BABBO RENZI HA STAPPATO TROPPO PRESTO LO SPUMANTE. L’INCHIESTA CONSIP E' RIMASTA IN PIEDI MALGRADO L'INTERCETTAZIONE TAROCCATA – LA DUCETTO FAMILY S’E’ MESSA CONTRO “CAPITAN ULTIMO”, SCARFATO E’ UN SUO FEDELISSIMO. E SEMBRA NON SIA SAGGIO AVERE CONTRO L’UOMO CHE ARRESTO’ TOTO’ RIINA – EPPOI C’E’ IL CAPITOLO MARRONI: SE DOVESSE ESSERE DIMESSO DALLA CONSIP POTREBBE FARSI TORNARE LA MEMORIA SU ALTRI CASI RIGUARDANTI, MAGARI, IL BABBO DI MATTEO

Condividi questo articolo


 

DAGOREPORT

 

capitano ultimo capitano ultimo

Forse Babbo Tiziano ha festeggiato troppo presto nella sezione Pd di Rignano sull’Arno. Convinto che lo sputtanamento del capitano Scarfato per le intercettazioni taroccate lo abbia messo in salvo dall’inchiesta Consip, ha stappato spumante. Un po’ troppo presto a sentire chi segue le inchieste. L’intercettazione taroccata è solo una frazione delle carte che lo riguardano - l'impianto accusatorio è rimasto in piedi.

 

MATTEO E TIZIANO RENZI MATTEO E TIZIANO RENZI

Il cap. Scarfato è un allievo fedelissimo di Capitan Ultimo, al secolo Sergio Di Caprio. Ed avere contro l’uomo che ha arrestato Riina non è cosa saggia. Anche perché, seppure trasferito dietro una scrivania a fare il passacarte per l’Aise (il servizio segreto esterno) e blandito con un buon aumento di stipendio, Ultimo è e rimane un uomo d’azione. Diretta o per interposta persona.

 

Gianpaolo Scarfato Gianpaolo Scarfato

E nel caso specifico, l’azione indiretta è affidata proprio a Scarfato. Che sia stata una mossa improvvida quella bottiglia stappata da Babbo Renzi ne sono convinti anche nei piani alti dei Caramba. Le hanno provate tutte ad avere informazioni da Ultimo sulle indagini che aveva in corso. Niente. Non hanno mai ricevuto nemmeno una telefonata. Così, hanno dovuto fare una legge per disinnescarlo.

 

MATTEO RENZI E TULLIO DEL SETTE MATTEO RENZI E TULLIO DEL SETTE

Sergio risponde solo ai Pm di Napoli e non ai vertici dell'Arma. Forse sarà per questo che è rimasto colonnello mentre tutti i suoi colleghi d’accademia sono quantomeno generali di divisione.

 

C’è da chiedersi poi perché Ultimo sia finito al Nucleo operativo Ecologico (Noe) prima di approdare (da qualche mese) ai Servizi. Il motivo è semplice: con Woodcock condivide l'dea che quasi tutti i politici sono coinvolti con il malaffare. Della Prima, della Seconda e pure della Terza Repubblica. Per questo quella bottiglia stappata nel circolo Pd di Rignano, forse, è stata intempestiva.

luigi marroni luigi marroni

 

Le brutte notizie per la Ducetto family, però, non finiscono qui. Luigi Marroni, attuale ad di Consip, non ha nessuna intenzione di ritrattare le deposizioni in cui chiama in causa Babbo Tiziano. Il 28, però, il Senato vota la sua decadenza dall’incarico. Se così fosse, dicono che Marroni potrebbe anche ricordare altri particolari sulla famiglia Renzi…

 

 

henry john woodcock henry john woodcock

 

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA