ANCHE BERGOGLIO PREPARA UN GOVERNO DI AUSTERITY

Il pontificato di Francesco sarà all’insegna della “spending review”: già si parla con insistenza di accorpamenti, razionalizzare alcuni uffici e rivedere le spese superflue - Il Papa è partito dal cuore del potere vaticano: sta incontrando i responsabili della Segreteria di Stato…

Condividi questo articolo


Franca Giansoldati per "il Messaggero"

PAPA FRANCESCO JORGE BERGOGLIOPAPA FRANCESCO JORGE BERGOGLIO

Ieri mattina a San Pietro il cardinale Comastri aveva appena finito di celebrare la messa per i dipendenti vaticani quando Papa Bergoglio è spuntato da una delle porte laterali per fare gli auguri di Pasqua ai presenti. Non appena si è trovato davanti la platea, con il cardinale arciprete a fianco, ha rotto il ghiaccio con una divertente battuta di Giovanni XXIII sui lavoratori d'Oltretevere. (Un giorno chiesero a Papa Roncalli: «Santità, quante persone lavorano in Vaticano?». E lui ridendo: «Più o meno la metà»).

IL PAPA BERGOGLIO IN PULLMAN CON I CARDINALIIL PAPA BERGOGLIO IN PULLMAN CON I CARDINALI

Papa Bergoglio, memore di quella storiella, ha chiosato: «E così voi sareste la metà?». La battuta ha subito strappato risate ma forse pure impensierito un po' i presenti, visto che con l'arrivo sul Soglio di Pietro di Francesco si sta facendo strada una linea decisamente più sobria e spartana. Le riforme sono ancora tutte da realizzare, ma intanto la riflessione è partita. E già si parla con insistenza di accorpamenti, di razionalizzare alcuni uffici, di rivedere le spese superflue.

Il Papa procederà verso le riforme richieste ma lo farà in modo graduale; chi lo conosce assicura che non vi saranno scossoni o passaggi particolarmente traumatici, insomma tutto accadrà per gradi. Dopo la presa di possesso della Basilica del Laterano, cerimonia fissata per domenica 7 aprile, è possibile che già nei giorni seguenti matureranno le prime mosse del pontificato.

NAPOLITANO CON PAPA BERGOGLIO jpegNAPOLITANO CON PAPA BERGOGLIO jpeg

Nel frattempo Papa Bergoglio, almeno in questa fase, si concentra ad ascoltare i capi dicastero e i responsabili dei vari settori della Segreteria di Stato. Tra le prossime nomine quella dell'arcivescovo di Buenos Aires. La Nacion anticipa che avrebbe già scelto Mario Poli, attuale vescovo della Pampa.

ANGELA MERKEL E PAPA BERGOGLIO jpegANGELA MERKEL E PAPA BERGOGLIO jpeg

PRIMA UDIENZA
La sua prima udienza del mercoledì è stata un tripudio, l'entusiamo della gente era alle stelle e alla fine Francesco si è fermato più di mezz'ora a stringere mani, baciare bambini e disabili. «Occorre uscire da se stessi per andare incontro agli altri, verso le periferie, verso quelli che sono più lontani».

CARDINALE ANGELO COMASTRICARDINALE ANGELO COMASTRI

Ha invitato a non calunniare il prossimo («è come il tradimento di Giuda») ed esortato la Chiesa ad andare nelle periferie. Intanto, grazie al cardinale cubano Ortega y Alamino, sono uscite altre indiscrezioni sul conclave. Francesco ha raccolto tanti voti per un discorso fatto nei giorni precedenti, mettendo in guardia da una «Chiesa malata di autoreferenzialità», contagiata dalla «mondanità spirituale».

Il testo apparso sul sito della diocesi cubana concludeva che questi avvertimenti devono «illuminare i possibili cambiamenti e le riforme da realizzare per la salvezza delle anime». Il programma del pontificato.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...