GLI ATTACCHI A GIORGIA MELONI SONO COSI' PRETESTUOSI CHE PERSINO LUCIANA LITTIZZETTO SCENDE IN CAMPO PER DIFENDERLA: “HA IL DIRITTO DI GUIDARE QUESTA NAZIONE SENZA PER QUESTO PRIVARE TUA FIGLIA DI UNA MADRE” – IL RIFERIMENTO E' ALLE CRITICHE ALLA DUCETTA "COLPEVOLE" DI AVER PORTATO SUA FIGLIA DI 6 ANNI AL G20 DI BALI: “SEI UN'APRIPISTA, FAI CHE OGNI MADRE POSSA PORTARE AVANTI LA SUA CARRIERA IN TOTALE PARITÀ E SENZA LO STIGMA DI AVER FATTO UN FIGLIO…”

-

Condividi questo articolo


 

 

Da www.lastampa.it

 

giorgia meloni conferenza stampa g20 di bali 2 giorgia meloni conferenza stampa g20 di bali 2

"Anche se non siamo quasi mai sulla stessa lunghezza d’onda, e neanche sulla stessa spiaggia e direi nemmeno sullo stesso litorale, stavolta sono dalla tua parte.. mi riferisco alla questione di Ginevra". Così Luciana Littizzetto a "Che tempo che fa" interviene sulla decisione di GIorgia Meloni di portare la figlia al G20.

giorgia meloni al g20 di bali. 1 giorgia meloni al g20 di bali. 1 LUCIANA LITTIZZETTO 1 LUCIANA LITTIZZETTO 1 luciana littizzetto che tempo che fa luciana littizzetto che tempo che fa LUCIANA LITTIZZETTO 2 LUCIANA LITTIZZETTO 2

 

Condividi questo articolo

politica

ORGE, METANFETAMINE E VIDEOGAME: LA VITA FOLLE DI SAM BANKMAN-FRIED E CAROLINE ELLISON – LUI È IL FONDATORE DI FTX, L’IMPERO DELLE CRIPTOVALUTE DA 32 MILIARDI DI DOLLARI FINITO IN BANCAROTTA. LEI LA CEO DI ALAMEDA RESEARCH, LA SOCIETÀ CHE FINANZIAVA GLI INVESTIMENTI GONFIATI E TRUFFALDINI DELLA SOCIETÀ DI TRADING. INSIEME, DA UN RESORT DI LUSSO ALLE BAHAMAS, PRATICAVANO IL POLIAMORE, E DA STRAFATTI SOGNAVANO DI CAMBIARE IL MONDO. NON È ANDATA PROPRIO COME VOLEVANO – TUTTA LA STORIA

“LA DIRIGENZA DI SINISTRA ITALIANA SAPEVA, LI AVEVO AVVISATI IO” – L’EX SENATRICE ELENA FATTORI INCASTRA FRATOIANNI SUL CASO SOUMAHORO: “HO VISITATO LA COOPERATIVA KARIBU. ERA SPORCA, FATISCENTE, C’ERA LA MUFFA. NE HO VISTE TANTE DI STRUTTURE, MA QUELLA È STATA LA PEGGIORE” – “NE HO PARLATO CON FRATOIANNI, MA NON HA PENSATO CHE FOSSE RILEVANTE. D'ALTRONDE SOUMAHORO AVEVA UN GRANDE PESO MEDIATICO. ERA APPENA COMPARSO SU UNA COPERTINA DI UN SETTIMANALE COME FUTURO LEADER DELLA SINISTRA” – “ESPELLERLO ORA SAREBBE IPOCRITA: LO HANNO CERCATO PER LA CANDIDATURA SAPENDO CHI ERA”