ARMA IMBIZZARRITA – I CARABINIERI PREOCCUPATI PER I RITARDI NELLA NOMINA DEL SOSTITUTO DI DEL SETTE. L’ATTUALE COMANDANTE FA IL TIFO PER IL VICE, COPPOLA. MENTRE I GENERALI AD UNA E DUE STELLE PUNTANO SU ROBUSTO – E MATTARELLA HA INIZIATO A INFORMARSI 

-

Condividi questo articolo


 

DAGONOTA

RENZI DEL SETTE RENZI DEL SETTE

 

Aumenta la tensione dentro i Carabinieri. E non tanto perché un ex Comandante viene candidato da Berlusconi, quanto perché il governo ancora non ha indicato il successore di Tullio del Sette; vale a dire, l’uomo che ha sostituito proprio Gallitelli.

 

L’attuale comandante generale scade il 15 gennaio e con il passare dei giorni aumenta l’ansia in Viale Romania. A determinare lo slittamento nella scelta (tanto per fare un esempio, il comandante della Guardia di Finanza è stato prorogato ben prima della scadenza), il sordo movimento messo in atto dai generali di brigata e di divisione dell’Arma.

VINCENZO COPPOLA VINCENZO COPPOLA

 

Del Sette non fa mistero che gradirebbe che a sostituirlo fosse il suo vice, gen. Vincenzo Coppola. Ma proprio i generali ad una ed a due stelle sono certi che l’onore della Benemerita possa risorgere solo nominando quale proprio Comandante il generale Luigi Robusto.

 

GENERALE DEI CARABINIERI LUIGI ROBUSTO GENERALE DEI CARABINIERI LUIGI ROBUSTO

La voce degli alti ufficiali è arrivata all’orecchio di Mattarella che, guarda caso, ha chiesto informazioni proprio su questo ex alunno della Nunziatella che ora comanda i carabinieri di Sicilia e Calabria.

 

Condividi questo articolo

politica

UNO SCENARIO DA PANICO - PER I DUE TERZI DEGLI ECONOMISTI A DAVOS, I SALARI NELLE ECONOMIE AVANZATE CALERANNO ANCORA! - A INCIDERE LA GUERRA IN UCRAINA, LE FIAMMATE DEI PREZZI DELL'ENERGIA, LO SPETTRO DI UNA CRISI ALIMENTARE. E I PAESI GIÀ PIÙ VULNERABILI, COME L'ITALIA, ORA LO SONO DI PIÙ - E CI ARRIVA ANCHE IL CALCIONE DEL “FINANCIAL TIMES” CHE, RICORDANDO LA DIPENDENZA ENERGETICA DELL’ITALIA DALLA RUSSIA, EVOCA IL RISCHIO DI UN PARZIALE DISINNESCO DEL POTENZIALE DI CRESCITA PNRR: “OGNI RITARDO NELLA SUA ATTUAZIONE, PERTANTO, RISCHIA DI ESSERE UN DANNO IRREPARABILE”

"L’ITALIA DEVE LIMITARE LA SPESA, IL CONGELAMENTO DELLE REGOLE NON È UN LIBERI TUTTI” - IL VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE DOMBROVSKIS TORNA A RANDELLARCI, RICORDANDOCI CHE I FONDI UE NON SONO UN PASTO GRATIS: “QUANDO ABBIAMO CONCORDATO I PIANI DI RIPRESA E RESILIENZA CON GLI STATI MEMBRI, C'È STATA UN'INTESA SULLE RIFORME E SUGLI INVESTIMENTI DA ATTUARE, CON TAPPE E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE. I RELATIVI FONDI DEL NEXT GENERATION EU SARANNO CONDIZIONATI AL RISPETTO DI QUESTE TAPPE E DI QUESTI OBIETTIVI. E IN AUTUNNO CI SARA’ NUOVO ESAME SUI CONTI - RESTA LA POSSIBILITÀ DI APRIRE PROCEDURE PER DISAVANZO ECCESSIVO…”

IL CONFLITTO IN UCRAINA È L’ANTIPASTO DELLA GUERRA TRA USA E CINA - BIDEN CONTINUA AD ALZARE LA TENSIONE CONTRO PECHINO E, DOPO AVER DETTO, IERI, CHE GLI USA INTERVERRANNO IN CASO DI INVASIONE DI TAIWAN, OGGI RIBADISCE IL CONCETTO: “LA GUERRA TRA MOSCA E KIEV ACCRESCE RISCHI SIMILI NELLA REGIONE INDO-PACIFICA” - LA REPLICA DEL REGIME COMUNISTA: “SIETE VOI CHE GIOCATE CON IL FUOCO” - IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO, LAVROV: “L’OCCIDENTE ASSUME UN ATTEGGIAMENTO DA DITTATORE, IL RAPPORTO CON LA CINA SI RAFFORZA…”