aveva pregato i Ceo delle aziende partecipate dello Stato di non intervenire oggi all'incontro-Zoom con Putin, in quanto "inopportuno" visto la stato di alta tensione internazionale verso la Russia smaniosa di sottomettere l'Ucraina. 

 

ROBERTO cingolani ROBERTO cingolani

Il responsabile dell'Eni, Claudio Descalzi, ha accolto l'invito e non si è presentato all'incontro. Viceversa il Ceo dell'Enel, Francesco Starace ha fatto spallucce e avrebbe ribattuto a Funiciello che intanto ''decido io" e poi "ho dato la mia parola e devo pensare agli interessi della mia azienda".

 

VLADIMIR PUTIN IN COLLEGAMENTO CON GLI IMPRENDITORI ITALIANI VLADIMIR PUTIN IN COLLEGAMENTO CON GLI IMPRENDITORI ITALIANI

Questo ennesimo screzio tra Starace e il governo va ad aggiungersi a quello sul futuro energetico del paese: il boss dell'Enel è convinto che il futuro dell'energia risieda nelle rinnovabili, e che queste ci permetteranno di dipendere sempre meno dai gas naturali e dalla volatilità dei loro prezzi. Ovviamente il ministro della Transizione ecologica Cingolani la pensa come l'Unione Europea, inserendo nucleare e gas tra le fonti di energia utili alla transizione verde.  

MARIO DRAGHI E VLADIMIR PUTIN MARIO DRAGHI E VLADIMIR PUTIN

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”