ALTO-CAV! – BERLUSCONI SMENTISCE DI VOLERSI CANDIDARE A SINDACO DI MILANO CON UN “CITY MANAGER” (BADANTE) ACCANTO, MA PRIMA O POI IL CENTRODESTRA DOVRÀ DECIDERE CHI CANDIDARE ALLE AMMINISTRATIVE - A ROMA SONO GIÀ STATI BRUCIATI UN BEL PO’ DI NOMI: TAJANI, CATTANEO (CHE HA SMENTITO) E PURE NICOLA PORRO E MASSIMO GILETTI (CHE INVECE NON HA ESCLUSO LA CANDIDATURA). E POI C’È SGARBI CHE SI È MESSO IN MEZZO…

-

Condividi questo articolo

silvio berlusconi silvio berlusconi

Fabrizio de Feo per “il Giornale”

 

Cercasi candidati sindaci. Se non disperatamente, almeno intensamente considerato che la posta in gioco è alta e il tempo inizia a stringere.

 

Chiuso il capitolo Regionali, per il centrodestra la sfida si sposta verso Roma, Torino, Milano, Bologna e Napoli. Città oggi governate dal M5s, dal Pd e da una coalizione civica di sinistra nel capoluogo partenopeo.

 

BERLUSCONI NEL CLUB FORZA SILVIO DI MILANO BERLUSCONI NEL CLUB FORZA SILVIO DI MILANO

Partite difficili, ma non impossibili soprattutto se si riuscisse a partire per tempo in vista del voto in primavera. L'ultima suggestione è quella lanciata dal Messaggero: Silvio Berlusconi candidato a Milano con un city manager accanto. Un'idea che accende la fantasia visto il legame profondissimo del Cavaliere con la sua città, ma che viene smentita in maniera decisa dall'interessato e dal suo staff. In ogni caso l'intenzione dei leader è di spingere sull'acceleratore.

 

maurizio gasparri foto di bacco (4) maurizio gasparri foto di bacco (4)

Matteo Salvini incontra i parlamentari e i consiglieri regionali del Lazio e fa sapere di voler scegliere i candidati entro poche settimane.

 

E Forza Italia a Milano avvia una fase di due settimane dedicata all'ascolto delle categorie produttive. Un'iniziativa che vede Berlusconi impegnato direttamente a seguire ogni singola proposta per la sua città così come la formazione della squadra.

SILVIO BERLUSCONI ANTONIO TAJANI SILVIO BERLUSCONI ANTONIO TAJANI

 

«Milano è, e deve rimanere, motore dell'economia e dell'innovazione in Italia» sottolinea Cristina Rossello, commissario Fi di Milano.

 

SALVINI GILETTI SALVINI GILETTI

Oggi il leader della Lega si vedrà con Antonio Tajani e Giorgia Meloni. In serata poi i tre incontreranno i capigruppo. Dagli incontri difficilmente si uscirà con una rosa, ma almeno sull'identikit bisognerà fare dei passi in avanti. Per Roma sono molti i nomi usciti in questi giorni da Aurelio Regina, manager già ai vertici confindustriali, Nicola Porro, Massimo Giletti e Flavio Cattaneo. Ieri ha presentato la sua candidatura anche Vittorio Sgarbi con il simbolo Rinascimento con l'obiettivo di fare, appunto, «rinascere Roma».

 

Maurizio Gasparri, come commissario di Fi per Roma Capitale, si sta adoperando per strutturare proposta, squadra e contenuti: «Da diversi giorni ho proposto la formazione di una squadra di persone esperte e conosciute del mondo della politica e della società civile. E ho fatto dei nomi per quanto riguarda Fi indicando Tajani, Barelli, Gasparri, Letta e Bertolaso, ciascuno senza vincolo specifico di ruoli. Vedo con piacere che Salvini arriva alla stessa conclusione, dicendo che a Roma serve una squadra di cento persone.

sgarbi berlusconi sgarbi berlusconi

 

È esattamente quello che io sostengo e che come coordinatore di Forza Italia sto cercando di realizzare, guardando non solo all'interno del nostro partito ma anche nella società civile e a persone che in questi giorni ho contattato e contatterò. A Roma è difficile che una donna o un uomo della provvidenza risolva da solo i problemi giganteschi della Capitale. Ben venga quindi lo spirito di squadra. Nella società civile con Pierluigi Borghini abbiamo incontrato personalità pronte a rimboccarsi le maniche per la Capitale. E allora facciamo un incontro romano dei partiti del centrodestra per passare dalla teoria alla pratica».

SGARBI BERLUSCONI SGARBI BERLUSCONI

silvio berlusconi antonio tajani silvio berlusconi antonio tajani salvini berlusconi salvini berlusconi silvio berlusconi silvio berlusconi

 

Condividi questo articolo

politica

VENGHINO SIGNORI VENGHINO! - GIUSEPPE CONTE ANNUNCIA IL DECRETO "RISTORI", CON ALTRI FANTASTILIARDI CHE ARRIVERANNO DIRETTAMENTE SUI CONTI CORRENTI "NEI PROSSIMI GIORNI" (AUGURI) – LA POCHETTE CON LE UNGHIE DICE CHE LE MISURE RESTRITTIVE DEL DPCM SERVONO A EVITARE IL LOCKDOWN E SVUOTARE I MEZZI PUBBLICI. CHE NOTORIAMENTE VENGONO USATI LA SERA PER ANDARE A CENA, NON LA MATTINA DA MILIONI DI LAVORATORI E STUDENTI PER RAGGIUNGERE L’UFFICIO O LA SCUOLA – C’È ANCHE GUALTIERI A PALAZZO CHIGI A PARLARE. FORSE È SCAPPATO DAL MEF, DOVE CI SONO I TASSISTI CHE PROTESTANO